Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Alerage condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Alerage, aggiungilo agli amici adesso.

Alerage
Cover Resident Evil: The Darkside Chronicles per Wii

Romero Chi?

Sapete una cosa? nonostante se ne dica sempre peste e corna degli spin-off di resident evil, io ho sempre apprezzato questa caratteristica del brand, ho sempre apprezzato il fatto che l'universo di resident evil si prestasse bene anche per generi differenti, come appunto gli fps con lightgun (survivor), i giochi online (outbreak), gli arcade (mercenaries) e tanti altri.

darkside chronicles è un capitolo che dovrebbe far parte del filone che si rifà al rail shooting e volendo vedere questo titolo (e il suo predecessore che ahimè non ho giocato, ma da quanto so, sono uguali) come variazione e raffinazione della serie survivor, bisogna ammettere che il salto di qualità rispetto a quei titoli c'è stato e anche di parecchio, la struttura a binari e i motion controller della wii si sposano perfettamente in un rail shooter che . . .avrebbe molto più da offrire, se non fosse per una realizzazione più cinematografica che da gioco.

Ovviamente mi tocca mettere le mani avanti, perchè nella sua realizzazione cinematografica non c'è nulla che stoni, anzi va fatto un plauso a chiunque abbia gestito in maniera così magistrale i piani sequenza della telecamera, movimenti così calibrati sono rari da vedere e per le prime ore di gioco si sente tantissimo la tensione anche nei momenti in cui non c'è nessuno a schermo, ma per l'appunto parlo delle prime ore di gioco, perchè la pigrizia assale anche i migliori, infatti ci ritroveremo spesso a rivivere la stessa medesima situazione più volte:
- entri in una stanza, cadaveri a terra
- non si alzano, ci passi vicino senza fare rumore (ZITTA CLAIRE)
- li superi di poco, succede qualcosa davanti a te
- i cadaveri iniziano a fare il solito verso da zombie pervertito e si alzano

questo ripetuto per ogni singola campagna di gioco.

Ci sono 3 campagne: la missione javier, gli avvenimenti di RE2 e quelli di Code:veronica.
Il gioco si colloca a livello di trama tra Code:veronica e RE4, nella missione Javier abbiamo Krauser e Leon come protagonisti, in missione in un paese del sud america alla ricerca di un contrabbandiere chiamato Javier che a quanto pare ha a che fare con Umbrella, le BOW(creature create in laboratorio) e i virus.
Krauser è solo un soldato non ha mai avuto a che fare con le BOW, quindi si fa raccontare da Leon gli avvenimenti di RE2 (seconda campagna).
Nella campagna di RE2 i protagonisti sono ovviamente Leon e Claire, dalla fine degli avvenimenti di RE2 seguiremo le vicende del culo di Claire (Doveva avere una honorable mention) e Steve in Code:veronica.

Ma torniamo al perchè RE:Darkside chronicles avrebbe potuto offrire di più, la questione è abbastanza semplice . . .
LE ANIMAZIONI SONO INVADENTI!
Vorresti sparare a quello zombie prima che abbia finito la sua entrata in scena? AH, povero illuso! i tuoi colpi non verrannò calcolati.
Vorresti ripulire l'area dagli zombie? col cavolo! movimento della telecamera ad mentula canis e - "OH NO, SONO TROPPI, DOBBIAMO SCAPPARE" - no, non è vero e lo sapete anche voi Leon, Krauser, Claire e Steve!
Vorresti sparare proprio ora al boss? eh non lo so, chissà se ti li faccio valere.

Per il resto il gioco è più che giocabile, è pure divertente, è godibile quanto un bel film d'azione (con qualche calo di framerate nelle fasi in cui è presente del fuoco a schermo).