Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Ghost Trick: Detective Fantasma

Sviluppato da Capcom e prodotto da Capcom, Ghost Trick: Detective Fantasma è un puzzle game uscito il 14 gennaio 2011 per DS · Pegi 7+

"Ghost Trick non possiede dei veri difetti. Certo, può benissimo non interessare a una schiera di giocatori che prediligono magari l'azione e che non digeriscono tonnellate di dialoghi. Succede. Ma sarebbe un peccato non dare una possibilità a questo piccolo capolavoro di game design, dotato di meccaniche raffinatissime e di una sceneggiatura di prim'ordine." da gamesvillage.it

9.4

Recensioni

31 utenti

Johnlocke07
Cover Ghost Trick: Detective Fantasma per DS

“Devo aver perso i sensi per un po’… mi sento confuso, come se nuotassi nell’oscurità. Al risveglio, ecco che mi ritrovo di fronte una ragazza sconosciuta. O che non ricordo. Ma ecco un altro tizio con un fucile. Non l’ho mai visto. O almeno credo… Non sono il tipo che se ne sta a guardare mentre sparano ad una povera ragazza… ma… ho solo un piccolo problema…

" SONO MORTO.” xd

https://www.youtube.com/watch?v=HVBDt3VR ..

Ghost Trick è un puzzle game con una storia geniale, ricca di humor e battutacce, xd complessa e profonda. Probabilmente tra le migliori che abbia mai assaporato negli ultimi 10 anni. Abbiate fiducia quando vi dico di essere stato testimone di una delle sceneggiature più geniali e coinvolgenti della storia videoludica. Per quanto il coinvolgimento sa essere un parametro soggettivo, Ghost Trick fornisce davvero troppi elementi per non rimanerne colpiti e rapiti. Qui c'è solo da apprezzare ogni elemento proposto senza esserne in grado di muoverne alcuna critica.

L'immedesimazione, l'empatia col protagonista è immediata e parte integrante ed essenziale della completa gratificazione, soddisfazione, che inesorabilmente riceveremo. Il mistero che ruota non solo sulla sua morte, ma sulla sua stessa esistenza ci pone nella sua medesima condizione di oscurità, in quanto egli non ricorderà assolutamente nulla. Accompagnandolo e facendo luce sul mistero che lo attanaglia ci permette fin da subito di costruire questo solido e pazzesco legame. La nostra anima possiederà la console del DS esattamente come l'anima del protagonista potrà trasferirsi negli oggetti attraverso il potere dei morti che prende appunto il nome di Ghost Trick.

Guideremo lo spirito di questa persona, la quale come accennato prenderà possesso degli oggetti ( Ghost) e saremo capaci di manipolarli ( Strick ) ... in brevissimo tempo acquisiremo altri poteri che ci permetteranno di risolvere questo intricatissimo intreccio narrativo, semplice dal punto di vista del gameplay, ma sempre geniale dal punto di vista visivo.

Gli oggetti da poter possedere sono provvisti di un nucleo e quindi ci potremmo spostare tra vari nuclei per esaminare o utilizzare l'oggetto in questione, tuttavia non è possibile spostarsi tra nuclei troppo distanti tra loro, come se non bastasse bisogna superare certi rompicapi anche in un preciso tempismo. Nulla di assolutamente complicato o impossibile e proprio per questo si avrà modo di godere e concentrarsi maggiormente su quello che è sicuramente il top dell'eccellenza: La trama, i personaggi, l'atmosfera, i colpi di scena. Sottolineo che il gameplay non mi ha affatto deluso e mi è piaciuto tantissimo! Non ci sarà modo di distogliere lo sguardo altrove, mi ha preso talmente tanto che sarei stato capace di divorarmelo in 3 giorni, ma oggi non sarebbe stata la stessa cosa.

Ghost Trick narra la sua storia in svariati capitoli, non dirò quanti sono per non rovinare alcuna sorpresa a chi non abbia avuto ancora il piacere di giocarlo. Ebbene io presi una decisione, una decisione che ha sicuramente contribuito a rendere Ghost Trick uno dei miei giochi preferiti in assoluto. Un solo capitolo al giorno, SOLTANTO UNO gliene ho concesso... ogni attesa, ogni 24 ore erano pause interminabili, più concludevo un capitolo più volevo saperne di più, più andavo avanti, più scoprivo dettagli, più scoprivo, più si agganciavano altri misteri e più mi intrigava, non c'è stato un solo singolo momento in cui mi sia annoiato o che abbia previsto il quadro completo di quello che andavo man mano a interpretare, analizzare, intuire. Fu una continua sorpresa e scoperta, una narrazione sempre scorrevole, appesantita da nulla, grazie ad un ritmo sempre sostenuto, sempre ben equilibrato. Me ne accorsi subito e proprio per questo ho ritenuto opportuno non andare oltre un capitolo per assorbire tutte le informazioni in esso contenute. E tutto solo per godermelo appieno, avendo trascorso così tanto tempo, verso gli ultimi capitoli aspettare è stato veramente arduo, e fare altro senza pensare a Ghost Trick... era impossibile.

Ogni capitolo riserva un notevole quantitativo di informazioni, attraverso molti dialoghi, tanti personaggi tutti perfettamente caratterizzati e carismatici.
Essendo colui che guideremo uno spirito, toccava giocare dietro le quinte, si potevano scoprire i pensieri dei personaggi che comparivano sulla scena. Bellissimo il dover essere partecipi in questo modo dei pensieri di tutti e del loro modo di porsi dinnanzi alle conseguenze del Ghost Trick. Le sorprese non finiscono certo qua! Qualcuno ha parlato di viaggi nel tempo? Con Ghost Trick si avrà modo fin da subito di tornare indietro nel tempo per modificare il destino di una vittima, o più precisamente di rivivere i 4 minuti prima della morte. Riavvolgere il tempo è un dono che ci permetterà di modificare e alterare diversi destini, eppure anche dopo Steins;Gate, anche dopo Life is Strange, Ghost Trick mi ha dato qualcosa di nuovo, qualcosa di estremamente toccante e geniale, lasciandomi nel cuore un grande vuoto e ciò mi accade solo quando un gioco ha delle impareggiabili qualità.

Ghost Trick ha carisma, carisma da vendere, sa come farmi uscire fuori di testa e questo non è un bene per me, dal momento che non faccio altro che pensarci. Il titolo non sarà rigiocabile, ma basta voler riemergersi nella storia e la si rivive una bellezza pur perdendo il fascino del mistero. Quante volte pensate abbia caricato gli ultimi 2 capitoli o il primo capitolo? ( di cui avevo ricordi un po vaghi )

Le animazioni sono CURATISSIME, per un gioco che dovrebbe avere certi limiti tecnici Ghost Trick riesce a sfoggiare grafica, disegno e animazioni perfette, convincenti, ben studiate. Tutto è ben studiato. Ho provato più volte a trovare un difetto serio, ma praticamente e teoricamente non vi sono difetti. Certo è semplice, certo non è impegnativo, certo è un capolavoro! sisi La colonna sonora è un altro pregio, una trentina di brani, perfettamente sposati con lo stile e con l'atmosfera, alcune tracce poi sono l'epicità. Non è raro che ci si possa affezionare a tal punto, ma è raro trovare tanta qualità per un gioco targato Capcom per DS. Quindi urge, la valutazione massima, per un videogioco che non dimenticherò, per un titolo così geniale, semplice, divertente, profondo, complesso, caratterizzato, bello, carismatico.

Peccato si finisca solo in 12/15 ore........... ma perchè io l'ho finito in 25?? rotfl per ogni capitolo consiglio di ritornare nei precedenti luoghi scoperti,..... come si fa a ritornare nei precedenti luoghi? Utilizzando le linee telefoniche, lo spirito può collegarsi attraverso le linee e....
e.....e .... fu così che non si finirà mai, mai di porre la parola fine alla genialità di Ghost Trick.

Sconsiglio il gioco per chi vuole giocare e basta... è un genere che si avvicina un po a quello delle visual novel.. dialoghi, dialoghi e ancora dialoghi!! Amate leggere? Amate le storie interessanti? Allora cogliete l'occasione e se siete fortunati, se non vi ho riempito troppo di Hype, sorvolerà ogni più rosea aspettativa. Io credevo che fosse un bel titolo come tanti, con tanti personaggi secondari fine a se stessi, invece così non lo è per niente stato, offrendomi personalità varie e distinte intrecciate da un unico grande destino ambientato in una sola oscura e misteriosa notte.

https://www.youtube.com/watch?v=VUGlC8WO ..

"The Gods, They're the ones who saved you"
"I wanted light..Distorted...artificial light..."

"E così il destino ha portato qui anche te" ( me ) !! :(

Ragazzi non è facile, non è facile posare Ghost Trick e cambiare titolo, è da quando l'ho finito che non riesco a farlo, forse solo adesso, dopo quanto scritto, metterò la parola fine a questo piccolo capolavoro.

10

Voto assegnato da Johnlocke07
Media utenti: 9.4 · Recensioni della critica: 8.7

Daniel San
Cover Ghost Trick: Detective Fantasma per DS

Volete un gioco con un gameplay originale, divertente e impegnativo al punto giusto? Ghost Trick ce l'ha. Volete un gioco con una trama coinvolgente, sceneggiata da Dio e ricca di colpi di scena? Ghost Trick ce l'ha. Volete un gioco con dei personaggi caratterizzati egregiamente e difficili da dimenticare? Ghost Trick ce li ha. Volete un gioco con uno stile grafico sublime e animazioni perfette? Ghost Trick ce li ha. Volete un gioco con una colonna sonora meravigliosa? Ghost Trick ce l'ha. Volete un gioco longevo e altamente rigiocabile? Ecco, forse questo Ghost Trick non ce l'ha, ma poco importa. Se volete bene a voi stessi, GIOCATELO.

10

Voto assegnato da Daniel San
Media utenti: 9.4 · Recensioni della critica: 8.7

Daniel San

Credo che questa immagine rappresenti perfettamente come mi sento in questo momento. http://ldm.r1-it.storage.cloud.it/img/14 .. Cioè ragazzi, ma che GIOCONE è Ghost Trick? Personalmente non riesco a trovargli difetti. Gameplay originalissimo e unico, un cast caratterizzato divinamente, animazioni perfette, sfondi dettagliatissimi, una colonna sonora meravigliosa e una trama che, boh, credo di amare Shu Takumi.
Sicuramente avrebbe meritato maggior notorietà e successo, ma si sa, prima ci si lamenta che "non ci sono più i giochi di una volta", che "ormai i giochi sono tutti uguali", e poi quando escono perle di questo calibro, originali ed estremamente coinvolgenti, se ne parla pochissimo e di conseguenza vendono una miseria. GG
P.S. Cambio d'avatar obbligatorio

Daniel San

Colpi di scena su colpi di scena

Felix98

Felix98 ha scritto una recensione su Ghost Trick: Detective Fantasma

Cover Ghost Trick: Detective Fantasma per DS

Mentre in casa Capcom si stanno probabilmente scervellando su quante armi mettere nel prossimo Resident Evil, o quante versioni far uscire del prossimo Street Fighter, il team interno capitanato da Shu Takumi crea nel lontano 2001 la saga di Ace Attorney (all'epoca Ghyakuten Saiban) nel solo Giappone con due capitoli per GBA, il fortunato portatile Nintendo.
La serie si distinse dalla massa grazie a delle meccaniche particolari e dei personaggi unici, tanto che si decise di portare anche in Occidente la serie, purtroppo molti anni dopo, e su Nintendo DS.
Nel 2010 invece, Shu Takumi crea Ghost Trick, un gioco innovativo e con una trama ancora più complessa di quella di Ace Attorney, che si dimostra un gioco degno di essere ricordato. Oggigiorno non si parla molto di questo titolo, ma si può sapere perché è così amato da chi ha avuto la fortuna di giocarlo? Proseguiamo.

Il gioco inizia nel migliore dei modi... ci scappa subito il morto! Troveremo il protagonista del gioco, ipoteticamente chiamato Sissel, morto, in una discarica.
Vicino a lui ci sono una ragazza e un sicario. Il sicario spara alla ragazza e il corpo di Sissel viene spinto giù nella discarica.
A quel punto, poi, l'imprevedibile. Sissel, morendo, acquisisce stranissimi poteri, che gli consentono di spostarsi attraverso gli oggetti e interagire con essi.
E non è tutto, può anche tornare indietro di quattro minuti dalla morte di una persona, avendo così l'occasione di salvarla, ma di tutto questo ne parleremo in seguito.
L'obiettivo di Sissel sarà quello di scoprire chi lo ha ucciso e per quale motivo, senza più la memoria, e tutto questo in una notte.

Come già detto in precedenza, Sissel ha degli stranissimi poteri.
Tramite lo stilo del DS, potremo svolgere determinate azioni, in due diverse fasi.
Nella fase Ghost, potremo spostare lo spirito di Sissel attraverso gli oggetti.
Nella fase Trick, potremo interagire con l'oggetto, ed è una fase DECISIVA per la risoluzione delle fasi denominate "quattro minuti prima della morte", o anche per spostarsi.
Sissel inoltre può spostarsi da una parte della città all'altra tramite le linee telefoniche, che ricorda molto lo spostamento nelle fasi investigative di Ace Attorney.
Quando non saremo impegnati in un "quattro minuti prima della morte", la fase "esplorativa" ricorda difatti anch'essa Ace Attorney.
Ma ora veniamo al culmine del gioco, dove il gameplay raggiunge il suo apice, ovvero le già citate fasi "quattro minuti prima della morte".
Sissel ha la capacità di tornare quattro minuti prima della morte di una persona, tentando di stravolgere gli eventi con i suoi Ghost Trick, cercando di salvarla.
In queste fasi si ha tempo fino a quando la persona che salveremo non morirà, assistendo alla scena, studiandola e ragionando su tutte le azioni possibili.
Queste fasi sono colme di tensione, e per alcuni passaggi è richiesto molto tempismo.
Quando salveremo qualcuno, tornati nel presente, potremmo anche parlare li semplicemente avvicinandoci a lui.
Per tutta la sua durata, il gioco intriga e non annoia mai, specie grazie alla narrazione.
Ho portato a termine il gioco in circa 15 ore, ma non ci sono ne extra ne altri stimoli alla rigiocabilità, difetto comune anche della serie di Ace Attorney.
Ci tengo anche a precisare che il titolo è tradotto in Italiano, tanto per non scoraggiare i non avvezzi alle lingue straniere.

Il comparto grafico del gioco svolge il suo onesto lavoro, ma eccelle soprattutto nel comparto animazioni, ricche di dettagli, stilose e fluide.
Ghost Trick è un esempio perfetto di compromesso tra hardware e stile grafico, risultando quindi sempre godibile pur sul "piccolo" due schermi di Nintendo.
Dal lato del sonoro siamo decisamente più in avanti, con ottime tracce adatte a tutte le occasioni (e che spesso e volentieri ricordano Ace Attorney!).

Ghost Trick è un gioco che tutti i possessori della console Nintendo dovrebbero provare almeno una volta nella vita.
Un gameplay unico nel suo genere ed una trama coinvolgente ai massimi livelli ne fanno uno dei migliori titoli disponibili al momento su DS. Peccato per la scarsa rigiocabilità, ma rigiocarci dopo qualche anno saprà comunque riportarvi ai felici (e drammatici) momenti della prima run... beh, esclusi i plot twist ovviamente, a meno che non vi siate scordati anche quelli.
Essere morti non è mai stato così bello.

Non ci sono interventi da mostrare.