Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Il Wii o la Wii?

Devi accedere per votare.

antonio sannaLa Wii, che sta per la Nintendo Wii, quando si nomina la Nintendo non viene chiamata il Nintendo. Anche se con il sarebbe intesa la console :hmm:
Diciamo che solitamente quando si antepone spesso la marca al nome della console si pronuncia al maschile quasi d'istinto, per distinguere la marca dalla console. Ad esempio IL SEGA Mega Drive ed IL Nintendo DS, che poi anche perdendo il nome della marca si pronunciano al maschile (il Mega Drive ed il DS).
Negli altri casi si pronuncia al femminile. Qui in italia nessuno dice "il Sony PSP" o "il Sony PS3", quindi ci si limita a chiamarle "la PSP" e la "PS3"
Non piace a 1 persona
Rispondi
FireJohnDiciamo che solitamente quando si antepone spesso la marca al nome della console si pronuncia al maschile quasi d'istinto, per distinguere la marca dalla console. Ad esempio IL SEGA Mega Drive ed IL Nintendo DS, che poi anche perdendo il nome della marca si pronunciano al maschile (il Mega Drive ed il DS).
Negli altri casi si pronuncia al femminile. Qui in italia nessuno dice "il Sony PSP" o "il Sony PS3", quindi ci si limita a chiamarle "la PSP" e la "PS3"
No aspetta, la PS3 e la PSP vengono pronunciate al femminile per via della desinenza femminile in italiano. Mi spiego, PlayStation = Stazione di gioco, LA stazione di gioco sisi
Rispondi
LucaLinkPer me tutte ste regole strane sono puttanate, e l'articolo lo si sceglie in base a come suona meglio. Nintendo stessa, in questo caso, ha pensato che quello meno cacofonico fosse "il".
Queste regole strane vengono chiamate "grammatica italiana", cosa che alcuni dovrebbero rileggersi.
Piace a 1 persona
Rispondi
Sneaky_Snake47si mette l'articolo in base a comè la traduzione in italiano

Non necessariamente.

Wikipedia:

Genere dei nomi di origine straniera [modifica]

Nel caso del genere dei sostantivi di origine straniera non si possono formulare delle regole fisse, ma delle linee di tendenza che possono trovarsi in contraddizione reciproca:

  • Stando alla grammatica tradizionale, i sostantivi che terminano in consonante - che costituiscono una buona parte dei nomi di origine straniera - sarebbero quasi tutti maschili (Cfr. Serianni 1989): il film, il basket. Infatti, il maschile è il genere non marcato.


  • Per quanto riguarda il primo punto, non si tratta di una regola stringente. Ad esempio, diversi neologismi del campo delle comunicazioni e dell'informatica sono spesso femminili o attestabili in entrambi i generi. Il fenomeno riguarda tanto quelli che terminano in consonante quanto gli altri (una chat, un'e-mail, una directory). Questo fenomeno si può spiegare in vari modi: molto spesso, si tende anche a preferire il genere di quello che sarebbe il corrispondente italiano della parola presa in prestito. La parola italiana e-mail è talvolta traducibile con posta elettronica e questo può spiegare il genere femminile della parola. Come il primo, neanche questo secondo criterio può essere applicato sistematicamente, dato che è facile che il corrispondente italiano non esista, o che si preferisca semplicemente la regola esposta in precedenza (web è maschile malgradorete sia femminile).


  • Può giocare un ruolo anche il genere delle parole nella lingua di provenienza (la toilette, il papillon, la samba, l'oktoberfest); anche questo criterio può essere problematico dato che l'italiano non dispone del neutro, mentre la maggior parte dei prestiti linguistici riguarda nomi di cosa inglesi (e quindi di genere sistematicamente neutro). Generalmente, il neutro viene reso in italiano con il maschile, il genere non marcato. Comunque, i casi ambigui sono numerosi.
In casi del genere potrebbe essere di aiuto un dizionario, dato che si tratta di fenomeni molto difficilmente prevedibili: è infatti un problema di natura più lessicale che grammaticale.