Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Kiryu condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Kiryu, aggiungilo agli amici adesso.

Kiryu

Kiryu ha scritto una recensione su Bound

Cover Bound per PS4

Bound è un po' come Limbo: tanto stile, poca sostanza. Questo titolo in esclusiva per PS4 è, sopratutto in certi punti, definibile come "magico" per la bellezza visiva che ci viene offerta. Vi ritroverete davanti un mondo di poligoni e colori abbaglianti che, nella loro relativa semplicità, sanno essere una vera e propria gioia per gli occhi. Purtroppo però la magia finisce qui.

Bound racconta una storia che tutto sommato sarebbe potuta essere interessante ma che manca di profondità - complice l'irrisoria durata del gioco, completabile in poche ore. Non sono riuscito a legarmi alla protagonista o a provare empatia nei suoi confronti (non che mi capiti poi così spesso ma non è quello il punto). Per certi versi Bound mi ha ricordato Journey, con la differenza che quest'ultimo mi ha colpito forte come un treno in corsa. Di conseguenza, vi consiglio senza alcun dubbio l'altro titolo piuttosto che questo. Potrei spendere qualche altra riga a parlare del gameplay a malapena influente o della colonna sonora d'accompagnamento carina ma rovinata dalla sua limitatezza, ma non ne ho voglia perché è dalle 18:00 che mi ripeto di andare a studiare e ancora non l'ho fatto.

Essenzialmente è un videogioco che emoziona di più per quello che andrete a vedere che non per quello che andrete a giocare. Ho giocato Bound solo perché disponibile col plus, altrimenti non lo consiglierei assolutamente. Se avete un VR, è il momento di tirarlo fuori: almeno godrete appieno di questo spettacolo visivo. Per il resto, è stata un'esperienza abbastanza blanda.