Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Immagine di sfondo Premi sull'immagine e trascinala per spostarla

Su l'Angolo dello Sfogo

L'angolo dello sfogo serve a te, che hai superato la tua soglia di sopportazione dentro e fuori il mondo dei videogiochi, dal troll su internet al trapano che ti sveglia alle 06 della domenica mattina. Sfogati!

Comunità

Mark

Più che uno sfogo è una riflessione. Riflettevo sul figlio della mia compagna e sulla sua adolescenza. Ormai ha 12 anni e a mio parere né lui né i suoi coetanei (per quel che ho avuto modo di vedere) stanno vivendo la loro giovinezza.
Alla loro età avevo mille interessi. Disegnavo, giocavo a più non posso, collezionavo carte, guardavo TONNELLATE di film e anime di ogni genere (quelli che andavano in onda al pomeriggio su Italia 1, si insomma avete capito), mi ritrovavo quotidianamente con gli amici per -appunto- giocare, scambiare carte, fare giochi da tavolo o più semplicemente per fare un giro in bici al fiume, si insomma il tempo libero volava senza che me ne accorgessi, avevo SEMPRE qualcosa da fare, avevo solo l imbarazzo della scelta.

A 12 anni adesso... non fanno un cazzo. Ma veramente un cazzo. Non hanno interessi o passioni che si possano definire tali, si stancano subito di qualsiasi cosa, gli amici vanno e vengono (servono perlopiù per passare il tempo e rompere la monotonia di tanto in tanto)... Le forme di divertimento ricorrenti al giorno d'oggi sono:

-stare ore davanti alla TV sostanzialmente a fare zapping, senza seguire veramente nessun programma/anime se non rari casi
-cazzeggiare sul PC/smartphone (solitamente su YouTube a guardare canali di dubbio gusto fatti per i gggiovani tipo Favij e simili)
-giochicchiare ai giochi visti nei suddetti canali, magari tentando di imitare i relativi youtuber

BASTA
Tutto il resto è divertimento mordi&fuggi, nel senso che qualsiasi altro hobby dura uno o due giorni prima di diventare noioso e venire abbandonato.
So che sembrano stereotipi ma GIURO, è quello che sto notando da qualche mese a questa parte, anche vedendo i figli di altri parenti e/o conoscenti.

Non dico che la mia infanzia fosse perfetta e che rappresentasse un esempio da seguire, ma ero felice, ERAVAMO felici, avevamo tante cose divertenti che ci tenevano impegnati e che ci tengono impegnati tutt'ora, ho letteralmente AMATO la mia infanzia e la mia adolescenza.
I ragazzi di oggi invece.. cosa ricorderanno della loro adolescenza? È tutto così triste. Tento di coinvolgerlo in qualcosa di diverso che facevo alla sua età, tipo appunto fare giochi da tavolo, girare in bicicletta, giocare in coop a robe d altri tempi tipo Crash Bash e simili... Ma dura qualche giorno e poi basta. Hanno poco interesse, poca inventiva, poca fantasia, poco stimolo. Sono pigri da fare schifo. Non sembrano neanche ragazzini, sembrano dei piccoli anziani in pensione. Non so. Non è uno sfogo, è più una riflessione su quanto siano cambiate le cose in una sola generazione.