Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Matthews condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Matthews, aggiungilo agli amici adesso.

Matthews

Matthews ha scritto una recensione su Middle-earth: Shadow of War

Cover Middle-earth: Shadow of War per PS4

3 anni fa Monolith Studios stupì tutti quanti portando sul mercato un titolo che prendeva molto spinto dalla serie Arkham di Batman e da Assassin’s Creed, con un sistema Nemesis estremamente innovativo ed interessante. Il seguito è “L’ombra della guerra”, un gioco che va ad approfondire la trama del primo capitolo e a rinforzare il sistema Nemesis. Tuttavia non sono mancate le critiche, andiamo a scoprire il perché. Il gioco ci catapulta nuovamente nei panni di Talion, un ramingo che “vive” (e chi ha giocato L’Ombra di Mordor sa perché ci sono le virgolette) in simbiosi con lo spettro di un elfo di nome Celebrimbor. Il nostro compito sarà quello di conquistare tutte le regioni di Mordor e formare un esercito per sconfiggere Sauron, aiutati dall’anello forgiato dall’elfo. Il gameplay riprende il capitolo precedente, con un sistema di combattimento a mio parere perfetto e con una struttura sandbox rinforzata, saranno infatti 5 i territori esplorabili e non solo 2. Molta importanza assume la modalità assedio e conquista, nella quale dovremo dominare e portare dalla nostra parte gli orchi presenti in una determinata regione, per poi assaltare la fortezza relativa e impadronircene. Sono presenti anche numerose altre missioni facenti parte della storia principale, tuttavia il gioco ha un enorme difetto: LA RIPETITIVITA’. Perché nonostante le missioni abbiamo un movente diverso ed una storia che alla base è diversa per ciascuna, il tutto si riduce alla fine ad un’uccisione di orchi vari, se non orchi, nemici di varia tipologia, portando quindi il giocatore alla fine del terzo atto alla completa noia, per poi arrivare al disastroso, a mio parere, quarto atto. Qui dovremo difendere le fortezze conquistate per un numero altissimo di volte, costringendoci anche a potenziare gli orchi addestrati. Tutto ciò non sarebbe negativo, se non fosse che ci si ritrova per circa 30 ore a svolgere le medesime azioni, facendo sembrare questo atto un’aggiunta dell’ultimo minuto utilizzata per inserire le microtransazioni e convincere il giocatore a sborsare moneta reale per evitare di arrivare stremato alla fine. I difetti però non finiscono qui, perché sono presenti errori che nel 2018 andrebbero completamente eliminati, come la mancanza del cambio di attrezzatura di Talion in alcune cutscene, nelle quali viene ripristinata quella di default. Dal punto di vista tecnico la grafica non è nulla di che, ma si lascia guardare, mentre il sonoro è ottimo. Sono però presenti numerosi bug e incantamenti del personaggio in alcune sezioni di gameplay.

PRO:
-GAMEPLAY SOLIDO: sicuramente il gameplay è solido, con un sistema di combattimento praticamente perfetto
-2 GIOCHI IN 1: la componente gestionale fa sì che ci siano praticamente 2 giochi all’interno dello stesso disco, molto apprezzato

CONTRO:
-RIPETITIVO: per carità, il gioco è solido, si lascia giocare, ma svolgere le stesse azioni per quasi 40 ore diventa straziante
-PROBLEMI TECNICI: inutile nascondersi, i problemi tecnici ci sono, e anche alcune vaccate come l’equipaggiamento di Talion che non cambia nelle cut-scene

Matthews

Matthews ha scritto una recensione su Horizon Zero Dawn

Cover Horizon Zero Dawn per PS4

Quando hanno annunciato Horizon siamo rimasti tutti a bocca aperta, principalmente perché ci trovavamo davanti ad una potenziale killer application di PS4, ma spesso più sono grossi più fanno rumore quando cadono. Avrà rispettato le attese? Il gioco ci catapulta in un mondo post apocalittico nel quale tribù allo stato primitivo sono affiancate da macchine ultra futuristiche con sembianze animalesche. In questo scenario paradossale è surreale vestiremo i panni di Aloy, una giovane ragazza emarginata dalla tribù dei Nora, ed onde evitare anticipazioni mi fermo qui sulla trama, perché a mio parere chi possiede una PS4 deve aver giocato questo gioco. Trama che senza alcun dubbio è un importante aspetto comprimario del gioco, nulla di eccezionale, ma è sicuramente una buona trama che si lascia giocare e ci spinge a proseguire nell’avventura. Sono presenti innumerevoli missioni secondarie che ci permetteranno di guadagnare punti esperienza e di potenziare il nostro equipaggiamento. Sarà inoltre possibile dare la caccia alle numerose macchine presenti all’interno del gioco, distruggendole e cercando di ottenere componenti rare. In aggiunta a queste side quest sono presenti altre numerose quest secondarie, le più rilevanti sono senza alcun dubbio i calderoni, ovvero delle specie di fabbriche sotterranee nelle quali le macchine prendono vita, e i campi di banditi. Il tutto viene proposto attraverso un gameplay davvero ottimale, con un ottimo sistema di mira, estremamente veloce e dinamico a cui il giocatore impiega davvero pochissimo te,po ad abituarsi. Le uniche note negative sono riscontrabili nel combattimento corpo a corpo, dove manca di fatto un feedback al giocatore facendo sembrare che si colpisca il vuoto, e la presenza di alcuni indicatori di direzione leggermente incasinati. Altra nota negativa da segnalare sono i menù non sempre chiarissimi, ma nulla che vada a rovinare l’esperienza di gioco. Passando al lato tecnico lo sapete meglio di me che ci troviamo di fronte ad un titolo dalla grafica mostruosa, con un livello di dettaglio a dir poco impressionante, anche su PS4 standard, condito da un ottimo doppiaggio. Nota negativa, figlia appunto di questa grande potenza sono i caricamenti che, inevitabilmente, sono abbastanza lunghi e fastidiosi, in particolare quando ci si avvicina alla fine del gioco.

PRO:

-GAMEPLAY: difficile trovare un punto di forza netto, perché tutte le componenti del gioco si amalgamano molto bene fra di loro, in generale tendo ad indicare il gameplay per evidenziare l’insieme di trama, esplorazione, quest secondarie e caccia

-GRAFICA: discorso diverso per il lato grafico, che indubbiamente svetta sulla moltitudine di giochi per PS4 e, assieme alla saga di Uncharted, setta un nuovo metro di paragone

CONTRO:

-CARICAMENTI LUNGHI: i caricamenti, purtroppo, sono quello che sono, tuttavia trovo che siano il giusto prezzo da pagare per trovarci un gioco splendido, e che con mia grande sorpresa non ha avuto praticamente nessun calo di frame

-SISTEMA DI SALVATAGGI: posso capire tutto, ma il sistema di salvataggi per falò lo avrei evitato, almeno personalmente, tuttavia è un parere esclusivamente soggettivo

9

Voto assegnato da Matthews
Media utenti: 9 · Recensioni della critica: 9

Non ci sono interventi da mostrare.