Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Moro97 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Moro97, aggiungilo agli amici adesso.

Moro97

Moro97 ha scritto una recensione su Titanfall 2

Cover Titanfall 2 per Xbox One

Sapete è interessante vedere come il mercato degli fps stia facendo una sorta di revival di se stesso con ritorno di contesti storici e la ripresa di concept ben più classici, seppur modernizzati. Ma ancora più interessante è che in mezzo all'entusiasmo del pubblico, felice e pagato con la qualità di questo “ritorno alle origini”, esca fuori un Titanfall 2 pieno di idee e forte di solido comparto multiplayer.
Il lavoro dei Respawn nonostante anche l'infelice periodo d'uscita è riuscito a farsi valere.

Senza tanti giri di parole: La trama di Titanfall 2 è lineare, semplice, forse anche un po' banale, e pomposa in pieno stile americano,seppur meno di quanto si possa aspettare. Però è ben coreografata e narrata per quello che poteva fare nel poche ore di gameplay a disposizione. Ha dare più carattere al tutto però c'è stata la scelta di poter intraprendere dei piccoli,ma ben frequenti, dialoghi( Solo a doppia scelta) con il nostro compagno Titan BT, che andranno a creare un bel rapporto tra noi e il nostro compagno meccanizzato.

Ma il piatto forte è indubbiamente il gameplay e il come viene gestito e strutturato. Possiamo parlare del singleplayer quasi fosse un platform da come le meccaniche di movimento siano cosi importanti nel economia del gioco. Si parte da un semplice e veloce tutorial a primo livello che in apparenza serve solo a farci abituare al tutto, quindi anche le sparatorie con o senza titan, ma nasconde un incredibile level design che ci stimola in continuazione al movimento come meglio crediamo. Il gioco non si ferma però e continuerà ad accrescere in modo costante la complessità del level design e, seppur molto semplice da affrontare vista l'immensa libertà che abbiamo per gli spostamenti, risulterà sempre appagante e divertente. Ma i Respawn non si accontentano e in due livelli(chi ha giocato sa di quali parlo)esploderanno con creatività inaspettata e geniale per giunta perfettamente amalgamata con l'evoluzione citata prima. Poi purtroppo il gioco non finisce anzi, sembra quasi che si stanchi di colpo e si dimentichi di tutto quello fatto prima, relegando la fase finale a dei semplici e lineari scontri a fuoco,che comunque sono ben coreografati ma ludicamente più poveri rispetto alle sezioni precedenti. Altro problema è l'intelligenza artificiale abbastanza deficitaria e gli scontri con i boss, che saranno presenti più volte nel corso della campagna, non ne saranno esclusi.

Spostandoci sul multiplayer, non avendo giocato al primo titanfall non posso fare un paragone anche se ho sentito che è stato reso leggermente più accessibile. Personalmente non ritengo la maggior accessibilità sia un difetto in nessun caso, soprattutto poi quando si ha un comparto multyplayer quasi inattaccabile. Parliamo di una struttura prettamente arcade i cui punti di forza sono l'essere estremamente frenetica e, per ovvie ragioni, molto verticalizzata. A punti focali vanno ad aggiungersi i titan, i possenti robottoni da combattimento con molteplici limitazioni nei movimenti, soppesate da maggior potenza di fuoco e resistenza. Grazie a questo mix tra piccolo e veloce, grande e possente le mappe saranno un continuo di complicati e studiati sali e scendi, tra case e grattacieli, tra mure e cunicoli inseriti in complessi grossi il giusto per permettere il perfetto passaggio dei titan. Contando anche la presenza perenne di nemici e alleati controllati dall'IA, si avrà in ogni partita un pressatissimo scontro a fuoco. Però la cosa che rende il tutto bello e divertente, nonostante la sua anima arcade, è il suo sempre dover avere una buona visione delle partite e avere anche l'occhio per sapere quando,per esempio, bisognerà dare supporto al nostro compagno munito di titan seppur appiedati, infatti anche da soldati(chiamati qua piloti)avremmo le capacità di poter abbattere un titan, e quando invece spostarsi dal campo di battaglia per cercare di aggirare gli avversari. Il tutto sarà inserito in modalità abbastanza classiche. Le uniche 2 modalità a variare un po' la formula, oltre ai deathmatch a squadra con solo titan o solo piloti, sono una sorta di cerca e distruggi dove però gli obiettivi saranno a giro un componente della squadra avversaria e in contemporanea un membro della nostra squadra sarà l'obiettivo dell'altra, senza però il permadeath. L'altra modalità,chiamata colosseo, consiste in 1vs1 da svolgere in piccole arene al meglio delle 3 vittorie con tutti aventi la stessa dotazione per gli armamenti. Infine c'è anche una modalità orda senza alcuna caratteristica peculiare, ma molto ostica d'affrontare anche se la difficoltà è data più dall'eccessivo danno che fanno i nemici.

Sul profilo tecnico il gioco gira praticamente a 60 fotogrammi al secondo granitici seppur il gioco non abbia una grandissima complessità. Questa “mancanza” è però soppesata da un art direction sublime ben al di sopra dei parametri base del genere, che più volte saprà stupirvi nel singleplayer e anche nel multyplayer la cura e il colpo d'occhio non mancheranno.

In conclusione Titanfall 2 è un signor fps divertente e con molta inventiva,purtroppo non espressa per tutta la sua durata, e con un componente multyplayer scolasticamente perfetta anche se qualche sperimentazione su di essa non sarebbe guastata.

Moro97

Moro97 ha aggiornato la sua collezione

Moro97

Moro97 ha pubblicato un'immagine nell'album varie

Non conoscete le monogatari series? Male.
Conoscente le monogatari series ma non le avete ancora iniziate? Malissimo.
Avete visto tutte le monogatari ma non avete ancora visto i film di Kizumonogatari? Siete un po' delle brutte persone. sisi asd

Chi conosce da po' le monogatari sa che l'adattamento della novel Kizumonogatari, prequel di tutte le altre, era una sorta di mito. Un adattamento che tutti volevano ma che nessuno nello studio Shaft sembrava voler fare. Nel 2015 però lo studio Shaft annuncia che l'adattamento di Kizumonogatari si farà e sarà sotto forma di 3 lungometraggi. I primi 2 proiettati nel corso del 2016 e il terzo e ultimo in questo inizio 2017. (nei cinema giapponesi ovviamente)

Io avevo avuto modo nel tempo di leggere la light novel originale prima dell'uscita del primo film. Fu un grave errore, tanto che dovetti visionare una seconda volta il primo film per pormi nel modo giusto al mood dei 3 film. Perché Tatsuya Oishi(già regista di Bakemonogatari) non ha fatto un adattamento, ma 3 veri film da autore. Un grosso film d'autore se considerati come un'unica storia. Nonostante la fedeltà dell'opera, Oishi si è liberato dei modi di Nisioisin(autore delle novel) e declassato certi dogmi,che davano vita all'ossatura delle serie monogatari, a semplici segni distintivi qua e la.

Si può parlare dei Kizumonogatari come delle vere opere teatrali dirette con molta, moltissima teatralità. Siamo a tutti gli effetti spettatori di una tragicommedia(più tragi che commedia, non affatto kizumonogatari tradotto significa "storia di una ferita") dove i personaggi sono gli attori, personalità quasi reali ma immerse nella fantasia, nel sovrannaturale. Ma Oishi vuole osare e dirige questo teatro con frenesia inaudita, creando un'efficace e bellissima contraddizione, capace però, anche nei suoi furiosi movimenti di macchina, di mettere sempre in quella follia una nota delicatezza.

Per il comparto tecnico, niente. È sontuoso! Già a partire dal cambio di design e stile rispetto alle altre monogatari. Passando alle animazioni, dove si passa d'animazione sporcatissime quasi fossero incomplete(di Yuuya Geishi), ai piccoli siparietti comici realizzati con lo stile di un cartone anni 20/30( di Yoh Yoshinari), a mostruose animazioni spacca mascella(di Kou Yoshinari) a un'altra miriade di animazioni. Ma ancora, i bellissimi sfondi o palcoscenici realizzati in cg. Alla fotografia che lascia trasparire un caldo soffuso e allo stesso tempo un intenso colore. Il tutto poi accompagnato dalle colonne sonore di Satoru Kosaki che qua spaziano da temi jazz sensuali e allegri a melodie più classiche e cupe.

Per concludere, rinnovo l'invito a chi non ha ancora recuperato i 3 Kizumonogatari di vederli visto che probabilmente parliamo di veri e propri capolavori. Invece per chi non ha mai toccato le serie monogatari di iniziarle e di vederle con calma nel ordine di trasmissione cosicché potrete anche voi arrivare a godervi(lo spero)questa storia di una ferita.

Moro97

Moro97 ha pubblicato un video

è inutile dire che la quantità di idee,viste e mostrate, sia totalmente fuori scala e di come le stesse paiono portate fuori da qualsiasi limite immaginabile.

Appena è partito il nuovo trailer fino alla fine sono rimasto esterrefatto, ma adesso che recuperato con calma il trailer, giuro, durante la visione mi sono quasi commosso.
Lo so è il cuore a parlare, ma questo gioco mi pare già la perfezione assoluta.

p.s. Io voglio la traccia cantata anche nel gioco,punto.

Super Mario Odyssey - Trailer dell'E3 2017 (Nintendo Switch)

Super Mario Odyssey arriva su Nintendo Switch il 27 ottobre! #SuperMarioOdyssey #SuperMario #NintendoSwitch #E32017 #NintendoE3 Sito ufficiale: https://www.nintendo.it/Giochi/Ninte..

Moro97

25 minuti sono pochi dicevano.
25 minuti sono pochi dicevo.
Non mostreranno mai niente in 25 minuti.
Farà me come le altre pensavamo.

Hanno vinto! Nintendo ha vinto!

Non ci sono interventi da mostrare.