Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Dead Space 3: il trailer E3 in versione estesa

21 minuti di puro gameplay

Dead Space 3
Quest'oggi il portale GTTV.com ha rilasciato il trailer in versione estesa mostrato all'E3 2012 di Los Angeles dedicato a Dead Space 3. Il video dura circa 21 minuti e non è altro che la demo del gioco che abbiamo potuto ammirare all'evento californiano.

Dead Space 3 uscirà nei negozi nella primavera 2013 per PlayStation 3, Xbox 360 e PC. Vi lasciamo al filmato, augurandovi una buona visione!

Link al video

Fantasy · pubblicato alle 10:07 del 17/06/2012

Condiviso da DARK_KIRA38 e altri 3.Piace a 6 persone, 1 persona

Fantasy

 

Ragazzi non è stato possibile "incorporare" il video alla notizia per problemi tecnici. Perciò per vedere il filmato è stato inserito un link che vi porta su Gametrailers. Spero non dia fastidio! ;)

giuseppe

 

Che roba è,"lost space"?la neve c'è le armi pesanti ci sono,la tuta con tanto di pellicciotto c'è,cosa mancano gli akrid?ha no ci sono pure quelli!e non venitemi a dire che quei bestioni sono necromorfi...Mah,ci manca solo che nel prossimo video ci infilano un mech,e la frittata è fatta :'(

Menegard92

 

E' un miracolo che non abbiano ancora trasformato Silent Hill in un fps (poco ci manca, uno schifo simile mi sembra l'abbiano fatto con Book of Memories per ps vita, una specie di Diablo -.- )...il problema è che il mercato si è evoluto in maniera tale perchè è stata la stessa gente a volerlo...se una cosa non vende, non viene più seguita dagli sviluppatori (ed evidentemente i survival horror non vendono più come una volta ormai). La fine è iniziata nel momento in cui il mondo dei videogiochi è entrato nella produzione di massa.

Menegard92

 

Pardon, mi riferivo alle case produttrici, sbagliato termine. Comunque io sintetizzo la mia visione generale del problema così: se la domanda di qualche cosa è alta, allora quella cosa viene prodotta e messa in commercio, se la domanda è bassa, la si lascia in disparte, possibilmente in un futuro prossimo mandandola fuori produzione. Se il genere action ignorante non avesse riscosso tanto successo, non si sarebbe arrivati alla sua larga diffusione odierna. E visto ciò, i publisher piegano gli sviluppatori alla propria volontà al fine di ottenere quel medesimo successo. E questo continuerà fino a quando tale strategia sarà trionfante. E se sarà trionfante è perchè alla maggior parte della gente piace questo nuovo regime di cose (per non parlare dei neo-videogiocatori, che in questo clima ci sono nati), o comunque non ci pensano troppo. Non so, io sono abbastanza pessimista, forse l'unica speranza è uno sviluppo del settore indie e non di massa, senza aspettarsi però graficoni da urlo tipo Crysis.

giuseppe

 

D'altro canto titoli coraggiosi come SH DOWNPOUR vengono penalizzati perchè conservano delle meccaniche"arcaiche"...Mah,che dire,le case di produzione in fin dei conti fanno quello per cui sono nate,cioè a dire,cercare il profitto,se il pubblico è mediocre sforneranno sempre più titoli mediocri.La cosa che mi stupisce è che la tradizionale regola della competizione tra più marchi non comporti nel campo dei videogame sostanziali migliorie,ma piuttosto lunghe fasi di stallo;è successo con i sandbox game alla gta prima,con gli FPS poi,ed ora tocca ai SH,nessuno pare "osare" come accadeva ai tempi del monopolio SONY con PSX,tempi in cui,è bene ricordare,nacquero molti dei marchi e dei generi tutt'oggi esistenti.

Menegard92

 

@ Giuseppe, "se il pubblico è mediocre sforneranno sempre più titoli mediocri", hai centrato, al pubblico odierno non piacciono i giochi diversi dal comune, e di certo le case di produzione non stanno lì a fare le dispensatrici di cultura....

PS: dovrò procurarmi Downpour prima o poi, per godermi l'ennesimo titolo bistrattato dalla critica "autorevole"...

giuseppe

 

Infatti,piú che autorevole la critica è autoritaria...e l'uomo medio,com'è noto,ha bisogno dell'autoritá.Il problema non è limitato al campo ludico,ma è moooolto piú esteso dal cinema allo sport passando per la letteratura fino ad arrivare all'inpensabile campo scientifico(porcate come mistero o voyager sono un offesa all'intelliganza umana.)i videogame si sono salvati per lungo tempo in quanto ritenuti titoli di nicchia,ma con la loro diffusione è ovvio che subiscano un inevitabile commercializzazione.Certo è chiaro che in mezzo a tutto questa merda commerciale spunti qualche fiorellino di campo(the last of us?speriamo...)ma i tempi in cui gli sviluppatori erano lasciati liberi di creare è ormai lontano :'(

Scrivi un tuo commento