Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Little Nightmares

Sviluppato da Tarsier Studios e prodotto da Namco Bandai Games, Little Nightmares è un gioco d'azione e avventura la cui uscita è prevista per il 2017 per PC Windows.

·
9.3

Recensioni

3 utenti

Shakyyz

Shakyyz ha scritto una recensione su Little Nightmares

Cover Little Nightmares per PC

Camminando sugli incubi

Consiglio la lettura per mezzo del mio blog. Qui di seguito vi lascio il link: https://goo.gl/QuxgWZ
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Little Nightmares è un videogioco puzzle-platformer a sfondo horror sviluppato da Tarsier Studio e pubblicato da Bandai Namco nel giorno 28 Aprile 2017 per PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Nonostante la sua appartenenza a questo genere, definirlo tale non farebbe altro che sminuire il titolo, perchè quest’ultimo ha molto più da proporre al giocatore di una mera esperienza platform, senza nulla togliere al genere in questione. Stiamo parlando di un titolo che è riuscito a conquistare moltissimi giocatori grazie alle sue meccaniche, alla sua storia e al suo significato. Quest’ultimo non viene rivelato esplicitamente, bensì scaturisce da una profonda analisi dell’ambientazione, dei personaggi e di tutto ciò che ruota intorno a questo mondo macabro, che cela non una, ma molteplici verità.

Ogni giocatore nel corso del gameplay, è inevitabilmente costretto, consumato dalla sua stessa curiosità, ad indagare alla ricerca di risposte, incuriosito dal raccapricciante e grottesco mondo che il titolo gli pone davanti.

Gli sviluppatori hanno deciso di puntare sul dialogo, anzi..sulla totale assenza di esso! Tale scelta è stata fatta per lasciare libera interpretazione al giocatore su ciò che vede e la mancanza di uno storytelling si è rivelata essere un’idea più che azzeccata!

Protagonista è Six (Sei), una bambina di nove anni, munita di un impermeabile giallo e di un accendino, risvegliatasi dentro una valigia, dopo aver sognato una donna in kimono. Il tutto si svolge in un resort subacqueo denominato “The Maw” (Le Fauci), dal quale Six dovrà evadere, facendosi strada fra rompicapi di vario genere e scappando dalle grinfie di famelici mostri dalle fattezze umane, ma che di umano non hanno assolutamente niente.

Durante il nostro viaggio faremo la conoscenza di diverse creature dall’aspetto a dir poco inquietante: si va dal Janitor, il Custode, un uomo cieco dotato di un olfatto e di un udito molto sviluppati e di braccia lunghissime, fino ad arrivare ai Twin Chefs, che come suggerisce il nome sono due fratelli gemelli che nelle Fauci ricoprono il ruolo di cuochi, o alla stessa donna col kimono, The Lady, che Six vede in sogno ad inizio della sua agghiacciante avventura.

In questo bizzarro mondo tutto le è avverso e tutte le paure infantili sembrano prendere forma. Gli esseri elencati prima cercheranno di catturarla e renderla cibo per i clienti del resort, grassi individui che pagano per entrare ne’ Le Fauci e per ingozzarsi di cibo “prelibato”.

Portata principale è rappresentata dai bambini che, rapiti dalle loro famiglie, sono fatti crescere e maturare dal Custode, che gli sfama e si “prende cura” della loro salute, per poi essere cucinati dai due cuochi nelle grandi cucine del resort e infine serviti su piatti d’argento ai mostruosi clienti, che si deliziano mangiando grandi quantità di quella giovane carne senza mai fermarsi.

In origine il nome del titolo era “Hunger” viste le tematiche che trattava e tratta tutt’ora. La protagonista è più volte pervasa dalla fame che alle volte diventa davvero incontenibile. Nel corso del suo viaggio subirà una vera e propria metamorfosi che la cambierà profondamente, come se l’oscurità e la corruzione di quel luogo l’abbiano influenzata talmente tanto da farle compiere scelte che prima non avrebbe neanche sognato di pensare. Six per contenere la sua fame mangerà prima un pezzo di pane gentilmente offertogli da un bambino, per poi passare alla carne cruda, cibo per i ratti o peggio, perdendo con il passare del tempo la sua umanità.

Gli unici esseri che le verranno in contro aiutandola saranno i nomini che, piccoli indifesi e con un cappello a punta in testa, le indicheranno la strada per fuggire da quel macabro luogo, e anche la posizione delle lanterne, che nel gioco una volta accese rappresenteranno una sorta di checkpoint, un punto di salvataggio. Inoltre nel gioco sono presenti alcuni collezionabili che possono essere ottenuti abbracciando questi nomini e rompendo le statue della donna in kimono che troverete in giro per le Fauci.

Il gioco riesce a sfruttare egregiamente il motore grafico Unreal Engine 4, con una grafica più che gradevole e distintiva, ma che ricorda in minima parte come stile quello di Inside. Bisogna però, a mio parere, porre maggiore attenzione all’OST del titolo. Quest’ultimo si rivela essere coinvolgente, riesce a trasmettere emozioni uniche come tristezza, sconforto e turbamento e si mescola perfettamente all’esperienza di gioco.

Stiamo parlando di un gioco horror e, come tale, riesce pienamente a inquietare e terrorizzare il giocatore senza l’uso di jumpscare, cosa che va sicuramente a favore del gioco. Fulcro di tutto è l’atmosfera unica, tenebrosa e immersiva, che genera nel giocatore un senso di appartenenza nei confronti delle vicende di cui prende atto.

Personalmente ho trovato questo titolo una vera perla degli ultimi anni e raramente ho provato emozioni così profonde come quelle che propone quest’ultimo. Gli unici punti a sfavore del titolo sono:

-la longevità, visto che si parla di un gioco abbastanza breve ma che può diventare lungo se ci si sofferma più di tanto sui rompicapi, quindi in parte dipende dal giocatore;
-il troppo affidamento che esso fa sui tentativi. Infatti molte volte, soprattutto durante un inseguimento, non riuscirete a capire subito cosa fare e finirete per morire sicuramente.

Per il resto è un gran bel gioco, che personalmente ho davvero adorato. Il rapporto qualità/prezzo è un fattore davvero molto importante e infatti il costo del gioco è più che onesto. Se amate questo genere, se avete amato Inside o Limbo, allora non esitate, questo gioco saprà stupirvi e non rimpiangerete l’acquisto! Consigliatissimo!

Avrei tanto di cui parlare ma preferisco non dilungarmi troppo, quindi concludo qui l’articolo e come al solito, ci si vede ad una prossima recensione!

Voto: 93/100

-Shakyyz

Lilith

Lilith ha pubblicato un'immagine nell'album Little Nightmares riguardante Little Nightmares

Non ho saputo resistere ...

Lilith

Lilith ha pubblicato un video riguardante Little Nightmares per PC

Ma che figata di gioco è? Dopo Limbo ed Inside questo Little Nightmares è un'altra gioia *-*

Little Nightmares - Launch Trailer

Check out the trailer for Bandai Namco and Tarsier Studios' Little Nightmares. Subscribe to GameSpot! http://youtube.com/GameSpot?sub_confi... Visit all of our channels: Features &..

Marziani con il pad

Little Nightmares

L'idea che un videogioco possa raccontarsi esclusivamente attraverso immagini, senza ausilio di testi, è in verità connaturata al media stesso. Basta portare alla mente uno tra i tanti esempi di titol .. · Leggi tutto l'articolo

Non ci sono interventi da mostrare.