Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Rockstar Games e prodotto da Take-Two Interactive, Max Payne 3 è uno sparatutto in 3a persona uscito il 29 maggio 2012 per PC Windows · Pegi 18+

·

Max Payne 3 promette di offre una cupa e cruda esperienza di “azione” in grado di soddisfare i nuovi fan e gli appassionati di una serie storica. Max Payne 3 prosegue la storia dell'ex poliziotto di New York, Max Payne. Ancora tormentato dai ricordi del suo traumatico passato, Max inizia una nuova vita lavorativa nella sicurezza privata proteggendo un ricco industriale e la sua famiglia a San Paolo, in Brasile. Quando alcune gang prendono di mira la famiglia che si trova sotto la sua protezione, Max è costretto a combattere per salvare i suoi clienti e riabilitare la sua reputazione nel tentativo, una volta per tutte, di liberarsi dai demoni che lo hanno perseguitato per troppo tempo.

8.5

Recensioni

29 utenti

Pizellone2.0 HDZurg

Pizellone2.0 HDZurg ha scritto una recensione su Max Payne 3

Cover Max Payne 3 per PC

Social Club? Perché sono obbligato a iscrivermi se voglio giocare?
Comunque uno dei gameplay più monotoni e ripetitivi che abbia mai provato, trama discreta, filmati di intermezzo troppo lunghi e noiosi, (sicuramente ben fatti ma si tratta di un videogioco, non di un film, io voglio giocare, non guardare lo schermo per 10 minuti alla fine di ogni missione; forse se avessero dedicato l'impegno con cui hanno realizzato i suddetti video a creare un gameplay un po' più vario sarebbe stato un bel gioco. Sinceramente non capisco l'87 del metascore e l'entusiasmo generale che tutti hanno per questo prodotto.
Consigliato solo a chi ha voglia di passare svariate ore a sparare ai nemici e quasi altrettante a guardare filmati d'intermezzo

6

Voto assegnato da Pizellone2.0 HDZurg
Media utenti: 8.5 · Recensioni della critica: 9

Gnupick

Gnupick ha scritto una recensione su Max Payne 3

Cover Max Payne 3 per PC

MAX PAYNE: The Tamarr Edition

I Rockstar sono fatti così. La loro visione del mondo – specie quello criminale – è costituita da gradassi dal grilletto facile, figli di papà che non valgono nulla, donne – inette e spesso da salvare - in abiti succinti, teppistelli scemi, musica rap e discotecara. E gente che balla. Costantemente. Un universo dove tutti ballano, spesso in maniera goffa (perché fa ridere, ah, se fa ridere). “Se l’abbiamo fatto bene finora, perché non continuare?”.

E allora ecco che il buon Max Payne appende la giacca di pelle al chiodo, abbandona le atmosfere cupe e nevose, e si trasferisce nel mondo di GTA, e precisamente nel torrido e soleggiato Brasile. Il poco motivato Max perde il pelo (è calvo per metà gioco), ma non il vizio (di bere), e in compenso guadagna un aspetto tarchiato e anabolizzato che poco si sposa con il personaggio dei precedenti episodi. La caratterizzazione è rimasta più o meno la stessa, ma è il contesto nel quale si muove a essere radicalmente cambiato.
Il nuovo gioco dimentica gran parte delle sue ispirazioni (John Woo non pervenuto), gli agganci con i comics e le graphic novel, parecchia autoironia, i villain folli e caricaturali e, sopratutto, l’elegante piglio noir che contraddistingueva i capitoli Remedy. La violenza è più esplicita e visuale, le citazioni più rozze, il protagonista meno schizzato.

C’è differenza fra trasformare (o magari evolvere) e snaturare.

Max Payne 3. Il problema maggiore di un gioco ignorante e caciarone, ma abbastanza divertente, sta proprio nel titolo.

Luke

Luke ha scritto una recensione su Max Payne 3

Cover Max Payne 3 per PC

Premetto che, se non fosse per il fatto che è uscito ormai quattro anni or sono, gli avrei dato anche meno. Devo ammettere infatti che mi sono abbastanza annoiato. La storia è alquanto piatta e poco interessante, il gameplay è praticamente inesistente, devi solo andare avanti e sparare, senza alcuna possibilità di cambiare lo stile di gioco. Per non parlare delle assurdità che contraddistinguono la campagna di gioco: lui da solo, spesso ubriaco e senza protezioni, che sconfigge orde di paramilitari ben addestrati e equipaggiati (ma d'altronde questo si riscontra spesso nei videogiochi). La via poi è sempre monotonamente circoscritta e delimitata, tanto che ancora mi stupisco di non aver trovato tutti gli indizi, si vede che non vedevo l'ora di finirlo e prestavo poca attenzione all'ambiente circostante. Ecco, quest'ultimo invece è realizzato molto bene, è coinvolgente e vario, ma mi sembra troppo poco per giustificare tutti i voti alti ottenuti, benché sia uscito nel 2012.

Outarel

Outarel ha scritto una recensione su Max Payne 3

Cover Max Payne 3 per PC

Questa è la storia di Massimo, un'uomo che in preda a una crisi di mezza età si rasa a zero, si mette una magleitta ridicola e va nelle favelas ad'uccidere brasiliani che lo prendono per il culo.
La trama non mi è piaciuta molto, anche se le cutscenes son fatte e narrate abbastanza bene.
La musica non è male, sopratutto l'ultima canzone all'aereoporto.
Il gameplay è un tps con sistema di copertura, che (PENSO) non ci fosse nei capitoli precedenti ma è fatto abbastanza bene e c'ha il bullet time quindi si sopporta.
Il bullet time è una figata.
Odio il portoghese, e i brasiliani dopo averci giocato.
Il gioco in generale è fatto abbastanza bene: avrei un paio di lamentele futili e una importante, la telecamera da certe angolazioni mentre si mira si posiziona tra max e il mirino impedendomi di sparare/mirare dato che c'è la capocchia pelata davanti.

Prodige

Prodige ha scritto una recensione su Max Payne 3

Cover Max Payne 3 per PC

Sono affezionato a questa saga avendo amato molto il primo capitolo quando ci giocai circa 11 anni fa. Questo episodio nel complesso mi è piaciuto, anche se mi aspettavo di più. I controlli di Max, specialmente all'inizio, mi sono sembrati macchinosi, e anche la difficoltà mi pare poco ponderata, con parti veramente difficili da superare e che mi hanno fatto penare. Al di là di questo però, musiche, doppiaggio dei personaggi, storia e scene sono spettacolari, ed elevano di molto il gioco, sebbene rimanga molto ripetitivo a livello di gameplay, poiché si tratta di sparatorie sempre più complicate intervallate da decine di brevi cutscene. Max Payne va vissuto come un film interattivo potremmo dire, dove il gameplay è solo il contorno di una bella avventura narrata magistralmente, con temi piuttosto forti e realismo davvero esasperato delle scene. Ho amato però il lato fisico delle sparatorie, veramente divertenti complessivamente con corpi che rispondono molto bene ai proiettili, come raramente ho visto in giochi del genere. Mi ha colpito moltissimo inoltre la canzone dei crediti finali, "Tears", che accompagna anche una sparatoria nel gioco dell'ultimo livello, con l'adrenalina a mille. Nonostante i difetti sono comunque contento di averlo provato.

EDIT: Dopo averlo giocato e finito altre 4 volte con ogni difficoltà possibile (e vicino a finire la modalità "Ultimo respiro") aggiorno il voto. E' un gioco stupendo, divertimento infinito. La musica, il realismo delle scene, le sparatorie così reali e imprevedibili, la recitazione, la difficoltà. Un capolavoro incredibile. Peccato veramente per le cutscene non skippabili che rovinano la rigiocabilità.

Non ci sono interventi da mostrare.