Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da CD Projekt RED e prodotto da Namco Bandai, The Witcher 3: Wild Hunt è un gioco di ruolo uscito il 19 maggio 2015 per PC Windows · Pegi 18+

·

The Witcher 3: Wild Hunt è un gioco di ruolo di nuova generazione e ambientato in uno straordinario universo fantasy liberamente esplorabile, dove non mancheranno scelte decisive, che porteranno a conseguenze determinanti. In The Witcher, vesti i panni di Geralt di Rivia, uno degli ultimi cacciatori di mostri, che dovrà intraprendere un viaggio epico in un mondo devastato dalla guerra, per confrontarsi contro il nemico più oscuro che l'umanità abbia mai dovuto affrontare, la Wild Hunt.
Il mondo è nel caos e mentre l'Impero di Nilfgaard penetra nel cuore dei Regni settentrionali, Geralt di Rivia è inseguito da un nemico spietato, la Wild Hunt, un gruppo di cavalieri spettrali, messaggeri di rovina e distruzione, capaci di distruggere interi villaggi in una sola notte. Guidato da diverse motivazioni personali, Geralt dovrà superare numerose forze ostili per trovare e proteggere il prescelto di un'antica profezia. Duro e spietato, il mondo in cui si svolge questa nuova avventura determinerà nuovi standard in termini di dimensioni, complessità dell'ecosistema e non linearità. Prova un ciclo giorno/notte realistico, osserva le condizioni meteorologiche variare e influenzare la fase di gioco, e domina le ricche ambientazioni, utilizzando la tua esperienza arcana di Witcher.
Evolvi le tue abilità uniche di Witcher per adattare l'esperienza di gioco alle tue esigenze, uccidi mostri assetati di sangue e sviluppa le tue strategie di combattimento, usa potenti magie e conquista la vittoria in uno scenario liberamente esplorabile e praticamente infinito. Cammina, nuota, cavalca e naviga, intraprendi missioni leggendarie e conquista ricompense epiche. Assumi il controllo: vai ovunque e fai ciò che vuoi!

9.2

Recensioni

36 utenti

Juppiter1991

Juppiter1991 ha pubblicato un link riguardante The Witcher 3: Wild Hunt per PC

Che tristezza, ragazzi.
Da amante della lettura dal giorno in cui sono stata in grado di dare un senso alle parole che leggevo, ritengo che una polemica del genere sia sterile e frutto di una semplificazione derivante da un pregiudizio che ancora ci si ostina a perpetrare. Si accusano i videogiochi, che ho imparato a conoscere e ad amare strada facendo, di essere dei medium privi profondità, ma quando impareremo che con generalizzazioni del genere non si arriva da nessuna parte? Vogliamo forse continuare questo gioco della presunta ragione facendo riferimenti ai libri, spesso in cima alle classifiche di quelli più venduti, dotati di uno spessore narrativo che è più "esile di una promessa" (per fare una citazione intelligente)? Esistono moltissimi videogiochi che trattano in modo incredibilmente reale e concreto tematiche difficili e innovative, inserendole in un contesto che è in grado di coinvolgere molto. E non è la stessa cosa che fanno anche i libri? Qual è la differenza? Anzi, con alcuni videogiochi si rompe la barriera di separazione tra il prodotto e il fruitore, rendendo possibile a quest'ultimo il poter far agire il personaggio o il corso degli eventi "scegliendo". Un aspetto che con i libri non ha funzionato, ma non per questo se ne fa loro una colpa: semplicemente c'è un canale di comunicazione differente.
Pertanto la polemica di questo autore, entrando nello specifico, è sciocca oltre che falsa, dal momento che io stessa, come molti altri, ho conosciuto la saga dello Strigo (che è davvero molto bella e andrebbe letta dagli amanti del genere e non) solo dopo aver giocato al primo gioco, e non mi vengano a dire che non è stato così per la maggior parte di coloro che ha comprato e letto i libri. Quante possibilità aveva un autore polacco che esige che i suoi romanzi vengano tradotti dal polacco (e non dall'inglese) di avere una diffusione internazionale così capillare senza aver prima ricevuto questa spinta "pubblicitaria"? E, sinceramente, non ci vedo nulla di male: anzi, ben venga che ci sia un prodotto che ci permette di suscitare curiosità rispetto al calderone da cui trae origine e si ispira: la trilogia videoludica ha certamente spinto più persone sulla via della lettura di quanto non abbiano fatto iniziative più mirate (stessa cosa per "Game of Thrones", se vogliamo fare un altro esempio con un altro tipo di medium). E, anche se non lo avesse fatto, quale sarebbe il problema?
Da pseudo-scrittrice mi domando spesso quali siano le mie "priorità" e, alla fine, penso di aver trovato una risposta: in un mondo che non legge, è più apprezzabile l'aver fatto leggere una persona o l'essere riusciti a comunicare gli stessi argomenti, riflessioni e temi a cento persone? Vista la situazione odierna, sinceramente non mi dispiace affatto avere la consapevolezza che esista una interpretazione/rielaborazione di un mio prodotto che aiuta a diffondere un po' di sano lavoro mentale, nonché un po' di sale in zucca, nell'utenza. Non la vedo come una semplificazione o una superficializzazione del mio lavoro anzi, per me c'è da andare fieri del fatto che qualcuno mi abbia amato così tanto al punto da volermi utilizzare per comunicare, con una giusta dose di personalismo, una mia idea senza mutarla, senza farla perdere di dignità.
Egoismo ed egocentrismo, in tutti i campi.

Non ci sono interventi da mostrare.