Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Vanillaware e prodotto da Atlus, Odin Sphere Leifthrasir è un gioco di ruolo uscito il 24 giugno 2016 per PlayStation Vita · Link: atlus.com

·
9.6

Recensioni

6 utenti

Pick a Quest - RPG Community

Pick a Quest - RPG Community ha pubblicato un'immagine nell'album Saturdiary riguardante Odin Sphere Leifthrasir

In questo #Saturdiary vi porto a Erion: un reame magico abitato dalle più disparate creature, tutte quante alle prese con una guerra sanguinosa e travolgente.
Siete curiosi? Allora vi invito a leggere il mio diario di viaggio riguardo la mia avventura su #OdinSphereLeifthrasir!
https://pickaquest.net/2017/05/17/odin-s ..
-Kur

Xehanort89

Xehanort89 ha scritto una recensione su Odin Sphere Leifthrasir

Cover Odin Sphere Leifthrasir per PS Vita

Era il 2007 quando Odin Sphere approdava sull'ormai stanca ma ancora viva PS2, la quale stava lasciando il testamento alla next generation. Il gioco segnò il debutto europeo di una promettente casa di sviluppo nipponica, chiamata Vanillaware e capitanata da George Kamitani, un apprezzatissimo game designer presente nell'industria dei videogames già da diversi anni.
Odin Sphere si presentava al pubblico come un RPG dallo stile unico e in parte inedito, qualcosa che ricordava quel "Princess Crown" pubblicato anni prima sul Sega Saturn, con le caratteristiche di un action game frenetico e di un'inedita visuale bidimensionale.
Dopo dieci anni Atlus decide di riproporre il gioco in alta definizione, svecchiandolo e perfezionandolo, a chi aveva potuto già apprezzarlo e a chi, per un motivo o per l'altro, non ne aveva avuto modo.
A livello narrativo non è cambiato nulla rispetto alla versione originale: cinque differenti personaggi, protagonisti dell'immaginario regno di Erion, tutti giocabili ed ognuno con una storia diversa tra loro le quali però s'intrecceranno in un unico grande filone centrale che condurrà all'inevitabile Armageddon.
Mentre è proprio nell'aspetto grafico e nel gameplay che si notano sostanziali miglioramenti rispetto al passato.
Graficamente il titolo era giá meraviglioso nella sua prima versione, ma l'alta definizione riesce a donargli una luce del tutto nuova, rendendolo perfetto in ogni suo piccolo anfratto.
Odin Sphere è un vero e proprio quadro in movimento! Gli scenari, disegnati a mano, sono una vera e propria opera d'arte viva e coloratissima, pieni di luce e mai sotto tono, che danno il massimo anche sul piccolo schermo OLED della PsVita.
Anche le meccaniche di base del gameplay sono rimaste le stesse, quelle di un ottimo action RPG immediato e al tempo stesso profondo, sebbene sia stato anch'esso migliorato per offrire un'esperienza ludica più incalzante.
Viene infatti rimossa la barra della stamina, (nonostante ad oggi la si veda in sempre più giochi) la quale regolava la quantità di attacchi consecutivi che era possibile eseguire prima di rimanere scoperti per un paio di secondi nel bel mezzo degli scontri.
La scelta è derivante infatti proprio dal fatto di non voler rallentare in alcun modo il ritmo dell'azione, la quale ne risulta più frenetica e stimolante, e anche nel voler rendere questa riedizione meno ostica dell'originale, nonostante nel New Game Plus e a livello di difficoltà più alta la sfida rimanga ancora aperta.
Particolare il sistema di livellaggio dei personaggi. Una piccola parte di esperienza verrà rilasciata dai nemici e dai boss sconfitti assieme ai Fozoni, particelle che potranno essere utilizzate per far crescere piante da cui raccogliere frutta (o braciole 0_0) o per potenziare le diverse abilità, mentre una parte molto più sostanziosa la otterremo mangiando diverse pietanze ai ristoranti in città, in quello itinerante presente nei diversi stage o addirittura la frutta di cui parlato prima.
Un piccolo difetto, sebbene non così invadente (almeno per quanto mi riguarda), lo si potrebbe però riscontrare in una certa ripetitività nell'affrontare spesso gli stessi boss e anche gli stessi stage. Questo è in parte dovuto alla scelta narrativa di voler far coincidere tra loro le cinque storie, sebbene in differenti momenti temporali, comportando così che un boss o uno stage debba essere affrontato per forza di cose da alcuni o da tutti i personaggi.
Nota di merito invece alla scelta di introdurre nel gioco anche la modalità classica, ovvero la versione del gioco uscita su PS2, senza i miglioramenti della riedizione, ma con l'utilizzo, per esempio, della barra stamina.
Atlus non si è limitata quindi a fare il classico compitino di "svecchiare" e "riproporre", ma si è concentrata a migliorare e a perfezionare quanto di già  buono il gioco possedeva nel 2007 riuscendo a renderlo ancora più bello ed immersivo. Un piccolo capolavoro, particolareggiato da un eccellente design artistico, un  gameplay divertente e da un peculiare stile narrativo che riescono a coinvolgere e catturare sin dai primi minuti di gioco. Sicuramente tra i migliori titoli per PsVita, e non solo.

Pick a Quest - RPG Community

Pick a Quest - RPG Community ha pubblicato un'immagine nell'album PaQ Dads riguardante Odin Sphere Leifthrasir

#PaQDads: non sempre i padri sono delle persone comprensive, amorevoli e disposte a supportare i figli. Un esempio è Odino, dal quasi omonimo #OdinSphere: signore dei demoni, sovrano di Ragnanival e padre delle principesse Griselda e Gwendolyn, le quali sono considerate dal genitore come mere armi umane destinate a sacrificarsi per il bene dell'esercito delle valchirie.

Nonostante ciò, unito al non aver mostrato grande lutto per l'atroce morte di Griselda sul campo di battaglia, Gwendolyn rimane comunque devota al padre e decisa a offrire la propria vita; è convinta che solo in questo modo Odino potrà provare compassione e affetto nei confronti della figlia.
-Kur

Non ci sono interventi da mostrare.