Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Odin Sphere Leifthrasir

Sviluppato da Vanillaware e prodotto da Atlus, Odin Sphere Leifthrasir è un gioco di ruolo uscito il 24 giugno 2016 per PlayStation Vita · Link: atlus.com

·
9.7

Recensioni

3 utenti

Aoi Kurashiki

Odin Sphere a 20 euro sul PSN, sarei tentato a prenderlo ma lo voglio retail :(

Pick a Quest - RPG Community

Pick a Quest - RPG Community ha pubblicato un'immagine nell'album Shipping Monday riguardante Odin Sphere Leifthrasir

Buongiorno PaQers e benvenuti con una nuova rubrica che andrà a sostituire il #lunedìfeels: stiamo parlando del nostro #ShippingMonday!
Tranquilli, i feels ci saranno sempre e comunque, semplicemente in vista della nuova stagione ci sembrava giusto attuare un leggero cambiamento.

Questa settimana voglio occuparmi di una delle mie pairings preferite di #OdinSphere: la fata Mercedes con il misterioso Ingway.
I due si conoscono quando il principe aveva le sembianze di un rospo a seguito di una maledizione e l'unico modo per liberarlo da questa non è altro che il bacio di una creatura magica molto potente, proprio come la regina della fate; spesso Ingway cerca di baciarla con scommesse o con vero proprio buttar sar... ehm, corteggiare! Mercedes inizialmente è disgustata alla sola idea, ma non ci vorrà molto prima che l'aiuto del principe di Valentine si rivelerà assai prezioso per la reginetta e sarà anche grazie a lui che diventerà più responsabile e ligia ai suoi doveri.
Devo dire che ho molto apprezzato il riferimento alla fiaba del principe ranocchio; come se non bastasse, all'inizio Ingway, ancora tramutato, recupera la balestra di Mercedes caduta in uno stagno esattamente come il ranocchio recuperava la palla d'oro della principessa.
Inutile dire, infine, che questa coppia ha davvero tanti, ma tanti feels di cui purtroppo non potrò raccontare causa spoil.

Che ne pensate di questa nostra idea? Se avete una coppia degli RPG che vi piace tanto suggeritela nei commenti e chissà, un futuro lunedì parleremo anche di quella!
(A patto che uno di noi abbia giocato il gioco da cui proviene, ovviamen... *coff coff*)
-Kurai

dvvvxx

dvvvxx ha scritto una recensione su Odin Sphere Leifthrasir

Cover Odin Sphere Leifthrasir per PS Vita

Un'opera d'arte fatta videogioco. Veri e propri quadri e dipinti al posto di sprite e background (non a caso è stato tutto disegnato a mano), come solo i Vanillaware sanno fare. Colonna sonora stupenda, musiche che diventano indimenticabili a forza di sentirle accompagnarci durante tutto il gioco. Non entro nei dettagli tecnici o altro, do un'opinione soggettiva e posso dire che Odin Sphere è uno di quei giochi che tocca il cuore di chi lo gioca, o almeno così è stato per me. Una bellissima fiaba che tocca l'epicità col suo bellissimo finale. 32 ore di gioco passate totalmente immerso in questa bellissima storia. Forse può essere brutto il fatto di dover "ricominciare" dal livello 1 per ben cinque volte come i personaggi e le storie del gioco, nonostante seguino un filone unico e ben scritto, alla fine i "dungeon" possono sembrare un po' ripetitivi in quanto sono gli stessi per quasi tutte e cinque i PG, ma comunque sono note negative che passano in secondo piano di fronte a un gioco del genere. Su PS Vita gira benissimo, non ho notati cali di frame o altro che possa renderlo ingiocabile. Una chicca che ai tempi della PS2 mi ero perso

belmy76

belmy76 ha scritto una recensione su Odin Sphere Leifthrasir

Cover Odin Sphere Leifthrasir per PS Vita

Odin Sphere Leifthrasir è l’ennesima remaster in un mercato che ne vede troppe, molte delle quali insignificanti e che aggiungono veramente poco, ebbene in questo caso, non solo la rimasterizzazione trova senso, ma deve essere di insegnamento a tutti per la modalità con cui tale operazione dovrebbe essere fatta. Leifthrasir non si limita a portare in HD un vecchio titolo di PS2, ma ne corregge i problemi tecnici, e ne varia talmente tanto la giocabilità che in pratica l’inserimento della modalità classica è un’aggiunta obbligata al punto da sembrare quasi un altro gioco, siamo davvero ai limiti del Remake. Analizzando il gioco lo si può riassumere in un action con elementi RPG limitati al potenziamento di alcune abilità e spell dei protagonisti dove tutti gli elementi che compongono l’opera rasentano la perfezione. La componente grafica è a dir poco eccezionale, una Pixel Art semplicemente divina, con animazioni perfette, che corregge ed elimina quei fastidiosi rallentamenti che rappresentavano l’unico neo della versione originale, in merito alla sublime direzione artistica Vanillaware come sempre non si smentisce dando il meglio se, il comparto audio è divino, con musiche adeguate ed effetti eccezionali, accompagnati da un ottimo doppiaggio, sia per le voci originali in Giapponese che quelle in Inglese, la giocabilità rappresenta l’elemento che maggiormente si differenzia in questa remaster, il controllo ed il sistema di combattimento risulta molto più snello, quasi semplificato rispetto all’originale, riuscendo comunque ad essere estremamente profondo, ma soprattutto talmente diverso da far sembrare l’origine quasi un gioco diverso, la longevità infine è ottima e portare a termine la storia del mondo di Erion e dei cinque protagonisti richiederà circa 30 ore, con la possibilità di accedere a finali multipli aumentando ulteriormente la rigiocabilità, unico appunto va fatto però proprio a questo aspetto, 30 ore per un action di questo tipo forse son troppe, cinque campagne con cinque protagonisti diversi, in un unico regno, portano inevitabilmente ad un’eccessiva ripetitività di ambientazioni, nemici e boss, anche se a seconda del personaggio, andranno affrontati seguendo eventi ed ordine diverso, componente tipica delle produzioni di Vanillaware, fortunatamente però i ragazzi, sono riusciti a diversificare talmente tanto il combat sistem dei diversi personaggi da limitare un bel po' questo difetto, e soprattutto sarà estremamente interessante scoprire l’intreccio delle storie dei 5 protagonisti. Ammetto di essere un nostalgico ed amare la Pixel Art, ma quando un gioco è fatto così bene offre tanto divertimento, e riesce a prendermi dall’inizio alla fine, non riesco a fare a meno di premiarlo

Non ci sono interventi da mostrare.