Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover BioShock Infinite

Sviluppato da Irrational Games e prodotto da 2K Games, BioShock Infinite è uno sparatutto in 1a persona uscito il 26 marzo 2013 per PlayStation 3 · Pegi 18+

·

"Bioshock Infinite è una creatura affascinante e crudele, capace di risucchiare il giocatore in un mondo alternativo di cui è impossibile non innamorarsi. Le meccaniche rodate nei precedenti capitoli vengono sfruttate, a volte con troppo compiacimento, ma senza mai dimenticarsi di mettere qualcosa di nuovo sul banco e le idee nuove funzionano bene. Qualche volta si ha la sensazione, giustificata, che alcuni aspetti avrebbero potuti essere approfonditi maggiormente o che all'evoluzione di Elizabeth non sia stato garantito tutto il tempo necessario... ma è ben poca cosa di fronte all'esperienza allestita da Irrational Games. Columbia è entrata nel mio bagaglio di videogiocatore, assieme ai migliori altri mondi che abbia mai visitato. La vicenda di Booker, Comstock, dell'America, della sua idea di libertà e di certe insopportabili crudeltà hanno scritto un pezzo del mio DNA virtuale. Di fronte a questo, posso tranquillamente chiudere più di un occhio." da it.ign.com

9.1

Recensioni

136 utenti

Daniel San

Ama il Profeta, perché lui ama il peccatore. Ama il peccatore, perché sei tu. Senza il peccatore, che bisogno c'è di un redentore? Senza peccato, qual è la grazia del perdono?

Deathife

Deathife ha scritto una recensione su BioShock Infinite

Cover BioShock Infinite per PS3

A detta di molti questo gioco sarebbe "Brutto", solo perchè non è capace di equagliare i suoi predecessori... beh punto 1: non vedo come possa essere inferiore ai primi, l'unia cosa evidentemente diversa è l'ambientazione che rimane fantastica ma parde quel pizzico di horror che si trovava a Rapture. Punto 2: Sono convinto che un gioco non debba essere valutato per come è cambiato rispetto ai capitoli precedenti ma piuttosto per come è il gioco in sè. Universo di gioco fantastico, Trama un po incasinata verso il finale ma bellissima.

NewsArt.org

NewsArt.org ha pubblicato un'immagine nell'album Cosplay.org riguardante BioShock Infinite

Quanti di voi attendono (e sperano) un nuovo Bioshock? :)

Killzone

Sinceramente era meglio non ri-finirlo, ora ho il cervello ri-fottuto.
Che capolavoro.

belmy76

belmy76 ha scritto una recensione su BioShock Infinite

Cover BioShock Infinite per PS3

Uno degli aspetti più significativi di Bioshock è senza dubbio la Lore, il background narrativo dietro le avventure di Jack, personaggi come Andrew Ryan, Atlas, Fontaine, Lamb, Cohen, la Tenenboun e soprattutto la città di Rapture risultano essere la chiave del successo del titolo, per migliorare tutto ciò bisogna mettersi pesantemente in gioco, esprimere tutta la propria creatività, e questo Levine, tornato a capo del progetto, lo sa bene, come sa bene che riproporre la medesima ambientazione, bissando il successo dell’originale è pressoché l’impossibile. Irrational Game, non senza rischi, decide di cambiare ambientazione, ed invece di farci risprofondare nei meandri della oscura Rapture ci porta sulle ali della luminosa e soleggiata Columbia, Città volante sulle nuvole, che però riesce ad essere ancor più oscura e tenebrosa dietro quella coltre di luce ed allegria che trasmette una finta serenità, ma che in qualsiasi momento è pronta a mostrare il suo lato folle, una follia dettata dal movimento religioso fondato da padre Comstock, che nella sua ariana visione “eleva” la sua comunità insieme alla città volante, al di sopra di tutte le altre creature, ed anche se non riesce a raggiungere i picchi di delirio di Rapture, una storia magistrale, e personaggi che riescono a bissare il carisma di quelli del predecessore e talvolta anche ad superarlo garantiscono un’avventura mozzafiato ricca di colpi di scena, e sempre avvincente, ovviamente condita dalla collaudata formula di sparatutto tattico dei predecessori grazie all’uso dei Vigor che sostituiscono solo in termini lessicali i plasmidi dell’originale. In conclusione Infinite rappresenta la grande scommessa di Levine che, anziché creare un seguito diretto cavalcando l’onda della magnificenza dell’originale, ha preferito rischiare in qualcosa di completamente nuovo bissandone il successo.

Non ci sono interventi da mostrare.