Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Dragon Age: Origins

Sviluppato da BioWare e prodotto da Electronic Arts, Dragon Age: Origins è un gioco di ruolo uscito il 20 novembre 2009 per PlayStation 3 · Pegi 18+

·

"Potendo scegliere, sarebbe forse meglio puntare direttamente alla versione PC senza pensarci tanto, più che altro per una questione di comodità dell'interfaccia. In ogni caso, su console Dragon Age resta un GdR altamente consigliato agli appassionati, bello da giocare e da vivere fino in fondo. La storia narrata è colma di cliché cari al genere fantasy, ma la regia e il ritmo sapranno conquistarvi in un battibaleno. Qualunque sia la piattaforma a disposizione, fatelo vostro all'istante e salvate il Felderen dalla Prole Oscura." da GamesVillage.it

8.8

Recensioni

56 utenti

Pif

Pif ha scritto una recensione su Dragon Age: Origins

Cover Dragon Age: Origins per PS3

Tolgo mezzo punto perché, in perfetto stile Bioware, vengono lasciate in sospeso alcune questioni importanti che stimolano all'acquisto di altrettanti DLC.
Sul gioco niente da dire, mi è piaciuto un sacco; non scrivo nulla di tecnico essendo in ritardo di una decina d'anni rispetto al resto del mondo :)

LuchinoWF97

LuchinoWF97 ha scritto una recensione su Dragon Age: Origins

Cover Dragon Age: Origins per PS3

Gameplay ☆☆☆☆☆ e lode
Trama ☆☆☆☆☆ e lode
Sonoro ☆☆☆☆☆
Tecnica ☆☆☆

https://youtu.be/c2pM5iPTlSg
Dragon Age: Origins è un'opera mastodontica, ha un concept molto semplice e classico ma partendo da lì attorno è stato costruito un mondo pregno di una quantità di dettagli imbarazzante, ogni luogo ha una sua storia, una sua cultura e i suoi personaggi, ci sono centinaia di pagine di codex che approfondiscono la storia del mondo, Thedas, nelle sue ere passate, infatti il gioco è ambientato nell'era del drago, Dragon Age, ma i migliaia di anni che compongono le precedenti ere sono molto approfondite, insomma è pazzesca la cura per il mondo, bioware ci sa fare con queste cose.
Come gameplay il sistema di combattimento è molto tattico, profondo, hai tantissime possibilità di approccio dal creare trappole pozioni unguenti che potenziano momentaneamente il pg e molto molto altro, da molte soddisfazioni domarlo, è difficile da console giocarlo al meglio infatti io ho abbandonato molte volte questo titolo per colpa dell'ottimizzazione generale della versione console, su pc rende moooolto meglio, comunque ci sono un sacco di missioni secondarie e molte di esse davvero spaccano i culi per la loro narrativa e approfondimento della storia del mondo di gioco, poi abbiamo il lato ruolistico, insomma, penso che da 10 anni da che è uscito nessun altro gioco abbia raggiunto la profondità meravigliosa che Dragon Age: Origins ha dalla sua, molto molto fico.
Un'altra cosa che Bioware sa fare bene è scrivere personaggi, come nella saga di Mass Effect i personaggi di Dragon Age sono meravigliosi, bioware è la miglior software house dal punto di vista di creazione di personaggi per adesso, non ho visto in altri giochi non fatti da bioware personaggi così ben scritti, io mi sono affezionato a Morrigan e Zevran e spero di vederli nei sequels.
Colonna sonora spaccaculi a parte alcune tracce sottotono, peccato che alcune tracce di combattimento molto belle vengano usate poco.
Ora andiamo al punto più basso del gioco, il comparto tecnico, parlo della versione ps3, su pc è una meraviglia, frame rate disastroso, caricamenti a volte lunghi, a volte è scattoso muoversi tra i menù e in generale il fatto che non si possa giocare come un punta e clicca come su pc, li dragon age origins da dà il meglio.
Insomma chiunque ami i giochi di ruolo puri deve giocare Origins, merita tantissimo

9.5

Voto assegnato da LuchinoWF97
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 9.1

Astrid

Astrid ha scritto una recensione su Dragon Age: Origins

Cover Dragon Age: Origins per PS3

"Crediamo a ciò che vogliamo credere. È ciò che tutti facciamo."

[Cit. Flemeth]

Il gioco di ruolo è ambientato nel Ferelden, una delle nazioni del vasto mondo di Thedas, nel pieno dell'invasione della Prole Oscura: creature terribili e malvagie. Benché dimorino nelle Vie Profonde, un complesso sistema di gallerie sotterranee create dai nani, una volta ogni 200 anni (400 in questo caso) raggiungono la superficie, distruggendo tutto ciò che incontrano sul loro cammino. Questo evento prende il nome di Flagello. Per sconfiggere tale pericolo arrivano in soccorso i Custodi Grigi.

Inizialmente si crea il personaggio principale, la creazione non è vastissima come in un qualsiasi The Sims ma è abbastanza dettagliata da risultare soddisfacente. Si possono scegliere varie abilità da attribuire al personaggio e decidere da quale classe e razza farlo provenire (umano, nano, elfo)/(nobile, senza casta, ladro, ecc...) ogni volta che si accumula esperienza e si sale di livello si può decidere quale abilità aumentare. I comandi sono molto semplici e si memorizzano all'istante, mi ha dato un po' fastidio il menù circolare, molto scomodo a mio parere. In più il sistema di combattimento non è proprio il massimo perchè l'ho trovato troppo meccanico. Una bella trovata è stata quella di inserire "il gruppo", ovvero scegliere con chi viaggiare (i discorsi fra i componenti del gruppo a volte fanno morire dal ridere) e la scelta di interagire profondamente con essi (fino a creare una relazione amorosa o una pessima amicizia, così da affezionarsi ai personaggi). Amo l'inserimento delle scelte multiple nei dialoghi: ogni scelta porta ad un avvenimento/finale diverso all'interno del gioco.

Le ambientazioni e le mappe le ho trovate un po' monotone, soprattutto quelle delle Vie Profonde, ma per fortuna l'esplorazione ha fatto il suo lavoro di intrattenimento, i paesaggi non sono magnifici ai livelli di Skyrim e nemmeno pessimi ai livelli di Minecraft ma ho notato che i produttori si sono impegnati a riempirli di dettagli e ciò mi ha affascinata. Stesso discorso per le skins dei personaggi, delle infinite armature e armi e per i nemici, alcuni davvero belli come l'Ogre o l'Arcidemone.

Le colonne sonore sono stupende, soprattutto quella del menù iniziale.

Per finire: è un gioco che ho amato ed una saga che continuerò ad amare, la trama mi ha presa fin da subito e i personaggi sono tutti carismatici e caratteristici, non ce ne è stato uno che mi annoiasse così tanto da costringermi a saltare i dialoghi! Poi, come ho scritto prima, il fatto delle scelte multiple mi piace troppo, si sente il peso di una scelta sbagliata in futuro o la soddisfazione di una scelta giusta. Dragon Age: Origins è pieno di missioni principali e secondarie e tutte, se non alcune quasi inutili, mi hanno divertita. Inoltre, sul finale, mi sono sentita piena di soddisfazione (scusate se mi ripeto) per aver salvato il Ferelden!
Lo consiglio davero a tutti, non potete perdervi questa perla!

Astrid

Ho salvato (di nuovo) il Ferelden! :^

Spoiler

Mentre tutti ringraziavano il mio personaggio (dopo aver ucciso l'Arcidemone), mi sono commossa cavolo! rotfl mentre i miei compagni mi dicevano addio, mi è scappata qualche lacrima asd era un momento troppo commovente...

Non ci sono interventi da mostrare.