Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Mass Effect

Sviluppato da BioWare e prodotto da Electronic Arts, Mass Effect è un gioco di ruolo uscito il 5 dicembre 2012 per PlayStation 3.

·
8.9

Recensioni

27 utenti

PlayStation Bit

Addio Corey Gaspur, il lead designer di Dragon Age e Mass Effect ci lascia per sempre

BioWare, tramite un messaggio pubblico sul suo blog, ha comunicato la scomparsa di Corey Gaspur, lead designer della compagnia, arrivato a BioWare nel 2008. Gaspur ha contribuito allo sviluppo di tit .. · Leggi tutto l'articolo

Patrizia_96

Patrizia_96 ha pubblicato un'immagine nell'album Disegni riguardante Mass Effect

Ecco a voi garrus! Matite su foglio da stampante A4. ;)

Multiplayer.it · RSS

Nessun futuro per Mass Effect: serie congelata a causa dell'insuccesso di Andromeda

Ridotta Bioware Montreal. Stando a una fonte interna a Bioware, l'insuccesso di Mass Effect: Andromeda, ha messo la parola fine alla serie Mass Effect, congelata a tempo indeterminato da Electronic Ar .. · Leggi tutto l'articolo

Game Legends

Claudio Moneta: l'uomo dalle mille voci ospite al Mass Effect Day

Durante la giornata organizzata al museo del videogioco a Roma, il Vigamus, è stato ospite al Mass Effect Day l'iconico doppiatore del primo e del terzo capitolo della saga, che oltre ad essere la sup .. · Leggi tutto l'articolo

Fil

Fil ha scritto una recensione su Mass Effect

Cover Mass Effect per PS3

Dopo le prime quattro o cinque ore passate su questo titolo ho pensato: “Che cosa ho fatto in tutti questi anni?”. Mass Effect mi ha stregato in un modo che non accadeva da tempo e le oltre trenta ore passate in compagnia di Sheppard e compagni sono state incredibili, uniche. Ammetto che inizialmente mi sono sentito un po’ straniato a causa dell’ingente quantitativo di informazioni con cui sono entrato a contatto. L’universo narrativo creato da Bioware è complesso e affascinante e ho passato molto tempo sul codex per cercare di acquisire quante più informazioni possibili. Per il resto, la struttura di gioco è praticamente identica ai giochi più recenti a cui siamo stati abituati e, se mettiamo da parte il comparto tecnico che sente inevitabilmente il peso degli anni, oltre che a un inventario a dir poco caotico, Mass Effect risulta molto godibile tutt’ora, ed è incredibile. Se devo essere sincero, l’elemento che ho amato di più in questo capitolo è proprio il ritmo di gioco, lentissimo rispetto ai suoi successori eppure è l’elemento che riesce a donare qualcosa in più al gioco, rendendolo ancora più magico. Di Mass Effect ho adorato quasi tutto: dalla regia in grado di conferire un enorme pathos durante le sequenze filmate nonostante la semplicità con cui vengono portate avanti (attraverso una grande quantità di primi piani), fino ai discorsi motivazionali quasi da cliché di Sheppard, con quel tono di chi sa sempre cosa fare. Nonostante questo risulta tutto così epico. Se penso al modo in cui viene portata avanti la narrazione in Mass Effect, quasi mi emoziono. Sebbene la Cittadella non sia grandissima, si è dimostrata viva e piena di fascino e ho apprezzato tantissimo le missioni secondarie ambientate su di essa, soprattutto quelle che terminavano con le maniere forti. Potrebbe sembrare banale, addirittura infantile, ma questo tipo di missioni contribuiscono a fare sentire la città più di un semplice “teatro” dove passare il tempo tra una missione principale e l’altra e ne ho sentito la mancanza nei capitoli successivi. Un elemento interessante ma che sarebbe potuto essere sviluppato meglio è l’esplorazione dei pianeti. L’idea di andare in giro con il Mako non è male ma i comandi del veicolo sono scomodissimi e i pianeti sono quasi tutti uguali, ma con palette cromatiche differenti e rilievi più o meno ripidi. Anche le missioni secondarie su questi pianeti sono in parte deludenti, se dal punto di vista narrativo offrono storie molto interessanti e avvincenti, non si può dire lo stesso della realizzazione degli scenari in cui sono ambientate, che di fatto sono delle basi tutte uguali in cui spesso non cambia nemmeno la posizione degli elementi dello scenario. Passando al gameplay, Mass Effect offre un sistema di shooting abbastanza grezzo ma tutto sommato funzionale e perdonabile visto che le sparatorie non coprono un ruolo predominante.
Mi piacerebbe continuare a scrivere di questo incredibile capolavoro di Bioware spolpandone ogni aspetto, magari parlando dei temi trattati e quant’altro ma servirebbe troppo tempo. Tutto ciò che posso dire è che se c’è qualcuno che non ha ancora messo le mani sul prinicipio di una delle saghe fantascientifiche più belle mai realizzate, lo faccia.

9

Voto assegnato da Fil
Media utenti: 8.9

Markox

Markox ha scritto una recensione su Mass Effect

Cover Mass Effect per PS3

Storia avvincente dall'inizio alla fine, un mondo molto vasto con tantissime quests secondarie da svolgere, tante armi e un buon gameplay, ma una grafica che su PS3 fa davvero pena.
Mass Effect ricorda molto Star Wars per l'ambientazione quindi piacerà sicuramente a coloro che amano esplorare la galassia.
Personaggi ben caratterizzati e un doppiaggio discreto.
Purtroppo la grafica abbassa di un po' il voto, perché è veramente brutta e il peso degli anni si fa sentire, cosa che in altri titoli può risultare meno evidente.
Andava giocato in vista dell'uscita di Andromeda e ora mi dedicherò al secondo episodio.

8.8

Voto assegnato da Markox
Media utenti: 8.9

beneco

beneco ha scritto una recensione su Mass Effect

Cover Mass Effect per PS3

Che dire? Mi sono avvicinata all'intera saga di Mass Effect da non esperta di RPG e da non amante della trama fantascientifica ambientata nello spazio... insomma, iniziavo bene, ma i commenti positivi e soprattutto ispirati di chiunque avesse provato Mass Effect mi avevano convinto.
E oggi posso dire che voglio diventare anch'io uno di quei commenti che convincono qualcun altro a godersi tutta l'avventura di Shepard, perché perdersela vorrebbe dire sprecare l'occasione di vivere per un po' all'interno di un mondo parallelo realizzato nei minimi dettagli, con storie uniche, pianeti da esplorare, razze da scoprire e da cui imparare. Il mondo di Mass Effect è curato e vivo, e non sto parlando della grafica o dell'impatto visivo, ma di narrazione e di quel tocco di curiosità che invoglia a girovagare e parlare con le persone per sapere, per imparare, per entrare in un mondo che a poco a poco diventa del giocatore. La possibilità di "costruire" il proprio Shepard (dal volto alla storia personale passando per la classe di abilità in battaglia) da aggiungere a quell'universo non fa che aumentare quella sensazione di coinvolgimento che fin da subito mi ha preso.
Se quindi trama e narrazione sono stati i primi punti di forza che ho incontrato in Mass Effect, dopo qualche ora sono entrata finalmente in azione e ho realizzato che il gameplay non sarebbe stato da meno. A metà tra uno sparatutto e un RPG, attraverso Shepard avevo a disposizione le armi (con un arsenale ricco, potenziamenti e corazze coloratissime), i poteri (che fin da subito hanno attirato la mia attenzione e hanno senza dubbio preso il sopravvento sui proiettili) e le parole (con dialoghi a scelta multipla e un sistema di moralità molto semplice) per affrontare nemici e amici. Ho perso ore a sistemare l'equipaggiamento della mia Shepard e dei miei compagni, e credo di aver perso altrettanto tempo a fissare lo schermo di fronte a due opzioni di dialogo che avrebbero avuto conseguenze sulle mie azioni.
Insomma avevo giocato poco più di 15 ore e Mass Effect mi aveva conquistato. Trama, gameplay, personaggi, poteri, armi, mondi e qualche chicca che sul momento mi aveva particolarmente esaltato, come il Mako per girovagare liberamente sui pianeti sconosciuti e la possibilità di influenzare la mia relazione con alcuni componenti del mio equipaggio (non faccio nomi asd).
Dopo 80 ore di gioco, un paio di run e la voglia di iniziare di nuovo l'avventura per provare nuove classi, ho verificato che anche la longevità rientrava tra i pro di Mass Effect, ma... ma dopo 80 ore, ho avuto anche la sfortuna di incappare in quei cavolo di contro che per correttezza non si posso tralasciare. Innanzitutto la ripetitività delle ambientazioni delle missioni secondarie, che ti invogliano a completarle solo per ottenere punti esperienza e per scoprire i risvolti delle proprie azioni, ma che a lungo andare risultano come "trova il pianeta, sbarca, doma il Mako fino al punto prefissato, entra nell'edificio di turno con struttura sempre uguale, combatti e parla con il personaggio, fine". E poi ringrazio tanto la Bioware per aver portato il primo capitolo anche su ps3, ma porca miseria quegli insensati cali di frame rate e caricamenti infiniti che lasciano Shepard a metà nella camminata e che ogni tanto bloccano la play obbligando in un paio di occasioni anche a riavviarla? O il Mako che a volte si incastra sulle creste delle rocce con le ruote sospese a due centimetri dal suolo che girano a vuoto? Boh, sembrano cose così "semplici" da sistemare che ogni volta che mi succedeva mi arrabbiavo più di quanto in realtà avrei dovuto.
Nonostante i contro, però, Mass Effect vince su tutto e questo primo capitolo è essenziale per conoscere i coprotagonisti, immergersi in un mondo nuovo fin da subito e iniziare a influenzare quello che sarà il nostro percorso in tutta la trilogia.

10

Voto assegnato da beneco
Media utenti: 8.9

Non ci sono interventi da mostrare.