Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Radical Entertainment e prodotto da Activision Blizzard, Prototype è un gioco d'azione e avventura uscito il 12 giugno 2009 per PlayStation 3.

·

"Bel gioco questo Prototype. A dispetto di un inizio un po' lento e di una trama non certo appassionante, man mano che si va avanti e si cominciano ad acquisire i poteri più interessanti, si rivela un prodotto da gameplay curato e divertente, in grado di trasmettere la sensazione di essere "super" e di entusiasmare per una combo ben riuscita di saliti, corse sui muri e planate da un tetto all'altro." da playerinside.it

7.6

Recensioni

29 utenti

MattiaPescitelli

MattiaPescitelli ha scritto una recensione su Prototype

Cover Prototype per PS3

Il parco giochi della precedente generazione

Prototype è il gioco di svago per eccellenza. La liberta d'azione e movimento è immensa e sempre divertente. I poteri, poi, sono originali e molto funzionali, innovando il comparto tecnico e soprattutto fisico sotto ogni punto di vista. Era la vera avanguardia della precedente generazione.

9

Voto assegnato da MattiaPescitelli
Media utenti: 7.6 · Recensioni della critica: 7.9

King Asgore Dreemurr

King Asgore Dreemurr ha pubblicato un'immagine nell'album Quota questo! riguardante Prototype

"Mi chiamo Alex Mercer. Sono il motivo di tutto questo. Dicono che sia un assassino, un mostro, un terrorista. Sono tutte e tre le cose."

Reita.Roses

Reita.Roses ha pubblicato un'immagine nell'album 100 Day Video Games Challenge riguardante Prototype

Day 50: A game where you play as the villain
Prototype fu un gioco che divise la critica e i giocatori, io personalmente lo adorai e lo pereferii di gran lunga al ben più "allegrotto" Infamous. Prototype era un gioco cattivo, brutale, dove si impersonava un certo Alex Mercer durante un virus che aveva colpto Manhattan trasformando metà popolazione in creature infette disgustose... anche Alex è un infetto, ma in lui l'infezione è mutata in modo diverso, permettedogli di gestire il suo corpo come se fosse il simbionte di Venom, gli arti mutano come fossero "inchiostro nell'acqua", una scelta stilistica meravigliosa per uno dei titoli più violenti su cui abbia messo mano in vita mia. Che poi Alex è tutt'altro che un "supereroe", per tutto il gioco sarà "nel mezzo" tra l'esercito e gli infetti in una posizione... tutta sua. E poi oh, per curarsi bisognava assorbire persone innocenti... non è proprio una cosa da superore Marvel asd
Il sequel è carino, ma nettamente inferiore al predecessore.

Non ci sono interventi da mostrare.