Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato e prodotto da Konami, Silent Hill: Homecoming è un gioco d'azione e avventura uscito il 27 febbraio 2009 per PlayStation 3 · Pegi 18+

·

"Silent Hill: Homecoming è un titolo quasi indisponente se pensiamo alle sue enormi potenzialità; a un sistema di combattimento rinnovato ed efficace si contrappongono così un gameplay molto lineare e guidato, una conversione da console mal eseguita e i classici difetti della serie (non ultimi i pochissimi "Save Point£ presenti). Per fortuna le musiche sono sempre eccezionali, i mostri davvero malati e spaventosi e gli enigmi, seppur non originali, hanno sempre un nesso logico ad accomunarli, ma è indubbio che chi si aspettava un minimo di innovazione e di superamento degli errori passati rimarrà non poco deluso da questa sesta incarnazione di Silent Hill." da Videogame.it

7.5

Recensioni

13 utenti

PlayStation Bit

Silent Hill – Il vinile della colonna sonora

Mondo presenta il vinile della colonna sonora del primo e indimenticato Silent Hill per PlayStation. La versione “Black” è già sold-out; rimane da incrociare le dita per la versione “Snowfall“. Dai co .. · Leggi tutto l'articolo

PsychoBreak

PsychoBreak ha scritto una recensione su Silent Hill: Homecoming

Cover Silent Hill: Homecoming per PS3

Prima di iniziare ci tengo a precisare che l'ho giocato e finito anni fa, quindi quelle che andrete a leggere sono le cose che mi sono rimaste dentro dopo tutti questi anni.

Parto col dire che se a molti non è piaciuto particolarmente come capitolo della saga, a me ha fatto letteralmente impazzire, l'ho adorato!
Mi rendo conto che non è hai livelli del 2 o del 3 però merita davvero tantissimo (ovviamente dobbiamo escludere qualche cazzata presente nel gioco (come la presenza di Pyramid Head oppure il finale UFO come finale canonico) che ha fatto giustamente storcere il naso a molti appassionati).

Le atmosfere e la ost sono ben fatte e sono molto coinvolgenti, riuscendo spesso a creare quel classico senso di "nostalgia" classico della serie.

Il gameplay è a grosso modo sempre il solito, con un protagonista predisposto alle armi da fuoco (ciò è dovuto alla sua preparazione militare) che a mio avviso non ci sta affatto male.

Non parlo della trama per evitare spoiIer, però posso dire che qui si affronterà un tipo di vicenda leggermente diversa da quella dei classici Silent Hill (a me personalmente non è dispiaciuta).

Sia chiaro, questo non è un capolavoro e non è il miglior Silent Hill mai fatto, semplicemente è un gioco che a mio avviso merita di essere giocato perché riesce ad intrattenere per tutte le ore di gioco.

8.8

Voto assegnato da PsychoBreak
Media utenti: 7.5 · Recensioni della critica: 6.9

Robert Trent

Robert Trent ha scritto una recensione su Silent Hill: Homecoming

Cover Silent Hill: Homecoming per PS3

Silent Hill Homecoming uscito nel lontano 2008 inizialmente nasce come SHV, e viene sviluppato da Double Elix divenendo il primo SH ad approdare su console domestiche della settima generazione videoludica.
La recensione sarà come sempre molto soggettiva e spoiIerfree,
pensandoci con questo ho finito tutti i Silent Hill della serie principale... e lascia un certo effetto sapere che non ne potrò giocare un altro (in tempi brevi almeno, vabbeh sapete la storia...).

In questo titolo vestiremo i panni di Alex Shepard, un ex soldato che dopo qualche tempo ritorna nella sua città natale.
Inizialmente non mi colpì molto, ad essere onesto fu anche l'ultimo SH che recuperai, lo lasciai come ultima ruota del carro della serie ma in fondo dopo più di 8 anni dal release lo recuperai.
Questo titolo è molto strano, inizialmente mi piacque finendo poi col deludermi su diverse cose, rivelandosi un gioco terribilmente basato sul fanservice finendo poi addirittura a non essere pubblicato in Giappone, insomma nel prodotto finale sembra esserci davvero poca farina del proprio sacco...

Una delle cose che mi piacquero di meno è che la maggior parte del titolo non è ambientato neanche a Silent Hill, ma a Shepard's Glen, una delle tante città limitrofe dell'iconica città nebbiosa.
Diversamente da SH4, dove avremo solo una fase di gioco al di fuori di SH (precisamente South Ashfield), Homecoming si rivela invece molto insistente nell'ambientare (anche in maniera troppo lineare) il titolo nella città di Shepard's Glen.

Uno dei maggiori difetti del gioco è che prende davvero troppo spunto dal Film del 2006, e le diverse incoerenze del film le porta appresso anche Homecoming, come il cameo insensato di mostri, che per chi conosce bene la serie sa quanto siano fondamentali per capire totalmente l'opera ed il personaggio con cui si gioca.
Inoltre Homecoming vaga un po' troppo su una struttura narrativa fin troppo simili a Silent Hill 2 per quanto riguarda i temi trattati non brillando insomma di luce propria o comunque non mettendo in risalto i propri pregi.
Questo aggiunto alla grande dose di fanservice presente nel titolo hanno portato la Konami a non far uscire il titolo nella terra natia trovandolo più adatto al pubblico occidentale che ha accolto meglio il film.

Nonostante tutto Homecoming ha fatto diversi passi avanti, è il primo Silent Hill a non utilizzare una telecamera mobile e non fissa, che diciamocelo, nonostante crei atmosfera era davvero complicata da gestire.
Il Battle System è più immediato collegandosi al fatto che Alex è un soldato addestrato, percui se la caverà durante i combattimenti rendendoli forse meno frustranti ma che comunque andranno a rompere decisamente l'atmosfera horror dei vecchi silent hill dove eravamo impotenti dinanzi al nemico facendoci pesare di più lo scontro con loro.
Graficamente è altalenante, i mostri sono resi molto bene mentre le ambientazioni a volte hanno una resa discreta per colpa di texture di scarsa qualità, i modelli umani invece sono salvabili, nonostante siano a volte molto approssimativi, i capelli dei personaggi femminili invece sono un pugno nell'occhio che sembrano essere delle vere e proprie salsicce che spuntano dalla testa.

In conclusione Silent Hill Homecoming è sicuramente un titolo godibile con tutti i suoi pregi e difetti, ma nonostante le buone idee ha dato un risultato discreto, forse per colpa di uno sviluppo altalenante o forse semplicemente una presa di direzione particolare.
Resta comunque un Silent Hill (anche se personalmente lo considero il meno bello) che sicuramente farà piacere ai fan della serie e che indubbiamente dista anni luce dall'inopportuno "Book of Memories".

PRO:
- Storia e Protagonista godibile.
- Monster Design ispirato (ed a volte anche troppo).
- Buon Level Design, anche se parecchio lineare.
- Battle System rielaborato (può essere anche un contro).
- Ottimo sonoro (nonostante sia quello più sottotono di quelli curati da Yamaoka).
- Buona durata tutto sommato, intorno alle 12 ore ma con pochi motivi per rigiocarlo (pochi extra insomma se non qualche abito).

CONTRO:
- Un Silent Hill non ambientato a Silent Hill (o almeno il 70% è altrove).
- Davvero pochissimi Puzzle (ne ho contati solo 4), l'intero gioco si basa su "trova oggetto A ed usalo quando serve".
- Menù e gestione dei tasti scomoda.
- NPCs davvero sottotono.
- Graficamente e tecnicamente un po' altalenante.
- Il finale UFO ottenibile alla prima run (pensate ad un poveretto che ignaro delle scelte fatte si ritrova dopo 13 ore di gioco il finale comico...).

7.5

Voto assegnato da Robert Trent
Media utenti: 7.5 · Recensioni della critica: 6.9

SAV

SAV ha scritto una recensione su Silent Hill: Homecoming

Cover Silent Hill: Homecoming per PS3

Quinto capitolo della saga se prendiamo in considerazione soltanto gli episodi usciti su console casalinghe, Homecoming non è affatto il titolo mediocre che molti dicono. Sarà pur vero che tecnicamente si poteva fare di più e che il lineare gameplay non introduce innovazioni degne di nota, ma è anche vero che le angoscianti atmosfere tipiche della saga ci sono tutte e che la trama ha il suo bel perché. Non sarà un titolo che setta gli stessi livelli qualitativi degli episodi precedenti ma è comunque un bel gioco horror.

NewsArt.org

La doppiatrice di Silent Hill a lavoro su un nuovo Horror

Donna Burke, storica voce di diversi titoli targati Konami, tra cui la serie Silent Hill a cui ha lavorato a più riprese dando la voce a più personaggi, ha scritto su Twitter di essere al lavoro su un .. · Leggi tutto l'articolo

NewsArt.org

Silent Hill – Cineludica

Sin dalla sua uscita nel lontano 2006, Silent Hill si è guadagnato la corona di miglior adattamento cinematografico mai realizzato per un videogioco, e ancora adesso si mantiene a detta di tutti saldo .. · Leggi tutto l'articolo

giuseppe

giuseppe ha pubblicato un'immagine nell'album collezione riguardante Silent Hill: Homecoming

Sinceramente? Non ho mai capito l'eccessiva ostilità nei confronti di questo titolo. Certo non è un capolavoro,ma racchiude molti dei canoni tipici di Silent Hill,trama disturbata,(tra le più disturbate,a mio modo di vedere...),nemici azzeccati,e vari(ottimi i boss.) sessioni rompicapo piuttosto interessanti...insomma tutto sta al suo posto,eccetto la grafica di per se un po troppo piatta e povera,tuttavia risollevata da ottimi effetti di illuminazione che rendono gli scenari molto evocativi. Certo non un gioco da 9,ma io il suo bel 7-7 1\2 glielo concederei. Comunque ora che ho recuperato la versione ps3 me lo rigioco,magari mi sto sbagliando, magari è il fan che è in me che me lo fa ricordare migliore di quanto in effetti non sia... Stiamo un po a vedé va.

Non ci sono interventi da mostrare.