Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Bound

Sviluppato da Plastic Studios e prodotto da SCEA, Bound è un platform game uscito il 16 agosto 2016 per PlayStation 4 · Pegi 7+ · Link: store.playstation.com

Una donna incinta cammina a piedi nudi sulla spiaggia/Una principessa difende il suo regno surreale.

Un diario scarabocchiato le ricorda il passato/Una terra di frattali e strane geometrie.

Ricordi in frantumi di una fragile famiglia/Un viaggio danzante di inimmaginabile grazia.

Una danza/una missione/un magico regno/un incubo/un sogno che si dispiega.

Bound è tutto questo.

Per raggiungere la libertà, devi esaminare ciò che ti lega.

7.4

Recensioni

7 utenti

Zazandre

Zazandre ha scritto una recensione su Bound

Cover Bound per PS4

Graficamente spettacolare, ma tutto sommato parecchio deludente. E' un videogioco che, per essere goduto appieno, necessita del visore. Se no rischia di annoiare alla svelta.

Fablink182

Fablink182 ha scritto una recensione su Bound

Cover Bound per PS4

L'arte della danza

Bound è un Indie esclusivo per Ps4 che è riuscito a sorprendermi, un po come per esempio Journey (Seppur il Gameplay non sia proprio uguale).
Analizzando il Gameplay si può capire che sia abbastanza facile, dovremo fare poche cose, per esempio: Correre, saltare e danzare (Danzare serve per deviare i danni che potrai ricevere e anche per liberarti dai nemici che ti intrappoleranno).
Il picco si raggiunge grazie alla colonna sonora, veramente bella ed efficace, di sicuro può emozionare.
La storia subito non si capisce o almeno il gioco cerca di tenerla nascosta fino alla fine, momento in cui avremo diversi colpi di scena in cui rimanere sorpresi è il minimo.
Sul fattore longevità siamo lontani dai livelli alti, infatti per finire il gioco basteranno bene o male tre o quattro ore, però alla fine della storia potremo rigiocare il tutto in modalità SpeedRun.
Un'aggiunta in più che può solamente fare piacere è l'aggiunta della compatibilità con Playstation VR che fa immergere il giocatore ancora di più nel mondo di gioco.

Reita.Roses

Reita.Roses a proposito di Bound per PS4

Ho notato che nonostante sia gratis col plus non se lo sta cagando nessuno, e mi dispiace molto, perchè è una piccola perla che, ammetto, mi ha colpito molto. Non dura molto, poco più di un paio d'ore, e anche meno, e non è nemmeno chissà quale platform complessissimo... però... ha stile. Ha tanto, tanto stile, e una colonna sonora di altissimo livello. Probabilmente non è minimamente adatto a tutti i palati, probabilmente pochissimi riusciranno ad apprezzare il gioco dove si interpreta una ballerina asd
E mi dispiace averlo preso col plus. L'ho sottovalutato, avrei dovuto prenderlo normalmente, in modo che mi restasse.

daxter79

daxter79 ha scritto una recensione su Bound

Cover Bound per PS4

Bound e' un gioco molto particolare,se cosi' si puo' definirlo.E' piu' un viaggio sensoriale,e questo puo' non piacere a tutti.L'ho giocato in VR,grazie ai generosi sconti offerti dallo store.L'esperienza in realta' virtuale e' molto bella,la grafica e' pulita e artisticamente il gioco e' splendido,compresa la colonna sonora.Durante la prima sessione la difficolta' e' inesistente,se si muore si riparte dal solito identico punto.Una volta finito il gioco si sbloccano altre modalita' con delle sfide da raggiungere,e questo potrebbe essere uno stimolo in piu' per rigiocarlo. Si finisce in un pomeriggio,ma in VR e' sicuramente un esperienza da provare.

Clowen

Clowen ha scritto una recensione su Bound

Cover Bound per PS4

Quella di Bound è stata un esperienza molto particolare, ma non per questo brutta, anzi, mi è piaciuta tantissimo.

Quel che mi ha più catturato in questo titolo è sicuramente la composizione degli scenari, molto particolari, composizioni generati da forme poligonali semplici ma d'impatto. A dimostrare quanto sia particolare vi è anche la protagonista, che si muove con dei movimenti molto leggeri e soavi, danzando in un modo delicato e incantevole.

Il gioco ci metterà nella posizione di indagare in alcuni ricordi di questa ragazza incinta - che viene "introdotta" dal pre-inizio del gioco -. A quanto pare, la protagonista non ha ancora interiorizzato il distacco dei due genitori, e appunto per questo, ci ritroveremo a vagare in alcuni ricordi dove assisteremo dall'inizio alla fine sia nel mondo poligonale della Principessa danzatrice che in alcuni flashback del mondo reale, tutto il percorso di questo trauma, affrontando una tematica che ancor tutt'oggi non è facile affrontare.

Penso che Bound sia uno di quei titoli non adatti a tutti, visto che per certe fasi può risultare molto ripetitivo e noioso se non si è "fanatici" di questo genere di produzioni. Personalmente son felice di averlo giocato, mi ha catturato per due ore in questo particolare mondo con la sua altrettanto particolare esperienza.

Non ci sono interventi da mostrare.