Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Quantic Dream e prodotto da SCEE, Heavy Rain & Beyond: Two Souls Collection è un gioco d'avventura uscito il 2 marzo 2016 per PlayStation 4 · Pegi 18+

Due viaggi commoventi
Preparati per le avventure più coinvolgenti mai viste su console. Dopo il successo su PlayStation 3, Heavy Rain e BEYOND: Due Anime sono ancora migliori su PlayStation 4.

Le tue scelte e le tue azioni significano tutto. Il corso di queste storie... e il loro epilogo... dipendono esclusivamente da te.
Heavy Rain
Guida la caccia per smascherare l'assassino degli origami nei panni di quattro diversi personaggi, in questo thriller psicologico dall'alto carico di tensione.

Scegli la tua prossima mossa con attenzione: ogni decisione ha risvolti decisivi e può determinare chi vive e chi muore. Fino a che punto ti spingeresti per salvare qualcuno che ami?

BEYOND: Due Anime
Domina poteri misteriosi nella straordinaria vita di Jodie Holmes, una ragazza legata a un'entità sovrannaturale. Immergiti in un'emozionante avventura psicologica per scoprire cosa ci attende nell'aldilà.

Questo grande successo del 2013 ora include l'opzione di vivere la trama in ordine cronologico, missioni extra rilasciate in origine come contenuti aggiuntivi e altre storie da scoprire.

8.8

Recensioni

20 utenti

Menni
Cover Heavy Rain & Beyond: Two Souls Collection per PS4

Stupenda collezione composta da due titoli davvero ottimi, entrambe le trame emozionanti ed intriganti. Assolutamente da giocare se non posseduti su Ps3

Oldboy
Cover Heavy Rain & Beyond: Two Souls Collection per PS4

Empatia al servizio del videogame

Non è un compito facile riuscire ad inquadrare in maniera definita i lavori di David Cage e della sua personale Quantic Dream, casa di produzione ormai abbastanza navigata nell'ambiente videoludico, che può vantare ad oggi circa una ventina d'anni d'esperienza alle spalle. Ciò che differenzia significativamente le varie opere dello studio francese dagli altri prodotti del settore è in assoluto il loro modo di proporsi come delle avventure strettamente atipiche, che ad un'occhiata poco attenta potremmo dire semplicemente improntate su una tipologia più o meno variegata di interattività col giocatore. Un miscuglio a base di scelte multiple nei dialoghi, di quick-time event, di oggetti e personaggi vari con cui influenzare l'andamento generale della narrazione.
Già, la narrazione. Cage, il cui vero nome è David De Gruttola, è un creativo di origine francese che ama i film americani, un artista che adora scrivere e raccontare storie. Ma, soprattutto, è un uomo che ha coltivato e maturato col tempo la propria visione personale del medium videoludico. Per il francese proprietario di Quantic Dream, il videogioco non deve basarsi sul puro e semplice divertimento, ma deve saper essere un'esperienza emotiva e possibilmente riflessiva per il giocatore. Per farlo, il mezzo videoludico deve quindi aumentare quel legame e quell'immedesimazione, solitamente impliciti, tra i suoi personaggi e il giocatore. Deve riuscire a sviluppare quei tratti di empatia necessari per decidere quanto effettivamente stiamo adorando Tizio o Caio nel vederlo fallire o avere successo a fronte delle nostre decisioni. In questo singolare discorso di empatizzazione, il videogioco non si va a distanziare molto da quello che fa un film o comunque da qualsiasi altra opera con una minima base di narrativa dietro. Cage ha perciò unito queste sue due passioni e ne ha amplificato il grado di immedesimazione con un solo, potentissimo ingrediente: la scelta.
Sarebbe riduttivo e superficiale limitare le opere di Quantic Dream a dei semplici cocktail con azioni limitate e preimpostate e due-tre cutscenes che si alternano tra di loro in base all'opzione selezionata dal giocatore. Così come sarebbe riduttivo andare ad insistere su una presunta inutilità delle stesse, solo perché magari la linearità generale della "macro-narrazione" non viene minimamente alterata dal nostro intervento (anche se molte interazioni sono effettivamente delle variabili in grado di districare il racconto su più percorsi narrativi).
L'idea personale di Quantic Dream è molto più complessa e ambiziosa di come potrebbe apparire: la scelta a cui viene chiamato il giocatore, rilevante o meno che sia, non deve fungere da puro mezzo di prosecuzione della storia, ma deve apparire come un modo per permettergli di manifestare la sua voglia di legarsi o meno alle gioie e ai tormenti di un personaggio, nonché alle vicende che lo coinvolgono in quel preciso momento. Proprio per questo, non avremo sempre a che fare con momenti in cui si oscillerà "semplicemente" tra la vita e la morte, ma molte volte interagiremo anche con istanti di sincera e spensierata quotidianità. Per capirci, non dobbiamo solo vedere quanto effettivamente sia utile interagire con un determinato personaggio, ma cercare di riflettere sul modo in cui NOI scegliamo di interagire con quest'ultimo. Perchè quel modo sarà esplicativo per capire quanto ci sentiamo davvero coinvolti nella storia e in che modo ci stiamo approcciando alla stessa.
Penso, in breve, che Heavy Rain e Beyond: Two Souls, così come il loro pioniere Fahrenheit, siano titoli che meritano semplicemente di essere provati almeno una volta, proprio per questa loro singolare caratteristica. Non tanto per l'ottima componente grafica messa in mostra, la sceneggiatura ben scritta da Cage, la colonna sonora sempre di buona fattura, la presenza di un gran numero di finali multipli o le piccole sperimentazioni da parte dei Quantic Dream (come, ad esempio, l'inserimento di una formula coop-locale in Beyond: Two Souls, scelta atipica quanto riuscita per un gioco di questo genere).
No, questi titoli hanno comunque molti pregi aldilà del coinvolgimento emotivo col giocatore, ma vanno provati proprio perché riescono in primis a regalare quell'assoluto, intenso e significativo senso di immedesimazione con personaggi di un contesto virtuale che viene reso sempre in maniera maledettamente affascinante.
E ciò è più che sufficiente per poter esclamare alla fine:
"Sì. Ne è valsa la pena."

Voto Heavy Rain - 9.5
Voto Beyond: Two Souls - 9

Oldboy

Molto bello e ben fatto anche Beyond: Two Souls. Il suo "difetto"? Il fatto che esista Heavy Rain, che nel confronto generale lo fa un po' impallidire. Ma non fraintendete: è tutto tranne che un titolo mediocre, e siamo di fronte ad un'opera interattiva molto interessante. Mi piace come Cage cerchi sempre di innovarsi inserendo ogni volta elementi diversi nei suoi titoli. In questo caso, mi ha affascinato molto la componente multiplayer, che all'inizio mi sembrava messa un po' come un'enorme forzatura e dal peso totalmente insignificante per un prodotto del genere. Ma alla fine riesce persino a dare un valore maggiore a questa avventura dai contorni sovrannaturali.
Insomma, sono contentissimo di aver recuperato questa Collection, per cui inizialmente avevo delle grosse aspettative. Aspettative che, alla fine, sono state ampiamente ripagate. Non vedo l'ora di mettere le mani sul prossimo titolo dei Quantic Dream e vedere cosa hanno realizzato di bello ahsisi.

Oldboy

Oldboy ha pubblicato un'immagine nell'album 100% riguardante Heavy Rain & Beyond: Two Souls Collection

E' stato un piacere.

Non ci sono interventi da mostrare.