Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Square Enix, Kingdom Hearts HD 1.5 + 2.5 ReMIX è un gioco di ruolo uscito il 31 marzo 2017 per PlayStation 4.

8.9

Recensioni

3 utenti

Leonerd

Mamma mia Chain of Memories se sei come la carta vetrata sulle palle.

Nyozeka

Nyozeka ha pubblicato un'immagine nell'album Giochi Platinati riguardante Kingdom Hearts HD 1.5 + 2.5 ReMIX

Platino che chiude i capitoli della collection, ormai ultimata al 100% 😍

Oldboy X

Oldboy X ha pubblicato un video riguardante Kingdom Hearts HD 1.5 + 2.5 ReMIX per PS4

Non mi aspettavo anche il mondo di Pirati dei Caraibi.
E' un piacere abbattere heartless con Zimmer in sottofondo ahsisi

Kingdom Hearts 2 - He is a Pirate

Port Royal Battle Theme

Aoi Kurashiki
Cover Kingdom Hearts HD 1.5 + 2.5 ReMIX per PS4

Kingdom Hearts I.5 & 2.5: Recensione

Dopo quasi 3/4 mesi ho finalmente completato questa collection che oserei dire sia forse una delle collection più sensate all'interno del mondo videoludico. Giocare Kingdom Hearts prima di questa collection sarà stato un parto, una distribuzione dei giochi pessima che si sparpagliava su infine piattaforme, Playstation 2, Game Boy Advance, Nintendo DS, Nintendo 3DS....
Ma stavolta Square ha pensato di riunire tutti i capitoli più importanti della saga in questa prima collection contenente ben 4 giochi ed 2 giochi riadattati come film.
Kingdom Hearts 1.5 & 2.5 contiene Kingdom Hearts I, Kingdom Hearts Chain of Memories, Kingdom Hearts 358/2 Days, Kingdom Hearts II, Kingdom Hearts Birth By Sleep e Kingdom Hearts RE: Coded.
L'ordine con cui dovete giocarli è quello d'uscita senza dubbio, non credete a chi vi dice di giocare prima Birth By Sleep eccettera, da che mondo è mondo le saghe vanno iniziate in base all'ordine di uscita. Poi, dopo aver completato la seria, è consigliato giocarlo in base all'ordine cronologico.

Un consiglio spassionato che vi do: se vi volete immergere in questa saga, fatelo nelle giuste condizioni, perché Kingdom Hearts è tutt'altro che un titolo leggero. Non si può giocare Kingdom Hearts in tempi morti perché la quantità di informazioni che il gioco da è tremendamente alta. Avrete sicuramente sentito parlare del "casino che è" la trama di Kingdom Hearts sia in senso positivo che negativo. Eppure io sono del parere che la trama di Kingdom Hearts sia davvero bella ma anche, e purtroppo, molto convulsa. In ogni capitolo si stravolgeranno sempre più le vicende ed è per questo che è assolutamente consigliato annotarsi tutta la storia su un blocco note, secondo me. Alla fine una trama immensa come Kingdom Hearts non può esser totalmente perfetta, ci sono delle macchie qua e là, concetti poco approfonditi eccetera, ma in generale è una storia complessa quanto interessante. Forse non ho gradito che talvolta i nuovi capitoli si basino su "cavilli" inseriti all'improvviso giusto per giustificare eventi o cose simili. Eppure questa storia vi presenterà tantissimi personaggi interessanti, ma proprio tanti. Per me quella di Kingdom Hearts è una saga bellissima che va provata da tutti, nonostante non sia perfetta. Ma è qualcosa che va giocato senza dubbio almeno una volta.

Sappiate che una volta conclusa questa collection vi sembrerà di aver giocato a Kingdom Hearts per anni, la mole di informazioni in questi 4 giochi è altissima e penso che tutti noi possiamo comprendervi se vi perderete nel capire la trama.
Questa collection, personalmente, ha solamente 4 titoli meritevoli su 6, gli altri due per me sono delle insufficienze gravi.

I capitoli che promuovo sono assolutamente: Kingdom Hearts I, Kingdom Hearts II, Kingdom Hearts 358/2 Days e Kingdom Hearts Birth By Sleep. Orribile invece Kingdom Hearts Chain of Memories ed inutile Kingdom Hearts RE: CODED.
Partendo dal primo capitolo, come capitolo iniziale è stato davvero una sorpresa. La trama è davvero semplice e si fa seguire nonostante qualche concetto un po' celato e privo di spiegazioni dettagliate. Eppure questo capitolo segna l'inizio di Kingdom Hearts. Un gameplay ed una telecamera ancora acerbi, ma una grafica ed un sonoro eccezionali. Il gameplay nonostante possa sembrare un button-smasshing può dare delle soddisfazioni equipaggiando le giuste abilità ed armi, ma ovviamente, in questo primo capitolo, nulla è esageratamente profondo. Eppure è un gioco perfettamente godibile e delizioso, seguire le avventure del protagonista, Sora, vera e propria chiave del Kingdom Hearts, è un'esperienza fantastica.
Se dovessi valutare Kingdom Hearts I sarebbe, per me, un 8/10.
Passando invece a Kingdom Hearts Chain of Memories, per me questo gioco è un'insufficienza assoluta. Non tanto per la storia quanto per il gameplay che è davvero illegale.
Il gioco praticamente ricicla tutto quello che può da Kingdom Hearts I, stessi assets, stessi mondi, stessi nemici, e cambia il gameplay aggiungendo il meccanismo delle carte ed eliminando quel poco di level design che esisteva in KHI. Il gioco non ha un level design, il gameplay si basa sull'affrontare varie stanze tratte dai diversi mondi che sono brutte, piatte e ripetitive. Onestamente io il gioco non l'ho giocato perché sono arrivato ad un punto dove i videogiochi che vanno avanti su concetti di gameplay simili mi irritano non poco. Ho rimediato però vedendomi le 5 ore di filmati su Youtube ed è per questo che trovo la storia di Chain Of Memories molto più interessante del gameplay stesso.
La storia di CoM è assolutamente importante per comprendere Kingdom Hearts II, introduce tantissimi nuovi personaggi, ma purtroppo non lo fa nel migliore dei modi.
Per me l'Organizzazione XIII meritava un'introduzione migliore invece di quella un po' più confusa del KHCoM e del KHII. Anzi, a dire la verità non so nemmeno come possiamo chiamarsi ORGANIZZAZIONE, visto che di Organizzazione c'è ben poco in questo gruppo formato da 13 persone. Viene introdotto anche il personaggio di Naminé, la cui origine verrà spiegata poi in Kingdom Hearts II.
Ecco quindi che arriviamo al vero capolavoro di questa collection, Kingdom Hearts II. Ciò che mi ha sorpreso è stato vedere come un gioco del 2006, 11 anni dopo, avesse mantenuto così bene i suoi anni. Il gioco risulta frenetico e divertente, ma soprattutto fresco. Tantissime novità introdotte ed un gameplay espanso, una difficoltà ridotta sì ma tantissime migliorie apportate al gameplay. Le zone finalmente sono di una grandezza maggiore e non delle stanze come in KH1, ma purtroppo questa scelta ha sacrificato il level design che, purtroppo, in questa saga non ha mai brillato particolarmente. Quella che però Kingdom Hearts II è una trama da urlo le cui basi si ergono su quella create da Kingdom Hearts Chain of Memories. Una trama da urlo narrata in una maniera fin troppo frammentata, lasciando tantissime ore di gioco prive di storia per poi concentrare in un'ora tantissime informazioni. Anche per questo motivo ritengo che la parte finale sia un po' affrettata mettendoti delle boss-battle di seguito giusto perché per tutto il gioco hanno mal bilanciato le fasi di storia. Eppure KHII mostra una trama inaspettata, complessa ma soprattutto interessante, nonostante dia l'impressione che sia stata "pensata in un secondo momento" e non proprio in origine. Infatti ho l'impressione che il gioco sia stato creato partendo dal cavillo degli Heartless/ Nessuno, di cui non se ne sapeva niente in KHI ma rivelato solo in KHII. Eppure, Kingdom Hearts II crea delle vere e proprie basi che verranno approfondite nei vari capitoli in modo più coerente, ma soprattutto presenterà il villain dell'intera saga, che col tempo verrà approfondito in maniera eccezionale.
Se dovessi valutare Kingdom Hearts II gli darei un 8,8/10.
Passando ora a 358/2 Days, questo è praticamente il prequel/midquel rotfl di Kingdom Hearts II, va assolutamente visto perché rivela informazioni importanti e mostra un nuovo personaggio all'interno della saga. Tutte le cutscene durano insieme un 3 ore circa con anche dei piccoli appunti, ma purtroppo, se è la prima volta che lo vedete non vi ci legherete molto a questo capitolo.
Lasciatemi spiegare... guardando questo ammasso di cutscene non si riesce a creare la stessa empatia che si può creare giocando il gioco. Non si vive in un certo senso l'avventura, si assiste solamente. Gli eventi potranno anche piacere ma mancheranno di quel tocco di personalità ed immedesimazione che solo il gameplay può dare. Se dovessi quindi valutare KH358/2 Days onestamente gli darei un 6,5/10. Un'esperienza carina ma che perde molto vedendola sotto questo formato, nonostante mi abbiano detto che la versione Nintendo DS col gameplay fosse noiosa all'inverosimile.
Passiamo invece al secondo miglior titolo di questa collection, Birth By Sleep, il quale funziona come prequel dell'intera serie. Il gioco è una vera rivoluzione sia dal punto di vista della storia, presentando delle vicende totalmente inedite e tre protagonisti inediti, sia dal punto di vista del gameplay, abbandonando infatti le basi di Kingdom Hearts I e II per creare qualcosa di simile, ma allo stesso tempo diverso. Il gioco l'ho letteralmente amato dal punto di vista narrativo perché molto più coerente e bilanciato rispetto a Kingdom Hearts II. La trama è stupenda e si lega PERFETTAMENTE a quella di Kingdom Hearts I e II fornendo alcune risposte sugli eventi accaduti in questi due capitoli. Solamente una cosa non ho gradito, ovvero il rapporto tra due personaggi: *i*b** e **n*u*. Una scena particolare del 358/2 Days mostrava un evento molto particolare tra questi due personaggi, facendo intendere che tra di loro ci fosse stato in passato un rapporto interessante... per poi giocare a Kingdom Hearts Birth By Sleep e scoprire che questi due personaggi manco si sono cagati realmente. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso.
Nonostante tutto Birth By Sleep rimane il secondo titolo migliore di questa bellissima saga, l'unico difetto sta nel fatto che in tre run si visitano gli stessi identici mondi e dopo un po' si sente la pesantezza della cosa, nonostante vedere la storia da tre punti di vista diversi sia stata una meccanica interessante. Oserei dire che i nuovi protagonisti siano forse più carismatici di Sora, Riku e Kairi che rimangono comunque ottimi personaggi. Se dovessi valutare Kingdom Hearts Birth By Sleep gli darei un 8,5. Forse è il titolo più bilanciato della serie, ma sul lato gameplay è un passo indietro rispetto a Kingdom Hearts II. Ma giustamente questo gioco è dell'era PSP quindi ci può stare. Sta di fatto che è un mustplay della collection.
Infine si arriva a Kingdom Hearts RE: Coded, ultimo titolo della collection. Come 358/2 Days si presenta come un ammasso di cutscene tagliate del gameplay (ed in questo caso direi anche per fortuna). RE: Coded è inutile ed osceno. Tutta l'avventura di RE: Coded ai fini della trama è inutile ed addirittura noiosa. Le uniche cose realmente importanti accadono nel finale dove si scoprono alcune rivelazioni su Birth By Sleep e su Kingdom Hearts II. Ma al di fuori del finale sono 2 ore e mezza di filmati INUTILI, di un'avventura INUTILE e poco interessante.
Voto: 4,5/10

Questo è, se volete iniziare la saga farlo su PS4 è l'ideale, magari quelli che proprio ci tengono a giocarla al meglio possono provare su Nintendo DS il 358/2 Days ed il RE:Coded nella loro forma completa. Più che altro è triste pensare che una saga simile fino al 2017 non si sia mai discostata dai livelli grafici della Playstation 2. E sì, Dream Drop Distance sempre a quei livelli rimane. Forse sono più hyppato di giocare un Kingdom Hearts con grafica next-gen (BBS0.2) che di giocare un Kingdom Hearts 3D per continuare la storia. Ovviamente il re:coded ha dato un trampolino di lancio finale tra questa collection e la collection 2.8.
E niente raga, il cervello mi esplode a causa dell'immensa trama ma dovevo farlo.

8.7

Voto assegnato da Aoi Kurashiki
Media utenti: 8.9 · Recensioni della critica: 8.2

Aoi Kurashiki

Incredibile come Kingdom Hearts 2 si sia mantenuto benissimo in 11 anni. Lo sto amando proprio, è divertentissimo da giocare

Non ci sono interventi da mostrare.