Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da SCE Japan Studio e prodotto da SCEA, Knack è un gioco d'azione uscito il 29 novembre 2013 per PlayStation 4 · Pegi 7+

"Knack non è quello che ci aspetta da un titolo PlayStation 4. Ovviamente stiamo parlando di un titolo di lancio, ma anche andando oltre il mediocre aspetto tecnico, ci troviamo di fronte ad un action platform poco intrigante, in cui un ridotto, ma efficace sistema di combattimento, viene azzoppato da una sequela di scontri tutti uguali, decisamente monotoni e alla lunga noiosi. Un vero peccato perchè alcune idee interessanti potevano essere sviluppate meglio, e la progressione a stanze ed arene, non mette certamenete in risalto l'alta varietà di attacco dei nemici e soprattutto le diverse potenzialità del protagonista" da Multiplayer.it

7

Recensioni

33 utenti

Lukeval

Lukeval a proposito di Knack per PS4

Ciao sono Knack e la mia barra della salute è inutile perchè tanto qualsiasi nemico mi shotta

Missile

Missile ha pubblicato un'immagine nell'album Varie riguardante Knack

pi4c3

pi4c3 ha scritto una recensione su Knack

Cover Knack per PS4

Così semplice da dare fastidio

Legnoso, ripetitivo, troppo semplice. Gameplay semplicemente brutto, ma anche mal bilanciato e scomodo per alcuni tratti.
Raccontato male, senza alcun pathos ed interesse. Che dire, sconsigliato.
Quando un gioco ti pesa pure gratis e giochi più volentieri quelli di 20 anni fa, direi che dice tutto.

ARE

ARE ha scritto una recensione su Knack

Cover Knack per PS4

More like Gnic

Knack è uno di quei giochi famosi per tutti i motivi sbagliati. Ironico pensare però che nel 2013 questo rappresentava per me uno dei titoli più interessanti della vicina PS4. Poi il gioco è uscito e sappiamo come è andata.
Eppure vedo questo titolo e penso al potenziale che poteva avere, quello di un interessante action platformer con elementi di fisica e aspetti presi da Katamari Damacy, qualcosa di interessante a dir poco.
Inutile dire che quel potenziale non si realizza nel titolo effettivo, ma le cose stanno persino peggio di quello che mi aspettavo.
Cominciamo col dire questo: Knack non è un platform, non più di quanto lo sia God of War. Perché GoW è infatti il parente più stretto che posso trovare a Knack, un action non particolarmente tecnico con visuale distanziata a camera fissa e qualche leggero elemento platform. E quel "non particolarmente tecnico" fa quasi ridere quando applicato a Knack. Questo agglomerato di lego taroccati ha infatti a disposizione due (D U E) mosse: un colpo normale (eseguibile tre volte di seguito in una sorta di "combo") e un colpo in salto vagamente simile all'homing attack nei Sonic 3D. Oltre a questo abbiamo il pulsante di salto, una patetica schivata e un paio di screen cleaner.
In queste righe ho praticamente descritto il gameplay nella sua interezza.
"Ma Are" chiederà chi di voi non ha ancora provato con mano il titolo "Knack è un orco formato da ghiaia fluttuante che può essere sia grande che piccolo, come si lega questo al gameplay?"
E la risposta è semplice: IN NESSUN MODO.
Knack non può fare nulla che un Kratos di turno non possa già fare, la mossa principale è un cavolo di pugno, le dimensioni di Knack sono pressoché solo una rappresentazione visiva dei suoi HP massimi, il gioco ti dice quando diventare grande e quando piccolo. Il design di Knack è un mero pretesto narrativo, pretesto usato pure male perché nell'80% dei livelli cominceremo piccoli, finiremo grossi e ci troveremo davanti ad una nuova scusa per tornare piccoli il livello dopo.
Una cosa devo dirla però, Knack ti fa davvero sentire come un fragile insieme di componenti attaccati assieme con lo sputo: letteralmente ogni nemico del gioco causa un ammontare assolutamente ridicolo di danno, raramente permettendo a questo coso di sopravvivere a più di due colpi. Anche i nemici hanno pochissima vita quindi non definirei Knack un gioco difficile ma mi sono comunque trovato davanti a una difficoltà sbilanciata in maniera quasi comica e a tratti frustrante.
E perché non parlare dei problemi strutturali del titolo? Ogni volta che Knack supera un ostacolo leggermente più importante di un salto qualsiasi il gioco presenta una cutscene. Seriamente, il titolo è zeppo di cutscene che mostrano cose come Knack che si arrampica per un metrino o che salta giù da una piccola rupe, DECINE E DECINE di cinematiche inutili del genere, a distanza di minuti l'una dall'altra.
Non che le cinematiche di storia siano molto meglio. La storia di questo titolo è convulsa, mal narrata, sorprendentemente priva di umorismo nonostante lo stile cartoonesco, piena di personaggi piatti che prendono l'attenzione relegando Knack ad essere un protagonista solo in teoria e infine... oserei dire quasi dannosa per un pubblico molto giovane. Il gioco è narrato così male che la morale del titolo è difficile da identificare, personaggi con comportamenti ambigui o direttamente negativi vengono trattati come buoni lasciando uno strano senso di confusione.
E per di più il gioco non sembra preoccuparsi di dare il benché minimo senso di escalation al tutto, lasciando il giocatore privo di qualsivoglia emozione. L'ultimo livello se ne va via con la stessa calma con cui è andato via il primo.
Penso che l'unica cosa positiva che si possa dire di Knack sia che... it's a game, alright. Nel senso, non è qualcosa di disastrosamente ingiocabile tra bug o pessimi controlli. Dall'inizio alla fine (completa di titoli di coda con balli a volontà) Knack sembra uno di quei film di animazione di serie b, un prodotto quasi offensivo nel suo offrire solo il minimo indispensabile per non essere riportato in negozio da genitori arrabbiati con bimbi frignanti. Knack entra da un orecchio ed esce dall'altro, in senso negativo ma anche positivo. Si lascia giocare, i controlli funzionano, la grafica è ok, la soundtrack generica ma non memorabilmente brutta, la durata nella media eccetera eccetera.
Knack è uno studente che cerca senza impegnarsi di prendere la sufficienza, l'agognato 6 che lo salverà dalle ripetizioni estive.
E per questo genere di studenti non c'è voto più giusto di quello che gli conferisco ora.

Non ci sono interventi da mostrare.