Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Monolith Productions e prodotto da Warner Bros. Interactive Entertainment, Middle-earth: Shadow of War è un gioco d'azione e avventura uscito il 10 ottobre 2017 per PlayStation 4 · Pegi 18+

·

Ambientato tra Lo Hobbit™ e Il Signore degli Anelli™, La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra™ continua la storia originale di La Terra di Mezzo: L'Ombra di Mordor™. I giocatori saranno coinvolti in un mondo più ricco, personale ed espansivo, pieno di eroi e malvagi epici, località memorabili, nemici originali e ancora più personaggi e personalità con storie tutte nuove da raccontare.

8.3

Recensioni

10 utenti

namberone78
Cover Middle-earth: Shadow of War per PS4

Migliora in tutto e per tutto il suo predecessore...giocabilità ottima...staccare teste agli orchi é fantastico...la trama lho trovata molto buona...e poi il sistema nemesi con la conquista delle roccaforti è ottimo...può in effetti risultare ripetitivo alla lunga...però è fatto molto molto bene

8

Voto assegnato da namberone78
Media utenti: 8.3 · Recensioni della critica: 8.6

ninh0

ninh0 ha pubblicato un'immagine nell'album Offerte riguardante Middle-earth: Shadow of War

L'ombra della guerra a 29,99 anche su Amazon (adeguamento GameStop)
http://www.offerteamazon.online/

Neaples79

Neaples79 ha scritto una recensione su Middle-earth: Shadow of War

Cover Middle-earth: Shadow of War per PS4

Sicuramente sul podio 2017

Uno dei migliori action RPG dell'anno, prende tutto quello di buono del predecessore e lo amplia, lo migliora e ne corregge i difetti.
Va precisato che se non vi é piaciuto il primo difficilmente vi appassionerete a questo seguito.
Il titolo finalmente migliora la narrazione, grave pecca del primo secondo me, e ci immerge in alcuni avvenimenti precedenti a lord of the ring, quali la caduta di Minas Ithil e la conseguente trasformazione in Minas Morgul, il tutto condito da altri eventi minori e/o creati ad hoc partendo dalla base Tolkeniana.
Toccando uno dei nervi scoperti del titolo, posso affermare che le forzature e/o storpiature ci sono, alcune anche belle grosse, peró alla fine funzionano e non stravolgono la canonicitá dei racconti di Tolkien.
Il gameplay è stato molto migliorato e reso più vario con un ottimo sviluppo delle abilità ed equipaggiamento, hanno inserito tre livelli di difficoltà e tutta una serie di opzioni per personalizzare la propria esperienza.
Le mappe sono vaste e varie, anche se non siamo di fronte ad un vero open world.
Purtroppo la frammentazione degli eventi tipica del genere open world a missioni si fa sentire e devo criticare la scelta di spezzetare una quest in diverse regioni con ciò che ne consegue.
Graficamente su ps4 (pro) il titolo gira egregiamente e avremo due opzioni 4k cheackboard o full HD arricchito entrambi a 30 FPS belli stabili, consiglio caldamente a chi possiede un 4k di scaricare il pacchetto cinematiche ultra HD!!!
Torna il nemesis sistem riveduto ed ampliato, e la caratterizzazione degli orchi é qualcosa di eccezionale.
La presenza di contenuti tagliati che verranno aggiunti tramite dlc si sente peró essendo riferiti a fatti e personaggi secondari possiamo evitare di dargli troppo peso.
La vera nota dolente é purtroppo il IV atto, in cui senza spoilrare nulla dovrete affrontare sempre le stesse medesime situazioni per decine e decine di volte con una difficoltà man mano crescente!!!
Ahimé vi cascheranno le palle per terra ed onestamente non sono riuscito a capire questa scelta che sarebbe passata inosservata se fosse stata relegata ad un semplice post end game...
Questa cosa infatti gli fa perdere quel punticino che l'avrebbe avvicinato al capolavoro, peccato.
Lo consiglio comunque a tutti, che siate amanti di Tolkien o meno é sicuramente tra i migliori titoli dell'anno.

Neaples79

Finito il primo atto, se le premesse sono queste sono difronte al miglior gioco dell'anno!!!
Che giocone ragazzi a parte l'ampliamento e miglioramento al gameplay, caratterizzazione dei nemici e delle location, sviluppo del personaggio, ecc..., hanno fatto un lavoro incredibilmente curato per quanto riguarda fatti ed eventi storici del mondo Tolkieniano, ed aggiungo che le libertà narrative che si sono presi funzionano e non stonano....

Mark1one

Mark1one ha scritto una recensione su Middle-earth: Shadow of War

Cover Middle-earth: Shadow of War per PS4

Attendevo veramente tanto questo sequel, ma non pensavo sarebbe entrato di prepotenza nella mia personalissima top-five dei migliori titoli del 2017. Dopo aver speso una settantina abbondante di ore per completare quasi tutto il completabile, non posso che fare i miei complimenti più sinceri ai ragazzi di Monolith, nonché consigliare l'acquisto de L'Ombra della Guerra a chiunque "mastichi" il genere.

-Assassin's Creed: Shadow of Arkham
Dire che il gameplay del titolo Monolith è derivativo, è come dire che EA punta alle grandi masse; esattamente come nel precedente capitolo, Talion compie azioni furtive alla Assassin's Creed e combatte come il Batman dei Rocksteady, ma, vuoi per la "figosità" dei poteri del protagonista, vuoi per la possibilità di passare dal combattimento a viso aperto allo stealth (o viceversa) con maggiore fluidità, vuoi per la brutalità delle esecuzioni, i due titoli Monolith, a livello puramente ludico, sono riusciti a convincermi maggiormente rispetto a quelli sopra citati. A volte anche le piccole cose possono fare la differenza...d'altronde, chi direbbe mai che COD è identico a Battlefield?

-Nemesys System
Veniamo ora a quello che, senza ombra di dubbio, rappresenta il cuore pulsante della produzione. Durante il gioco potremo soggiogare mentalmente gli orchi ostili, creando a poco a poco una vera e propria armata. Gli orchi "addomesticati" potranno essere infiltrati come spie nelle fortezze nemiche, impiegati per tendere imboscate ai capitani ostili, oppure potranno essere inviati in apposite arene a sfidare altri pelle verde. Il fine ultimo di questi incarichi, ovviamente, è quello di aumentare il livello del nostro seguace. Un gruppetto di orchi ben livellato sarà la chiave del successo negli assalti alle fortezze, e soprattutto durante la "Guerra delle Ombre", il massiccio End-Game del titolo, che consiste, invece, nella difesa delle varie fortezze, dai continui attacchi delle armate di Sauron.

-Un parco giochi epico
Ne L'Ombra della guerra non dovremo andare soltanto alla ricerca dell' orco più grosso e cattivo da reclutare; difatti, il gioco propone una quantità più che generosa di missioni-storia, suddivise in quattro campagne distinte. Se col precedente capitolo siete rimasti delusi dalla pochezza narrativa, qui non avete proprio nulla di cui temere. Il mondo di gioco, suddiviso in quattro regioni, è veramente enorme e, cosa più importante, denso di attività. Missioni storia, missioni nemesi (dove dovremo dar man forte ad un nostro orco seguace durante una delle sue scorribande), assalti alle fortezze, brevi quest in cui impersoneremo direttamente il Lucente Signore. Insomma, L'Ombra della Guerra è il classico sequel "più grosso e più cattivo".
Anche questo titolo non è riuscito a rinunciare ad una corposa componente GDR. Salendo di livello, potremo equipaggiare Talion con armi ed armature sempre più potenti, nonché sbloccare diverse abilità relative al combattimento, allo stealth e all' utilizzo delle varie bestie. Nulla di particolarmente originale, per carità, ma nel complesso, il sistema di crescita del personaggio rappresenta un' interessante valore aggiunto.

-Pay to win?
Veniamo ora al punto più hot di questa mia "recensione". L' uscita del gioco è stata accompagnata da tutta una serie di polemiche riguardo il bilanciamento dell' End-Game, che, a detta di alcuni, sarebbe veramente arduo da completare senza effettuare l'esborso di valuta reale. La verità?Beh, a mio modesto avviso, il problema è stato ignorato da alcuni (recensori in primis) ed enfatizzato da altri. Se da un lato è innegabile che il bilanciamento dell' End-Game favorisca le microtransazioni, dall' altro non possiamo certo dire che resistere a tutti gli assalti delle armate ostili, senza metter mano al portafogli, sia un' impresa poi così assurda. Ok, un po' di grinding sarà necessario, ma non siamo, per esempio, ai livelli di un Arkham Knight (anche se li non era possibile "barare"), in cui, per sbloccare il vero finale, era necessario recuperare una quantità improponibile di oggetti collezionabili. In conclusione, penso che sarebbe veramente un peccato snobbare un titolo di questa caratura solo per questo motivo qui.

Non ci sono interventi da mostrare.