Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Bandai Namco Games, Tekken 7 è un picchiaduro uscito l' 1 giugno 2017 per PlayStation 4 · Pegi 16+ · Link: store.playstation.com

·

Scopri l'epica conclusione della lunga faida della famiglia Mishima e le ragioni che si celano dietro ogni episodio della loro storia. Sfruttando l'Unreal Engine 4, il leggendario gioco di combattimenti torna con stupefacenti battaglie cinematiche narrative e intensi duelli da vivere con amici e rivali.

Amore, vendetta, orgoglio. Ognuno ha una ragione per combattere. I valori sono ciò che ci danno una ragione di vivere e ci rendono umani, indipendentemente dalle nostre debolezze o punti di forza. Non ci sono motivazioni sbagliate, solo la strada che decidiamo di percorrere.

Espandi il viaggio del tuo combattente acquistando il Season Pass di Tekken 7 separatamente e ottieni l'accesso a incredibili contenuti aggiuntivi

8.2

Recensioni

13 utenti

Rapper Nero

Rapper Nero ha scritto una recensione su Tekken 7

Cover Tekken 7 per PS4

Tekken 7 e le disgrazie sue - recensione celemente.

Dunque ok… sto Tekken 7 come già accennavo è problematico mica male, fra modalità ridotte, storia cortina, niente arcade con finali ma storie singole da 1 round che dire brutte è pacifico, poche novità di gameplay, new entries a umma umma. Non ci siamo.

La parte peggiore sono i personaggi nuovi, inseriti non a culo ma di più. Così è per la maggior parte… se togliamo Gigas il mostro (che almeno è un mostro), Akuma che è Akuma e Kazumi con la “tigre miao” che l’è di molto figa… il resto è: piglia una fotomodella o un fotomodello -> affibbiaci un’arte marziale -> non dargli manco una storia collegata a quella portante tanto chissene (lol)… e il gioco è fatto.
Ecco così creati ben 6 individui di cui potevamo fare a meno, fra i quali: una filippina che puoi trovare al mercato, un indossatore arabo che imita Arafat, una idol spogliarellista (di quelle che va a vadere quel zozzo di Harada alla domenica), la sosia di Jennifer Lopez che parla sboccato, un tronista di Uomini & Donne (Claudio Serafino, evitabile già a partire dal nome) e pure una negretta ninja che forse è la migliore dei 6, se non fosse la copia sputata di Raven –il Blade tarocco- al femminile.
Ma siamo diventati scemi? Chi-sono-sti-sgorbi-qui… inibiteli per Tekken8 (e già che ci siete inibite pure Leo la uoma, che ci ammorba dal 6).

Il gameplay… niente è sempre uguale. Non credete a quelli che millantano grossi cambiamenti dal 4 o dal Tag2, i veterani sono rimasti quasi identici, delle piccole limature ma niente di più. E fidatevi che mi sono scritto le mosse del 7, lo ho confrontate pad alla mano con quelle del T2 e… so’uguali. Yoshimitsu? A parte il costume da moscardino è come prima. Idem per gli altri (‘na combetta o 2 al massimo, stop).
Non voglio pareri dati ad cazzum perché ho le mosse sottomano. Funziona, chiaro, se dopo 20 anni di uguaglianze non puzzasse… e non servono le rage per dare novità eh, quello seguono l’onda delle super stra-abusate ovunque. Se non fosse per i nuovi sarebbe un furto.

Le modalità un po’ ne mancano e quelle che ci sono son fatte male. L’arcade appunto è troppo corto e senza finale… san solo loro che senso hanno 5 scontri di cui 2 fissi. La battaglia tesoro è accettabile, se non si fosse costretti a combattere con tipi vestiti da cretini (rane in testa, camicie buffe… no)... manca un vs CPU classico, manca una battaglia a squadre, un Tekken force, suvvia… passi per il time attack e Survival da sempre inutilizzate, ma almeno quelle che ci sono fatele bene.

Graficamente siamo un po’ indietro, quasi da sfociare nel “crossgen”… soprattutto se paragonato a Injustice2 che fin’ora è graficamente insuperato. I capelli fan proprio schifo, le facce delle donne sono inespressive e per certi versi peggiori rispetto al Tag 2. Gli effetti di luce\bagnato migliorano la situazione, ma son trucchi… di base è basso.

Qualcosa di buono l’avrà o no, quindi? Massì va, oltre ad Akuma che è un po’ quello che salva il pacchetto, ci sono gli stage ('po pochi però).
Quelli sono carucci e piuttosto sensati per la media di Tekken.
Anche l’Editor non è male, in particolare perché si possono cambiare personaggi che di default fanno cagare. Claudio Serafino, che è uno di questi, si può vestire da “uccello steampunk”(come i suoi soldati) ed eccolo migliorare da così a così !
La storia, seppur corta, è quasi godibile, la faccenda diavolesca dei Mishima (che sono i migliori alla finfine) ora imbastardati con Akuma c’ha sempre il suo fascino. Peccato che le storie singole distruggano quel poco di decente che c’è nella principale.
Cose carine, ma un po’ poco… anche perchè ad essere meglio del Tag2 si fa in fretta, ma siam clementi.

6,1
Regalato.

6.1

Voto assegnato da Rapper Nero
Media utenti: 8.2 · Recensioni della critica: 8.6

Non ci sono interventi da mostrare.