Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Transistor PS4

Sviluppato da Supergiant Games, Transistor è un gioco di ruolo uscito il 20 maggio 2014 per PlayStation 4.

·
8.4

Recensioni

28 utenti

Cremino Motta

Cremino Motta ha scritto una recensione su Transistor

Cover Transistor per PS4

Bello, veramente bello. Comprato a pochi spicci mesi fa, Transistor mi ha intrattenuto parecchio. Ha tutto: una storia ottima (seppur forse troppo breve), un gameplay bellissimo e graficamente è una perla.

8.5

Voto assegnato da Cremino Motta
Media utenti: 8.4 · Recensioni della critica: 8.4

Nappone

Nappone ha scritto una recensione su Transistor

Cover Transistor per PS4

Raga sto gioco è un capolavoro e io stavo per perdermelo.

Volevo scrivere una recensione su Bastion, quindi ho chiesto ad un mio amico videogiocatore:
"wewe marco che ne pensi di Bastion"
"no senti prima di parlare con me di Bastion devi giocare a Transistor"
Rispose lui.
Sulle prime non capii, sapevo che i due giochi tra loro non erano correlati, ma incuriosito dalle parole del mio amico filosofo corsi a casa a comprare Transistor.

E DIO MIO CAPOLAVORO.

Questo gioco è un Bastion 2.0. Tutto ciò che non andava in quel capolavoro (mancato) di Bastion qui è stato reinterpretato ed eseguito meravigliosamente. Il sistema di combattimento permette al giocatore di alternare a suo piacimento fasi in tempo reale e fasi "di pianificazione"; momenti di tempo bloccato in cui il giocatore decide le mosse di Red, la protagonista, che ella eseguirà nel momento in cui il tempo ricomincia a scorrere rendendo di fatto il gioco un ibrido tra hack n slash e tattico che inspiegabilmente funziona benissimo.

Le skill, le funzioni, sono la parte più interessante del gioco. Oltre ad esser derivate dalla "coscienza" di vari NPC che mai incontreremo, ma di cui potremmo conoscere la storia solo utilizzandone appunto la funzione, possono essere combinate tra di loro fornendo al giocatore la possibilità di creare la build che più si confa al suo stile di gioco, rendendo la rigiocabilità quasi obbligata per testare nuove combinazioni che potrebbero permettere a Red di meglio sconfiggere i Processi.

Riguardo la trama si potrebbero scrivere più e più pagine, ma io azzardo: Transistor è una banalissima storia d'amore.
Ed è questo a rendere il gioco speciale.
Nonostante il contesto fantascientifico che fornisce al giocatore spunti di riflessione sulla tematica del rapporto uomo/dio (e fuorviando mi fermo, non ho intenzione di fare spoiler) la Supergiant decide di dedicarsi solo ad una banalissima storia d'amore, con un messaggio finale fortissimo e ovviamente reso su videogioco in maniera straordinaria. La Supergiant ci dimostra che per rendere un qualunque prodotto straordinario non serve ingarbugliare le storie, bensì semplicemente saperle raccontare e lasciar vagare l'immaginazione del fruitore.

Ah, poi l'ost siamo a livelli altissimi.

Chapeau Supergiant, davvero.

Midhel

Midhel ha scritto una recensione su Transistor

Cover Transistor per PS4

Gioco dal punto di vista artistico davvero perfetto.
La musica è immersiva e parte fondamentale del gioco. I DOPPIATORI... Ma quanto sono fantastici... Io... OK, mi hanno colpito davvero. Gameplay molto divertente e semplice da capire, ma allo stesso tempo ha moltissime possibilità. La storia OK, carina. Il finale forse può risultare scontato? Non so, a me ha davvero commosso. Bast mi sono sfogata abbastanza.

Reita.Roses

Reita.Roses ha pubblicato un'immagine nell'album 100 Day Video Games Challenge riguardante Transistor

Day 55: The last game you played that you haven't already mentioned on this list. Ultimamente causa studio sto giocando molto poco, Transistor è stato un piccolo piacere che mi sono concesso... ma non me lo aspettavo così splendido, poi vabbè ,e ho già parlato troppo.

Reita.Roses

Appena finito. Uno dei videogiochi più belli che abbia mai giocato in vita mia, mi sono pure commosso alla fine. No, non sto esagerando... è meraviglioso, il gameplay è tattico e complesso, mai banale, la trama è semplice ma toccante ed è raccontata in modo assolutamente unico, la colonna sonora è di livello più che altissimo, artisticamente non ne parliamo proprio... dispiace che dura poco... ma per 5 euro... cioè questo pure 70 euro per quello che da li valeva tutti. Un capolavoro totale.

Non ci sono interventi da mostrare.