Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Wheels of Aurelia

Sviluppato da Santa Ragione, Wheels of Aurelia è un gioco d'avventura uscito il 5 ottobre 2016 per PlayStation 4 · Pegi 12+ · Link: store.playstation.com

·

Un gioco narrativo del tipo "road movie" che si svolge nei ruggenti anni '70 italiani e racconta la storia di Lella, una donna irrequieta alla guida sulla via Aurelia, la strada che fiancheggia la costa tirrenica.

Una fiction interattiva con dinamiche da gioco di corse arcade e una grande rigiocabilità: ogni partita dura circa quindici minuti e porta a uno tra i sedici finali diversi da scoprire.

Gli anni '70 sono stati un periodo di terrorismo, rapimenti, e disordini politici in Italia. In base alle tue scelte - e ai luoghi che deciderai di visitare - parteciperai a inseguimenti, corse su strada illegali, o a dibattiti accesi con un prete cattolico e altri personaggi di un cast mai visto prima in un videogioco.

6.3

Recensioni

2 utenti

Multiplayer.it · RSS

MixedBag pubblica Forma.8, Atomine e Wheels of Aurelia su Switch

Un trittico di titoli per Switch da parte di MixedBag. Dopo l'annuncio sulla lavorazione della versione Switch di Forma.8 da parte di MixedBag, arriva una data di lancio per il titolo sulla piattaform … · Leggi tutto l'articolo

AlMa8283

AlMa8283 ha scritto una recensione su Wheels of Aurelia

Cover Wheels of Aurelia per PS4

Beh... l'idea di base c'è, e non mi dispiace. Un "road-adventure" game con tanti dialoghi e con decisioni multiple e diversi finali, un "film interattivo" a bordo di un'auto da guidare realmente. Intrigante, come concetto.
La grafica è minimalista ma tutto sommato gradevole, anche per via dello stile utilizzato. Il comparto audio invece è ineccepibile, non a caso c'è in vendita anche la colonna sonora del gioco... molto azzeccata, soprattutto.
Ci sono però un po di problemi gravi: le storie sono davvero troppo, troppo brevi... e il gioco è davvero troppo "leggero" dal punto di vista del gameplay e della varietà. Ogni finale porta via 30 minuti o anche meno del nostro tempo, e sbloccare tutte le varie voci storiche aiuta fino ad un certo punto.
I dialoghi poi, sono davvero troppo incentrati sulla politica dei tempi. Per carità, qualche cenno ci può stare...ma non si possono dedicare tutte queste linee di dialogo su questo tema. A lungo andare, la cosa dà fastidio.
E poi, impersonare una femminista... non so, l'ho trovata una scelta un po troppo "estrema". Ma questo può essere un pregio per molti, e non lo metto in discussione.
Voto 5. Perché, ed è questo il difetto più importante, mi ha annoiato. Un vero peccato, perché il potenziale c'era

Non ci sono interventi da mostrare.