Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Shin Megami Tensei: Persona 3 Portable

Sviluppato da Atlus e prodotto da Atlus, Shin Megami Tensei: Persona 3 Portable è un gioco di ruolo uscito il 6 luglio 2010 per PlayStation Portable.

"Persona 3 Portable è senza dubbio un buon rifacimento di un grande gioco di ruolo. I possessori di PSP e gli amanti del genere non dovrebbero farselo sfuggire, a patto che non abbiano già giocato la versione precedente." da spaziogames.it

8.8

Recensioni

15 utenti

Aoi Kurashiki

Ho visto il primo film di Persona 3 e ne sono estremamente soddisfatto, preferisco questo a quella tortura del videogioco. In un'ora e mezza hanno riassunto in modo decente gli eventi delle prime 15 di Persona 3, eliminando tutta la noia. Madonna così dovevi essere.

Kiryu
Cover Shin Megami Tensei: Persona 3 Portable per PSP

Persona 3 è stato, in sostanza, un viaggio iniziato bene ma che è sprofondato sempre di più, man mano che andavo avanti. L'espressione "tutto fumo e niente arrosto" si addice alla perfezione a questo titolo. Essendomi stato chiesto di scrivere questo parere, cercherò di essere un attimo più prolisso di quel che volevo essere inizialmente.

Allora, parto con la trama. La trama è forse uno dei punti più bassi dell'intera produzione. Sebbene inizialmente risulti essere abbastanza interessante, l'entusiasmo viene presto spento da una serie di avvenimenti banali, presenti soprattutto verso la fine, e da una gestione del tempo della narrazione tra i più brutti che abbia mai visto in un videogioco: la storia dura svariati mesi ingame (9 se non erro) , ma durante questi mesi solo pochi giorni sono riempiti da QUALCOSA, qualcosa che porti avanti la trama, che dia un senso per continuare a fare tutto il resto. Assolutamente insoddisfatto sotto questo punto di vista.
I personaggi invece non sono male. Non li trovo chissà quanto profondi, ma penso che sia davvero adatto a Persona 3: non sono chissà quanto profondi, ma sono decisamente ''umani'' e naturali. Ho apprezzato il cambiamento psicologico che ognuno di essi subisce, c'è decisamente un'evoluzione graduale del loro carattere durante tutta la storia. Nota di merito per i dialoghi davvero adatti ad ogni personalità.
La colonna sonora è probabilmente ciò che mi è piaciuto di più: tanti brani belli, memorabili, e nel complesso un ottimo lavoro per quanto riguarda il puro stile. Un po' Rap, un po' Jazz, un po' Rock e pure un pizzico di Pop ci sta bene. Le osts sono fantastiche sia ingame sia al di fuori da esso, come semplice musica. Senza ombra di dubbio, uno delle mie colonne sonore videoludiche preferite.
Parlando di ambientazione ed atmosfera, pure qui posso ritenermi soddisfatto. Sulle ambientazioni avrei qualcosa da ridire, però. Lasciando perdere scuola e città che non mi hanno fatto né caldo né freddo, il Tartarus (il labirinto nel quale il party passerà buona parte del tempo a combattere) è davvero bello per quanto riguarda il mero aspetto visivo (fighi assai i colori), ma come design non mi convince: alla fine, si tratta di attraversare sempre gli stessi corridoi, e questo dopo una buona quantità di tempo ha cominciato ad infastidirmi, rendendo il gioco ancora più noioso. Come atmosfera, invece, nulla da ridire: un misto tra dark e onirico davvero ben riuscito, apprezzato moltissimo.
Abbiamo poi il gameplay, ed è qui che il gioco perde molto. Si divide essenzialmente in due parti: nella prima parte, il gioco è praticamente un dating sim, in cui si passa buona parte del tempo a stabilire/rafforzare relazioni con personaggi vari, con la possibilità di rifornirsi di equipaggiamento/oggetti quando necessario. Il sistema da dating sim è fatto abbastanza bene ed è una pausa carina tra una cosa e l'altra, ma soprattutto non è qualcosa di fine a sé stesso, poiché influisce abbastanza pesantemente sulla seconda parte del gameplay (per motivi che scoprirete giocando, spiegarlo richiederebbe troppo tempo); la seconda parte, appunto, è quella RPG. Si esplora il dungeon, si salgono i livelli per arrivare sempre più in alto, si battono i nemici ecc. Il combat system è molto classico e devo dire che ad un certo punto comincia ad annoiare molto. Non è tanto colpa del gameplay in sé, ma unendolo al fatto che il gioco è inutilmente lungo (perché tipo per 80% dei giorni ingame non succede NULLA di interessante, grazie based narrazione) ed il labirinto inutilmente allungato allo stremo, la voglia di giocare mi passa facilmente. Sì, diciamo pure che questo gioco mi ha distrutto, non per la difficoltà ma perché è inutilmente prolisso in certe cose. A proposito di difficoltà, è bassa, più che altro per colpa dell'IA abbastanza idiota.
Concludo dicendo che apprezzo le varie aggiunte apportate da questa versione per PSP (protagonista femminile con i suoi contenuti unici e la possibilità di controllare il party, non solo il protagonista, cosa che ritengo assurda non essere presente nelle altre versioni, non dovrei nemmeno considerarla un'aggiunta ma vabbè).

Alla fine, penso che se non vi piace lo stile di Persona 3 (nella musica, nel design, nei dialoghi), dovreste evitarlo assolutamente. Persona 3 si basa praticamente tutto sullo stile, la sostanza non c'è oppure viene gestita di merda. E niente, penso che prima di giocare un altro Persona/SMT mi prenderò una luuuuuunga pausa.

Pick a Quest - RPG Community

Oggi è giovedì e il giovedì è anche il giorno degli gnocchi (e delle gnocche, ovviamente)!
Oggi tocca a me e credo che la cosa più appropriata da dire sia "I've been waiting for this!". Insomma, ci buttiamo su Persona 3 e vi diamo alcuni buoni motivi per amare Akihiko Sanada:
1. È il senpai e ti nota
2. Il cerottino sulla tempia dà +2 alla cuteness
3. È uno sportivo e ha il fisico
4. Oltretutto negli Arena è sempre mezzo nudo
5. Quando si tratta di faccende amorose è un po' imbranato e questo lo rende ancora più tenerotto
6. Ha una voce splendida, grazie Liam O'Brien ti voglio bene
7. Ha i pugni nelle mani

Mi sono dimenticata qualcosa? Raccontateci anche voi perché Akihiko è il top husbando di Persona 3 (perché lo è, non ammetto obiezioni :v).
L'‪#‎husbanday‬ / ‪#‎waifuday‬ torna la prossima settimana con altra gnoccanza!
- Laxy

Kiryu

Allora, sono a inizio Luglio, droppo le prime impressioni.
Sulla trama non dico nulla, continua ad aggiungersi roba e mi sto facendo trasportare senza pensare troppo (anche se qualche teoria me la sto facendo). I personaggi boh, già so di avere ancora molto da vedere quindi non parlo, ma non sembrano un capolavoro di sceneggiatura, né buoni né cattivi, ecco. La colonna sonora mi sta piacendo tantissimo, sicuramente l'aspetto che più sto apprezzando. Graficamente è bello, le ambientazioni e l'atmosfera tra dark e onirico mi piacciono un sacco, gameplay diviso in 2 parti che comunicano benissimo tra loro e oltre a questo è pure divertente e coinvolgente. Le boss battles per ora hanno alti e bassi, ma comunque in linea di massima me piasano.

E niente, si continua.

Kiryu

Già il primo blocco di Tartarus è bello esteticamente, ma il secondo <3

Kiryu

Questa settimana ho verifiche/interrogazioni a manetta come mai prima d'ora quest'anno e cosa faccio? PROPRIO ORA comincio persona 3, sono un genio. rotfl

Kiryu

> a battle starts

BABYBABYBABYBABYBABYBABYBABY
AEAEAEAEAEAEAEAEAE

Non ci sono interventi da mostrare.