Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Semprizio condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Semprizio, aggiungilo agli amici adesso.

Semprizio

Semprizio ha pubblicato un'immagine nell'album Robba filmosa

Visto un paio di giorni fa al cinema, sono andato giusto perchè avevo un biglietto omaggio. Dopo Moana e Frozen (che si ripresenta pure all'inizio di questo film con un cortometraggio noiosetto..) non avevo voglia di animazione cgi made in Disney/Pixar, ma devo dire che sono rimasto sorpreso. Non tanto per la storia, abbastanza prevedibile, quanto per la comunicazione. Sarò io quello iper sensibile, ma ammetto di essermi emozionato più di una volta, il finale l'ho visto tutto col cuore in gola.
Dai, biddicchiu.

Semprizio

Semprizio ha pubblicato un video in Ludo Karaoke

Però cantate pure voi, dai. Soprattutto canzoni più divertenti.

Voglio un Motorola

Perché ludomedia è un social divertente, ggiovane e pieno di hit del momento.

Semprizio

Semprizio ha pubblicato un'immagine nell'album Robba filmosa

Primo film dell'anno, Wonder Wheel di Woody Allen.
Dopo Blue Jasmine pensavo avessimo toccato l'apice della nevrosi nei personaggi di questo regista, e invece devo ricredermi. Angosciante.
OMG, adoroh: le luci con l'onnipresente teal and orange, l'interpretazione degli attori, l'intreccio.
Cioè ke skifo!!1!: l'ambientazione. Poteva benissimo essere ambientato ai giorni nostri e in un luogo diverso da coney island, l'ho trovata sprecata. Per dire, non si fanno manco un giro su una giostra, ci stava. Ah, e nel finale (che non vi svelo) ho trovato una cosa incoerente che non mi è piaciuta.
Ve lo consiglio, a patto di non avere pensieri per la testa, perchè in questo caso, il film potrebbe fungere da amplificatore.

Semprizio

A pochi giorni dalla fine dell'anno penso proprio che posso stilare la classifica dei giochi finiti nel 2017. Essendo solo, soltanto, miseramente, tre, sarà una top tre rotfl
Fra l'altro molto facile da stilare perchè li ho già recensiti con tanto di voto, ma bando alle ciance: (fra parentesi la piattaforma sulla quale ho giocato il titolo)

- Medaglia di bronzo a *rullo di tamburi*..
Uncharted: Drake's Fortune! (PS3)
Si può dire che volevo giocare questo titolo da 10 anni? Sì.
Si può dire che ne sono rimasto soddisfatto? Sì.
Si può dire che si poteva fare di più? Nì. Considerando che eravamo alla fine del 2007, per creare un gioco simile c'è stato tanto lavoro da parte di Naughty Dog.

- Medaglia d'argento a *rullo di tamburi più lunghetto*
Persona 5! (PS3)
Capisco che venga considerato il miglior jrpg dell'anno, capisco meno che venga considerato il miglior titolo della serie Persona. Se è il primo che giocate potreste rimanere a bocca aperta, ma per chi conosce qualche altro capitolo... sicuramente avrà la sgradevole senzasione del "già visto" per quanto riguarda soprattutto l'andamento della trama e la tipologia dei colpi di scena. Da Persona 3 la serie si è fin troppo "standardizzata".

Ed infine la medaglia d'oro a *rullo di tamburi lungo 10 minuti*
- Shadow of the Colossus! (PS2)
Poche parole per questo titolo, in tutti i sensi. Supera lo status di videogioco sfociando in quello di opera d'arte. Capolavoro ineccepibile.

Per il prossimo titolo da iniziare dovrò decidermi fra 999 e Silent Hill u.u

Semprizio

Semprizio ha scritto una recensione su Uncharted: Drake's Fortune

Cover Uncharted: Drake's Fortune per PS3

Tante peripezie e un paio di jeans

In principio fu Lara Croft, prosperosa archeologa britannica, equipaggiata di tutto punto con due magiche pistole dai proiettili infiniti, sempre a zonzo per il mondo alla ricerca di passatempi più emozionanti del badminton o del tè delle 5.
Poi fu Nathan Drake.

Bhe, "poi"... dal lancio del gioco in questione sono già passati dieci anni. Il più delle volte mi capita di giocare titoli non esattamente recenti e se non ho mai preso in considerazione la grafica (nei termini di texture, risolzione, poligoni e quindi realisticità) come parametro degno di valutazione, è perchè i giochi che ho avuto il piacere di provare, spesso e volentieri non ne facevano un punto cruciale.
Uncharted, al contrario, fa della grafica un suo pilastro, con il proposito di mostrare la potenza dell'allora nuova console di Sony.
Ora che le capacità hardware di PlayStation 3 sono state esplorate in tutti i modi, ha senso per un gioco del 2007 tale prova di forza? La domanda è volutamente provocatoria.
Naughty Dog è lo studio occidentale che più ammiro e stimo, sono dei ragazzi che hanno saputo creare un loro stile inconfondibile e che hanno fatto della qualità un loro marchio di fabbrica.

Uncharted ha una trama d'avventura che è quasi da manuale, classica ma con un colpo di scena che non mi aspettavo. I dialoghi sono ironici e divertenti e i protagonisti li senti come se fossero tuoi vecchi amici già dal principio. Però avrei voluto di più da questo gioco, non solo una sequela di sparatorie un po' tutte uguali. Per esempio qualche enigma in più da risolvere (magari non facili come quelli in gioco) e qualche ostacolo da superare per spezzare la monotonia del percorso piuttosto lineare, avrebbe aiutato tanto. Da questo punto di vista Uncharted "può accompagnare solo" rispetto alla già citata serie Tomb Raider. Avrei implementato anche più scorci panoramici e avrei dato la possibiltà di giocare le fasi d'azione in maniera diversa, più stealth.

Nel complesso si tratta di un ottimo gioco, forse non all'altezza delle aspettative ma comunque un ottimo inizio per una serie che si prospetta promettente sotto tutti i punti di vista.

Non ci sono interventi da mostrare.