Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sephira condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Sephira, aggiungila agli amici adesso.

Pigi

Pigi ha pubblicato un'immagine nell'album Immagini generiche

Sephira

Sephira ha pubblicato un'immagine nell'album The Evil Within riguardante The Evil Within 2

Quel momento in cui i nemici rimangono bloccati fuori dalla casa e tu tiri un sospiro di sollievo perché ne hai appena superato una decina in modo furtivo

Sephira

Sephira ha pubblicato un'immagine nell'album Immagini generiche

Sìiiiiii

Sephira

Dico la mia su Blade Runner 2049. Di seguito le opinioni mie personalissime e spoilerosissime.

Senza fronzoli, è inutile aspettarsi un successore in tutto e per tutto al primo Blade Runner. Non poteva esserlo, siamo nel 2017, non nel 1982. O nel 2007 per quel che mi riguarda, la Final Cut è ciò che doveva essere BR sin dall'inizio. Il regista è Villeneuve non Scott. Infatti, nonostante i difetti, Villeneuve & co. sono riusciti a confezionare un prodotto corposo.

Sì, a me è piaciuto.

Il film vuole essere una sua storia che poggia sia su basi nuove che preesistenti: forse era necessario un seguito del mondo di BR, e di PK Dick quindi, ma non un seguito alla storia di Deckard e Rachael. Ho letto che per molti la trama risulta vuota e priva di un reale mordente, come se il film fosse un guscio di bellissima fotografia ma vuoto all'interno. Il problema sta forse nell'eccessiva lunghezza del film, non nel ritmo: è lo stesso del primo Blade Runner, ma dura di più. Ritengo invece che la trama stessa sia ben studiata seppur non fili in modo altrettanto liscio e perda qualcosa nelle parti finali; il film riprende e tratta il tema della vita e della vera esistenza in maniera delicata e applicata, come nel primo, ai replicanti, più umani degli umani nel loro attaccamento alla vita. Riguardo al fan service: bene che serva il film in maniera egregia, forse anche troppo, ho il dubbio che si ricorra a questo espediente nel momento in cui il film possa avere punti deboli. Non nascondo di essermi emozionata alla vista delle scene che richiamano pesantemente il primo BR, le registrazioni, l'incontro con Deckard. Rachael si riconferma essere l'esperimento speciale di Tyrell, che si è portato con sé nella tomba il segreto della procreazione dei replicanti (grazie Roy?).

Ho gradito le citazioni al libro, ho trattenuto a stento un gridolino alla vista dell'origami della pecora. K sogna per caso pecore elettriche?

K, è un Nexus 8, programmato per la cieca obbedienza, altrimenti via, al ritiro con tutti gli altri. Il rapporto con Joi è un qualcosa di così profondamente artificiale che cerca a tal punto di mimare un rapporto umano da seguire una strada che la porterà alla distruzione. Cela una profonda tristezza.

La replicante al servizio di Wallace che si trasforma in qualcosa di brutto e cattivo, sebbene non mi sia piaciuta, trova il suo perché nel momento stesso in cui Wallace non la ritiene al pari con gli altri angeli: la cieca obbedienza e programmazione del replicante la spingono a fare cose al di fuori della sua programmazione (notare la lacrima che le scende mentre uccide Madame, la stessa lacrima e la stessa espressione nella scena con Wallace).

"Nato, non creato." La reazione di K all'idea di non essere un replicante di fabbrica è uno dei temi che si trascina fino all'incontro con Deckard e dopo, quando K avrà la certezza di non esserlo, è come se la scintilla nei suoi occhi si spegnesse. Le continue ricerche, la visita al database genetico, il ritrovamento del cavallino: tutti eventi sfumati nel giro di un secondo negli occhi di K. Personalmente il gruppetto di replicanti organizzati per la ribellione (e una sorta di attesa per l'avvento di Cristo o quasi) è il punto debole del film, forse sono io che sono stufa del tema, ma era almeno ben narrato nel corto Black Out 2022. Mentre qui come al solito abbiamo la donna guercia che fa da comandante e annuncia che ci sarà una ribellione. Bel modo di farmi cadere il miracolo. Lasciatemelo stare.

"Morire per la giusta causa è la cosa più umana che si possa fare" Evidentemente il gruppetto non stava simpatico neanche a K, eppure lui non dimenticherà quella frase visto che sceglie di salvare Deckard e di farlo dare per morto, portandolo semplicemente dalla figlia.

Ci ricolleghiamo alla scena tra Madame e K che discutono sulla presunta umanità di un replicante, con K che afferma che solo se si è nati si ha un anima mentre se si è creati no. La scena si conclude con Madame che lascia intendere che lei tra K e una persona normale non vede molte differenze.
K entra in una sorta di crisi esistenziale, la solita, direte, ma perfettamente normale per un essere come lui. Passa dall'uccidere i replicanti senza rimorso allo scrupolo di coscienza nell'uccidere un essere nato, un replicante nato, e inizia a tentennare.
Anche se K è un replicante la sua è una vera vita, il problema sta nella programmazione data dai suoi creatori: una vera vita sì, ma al servizio del creatore.

Il finale mi ha portato tante emozioni e l'uso del brano giusto al momento giusto non solo ha dato un degno finale alla storia di K ma ha anche reso omaggio al primo vero gesto umano di Roy. Grazie.

In breve, non fatevi assolutamente influenzare da recensioni, negative o positive che siano. Tra chi urla al capolavoro e chi alla medda fumante e chi ha la spocchia di rigirare le frittate a piacimento e dare un giudizio che non è giudizio. Avete visto il primo? Vi è piaciuto? Beh vedetelo per pura curiosità, tenendo i piedi per terra. Non avete visto il primo? Male, dovreste farlo. Siete appassionati di fantascienza e/o futuro distopico? Bene, è un buon film guardatelo. Ma dopo il primo.
Gosling mi è piaciuto anche se niente può battere il ruolo che gli calza a pennello, ovvero l'autista in Drive.

"Ogni artista mette un po' di sé nella sua opera."

PS. Ah dimenticavo una cosa: il combattimento alle cascate. No. Non ho niente da dire. Semplicemente no.

Sephira

Sephira ha pubblicato un video

rotfl rotfl rotfl

Cappello

Non ci sono interventi da mostrare.