Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Strappa18 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Strappa18, aggiungilo agli amici adesso.

Strappa18

Ragazzi ho la grossa colpa di aver abbandonato per parecchio tempo NMS. Proprio in questi giorni ho deciso di riprenderlo e, calcolando che non avevo mai giocato neanche l'aggiornamento Foundation, mi sto praticamente trovando di fronte ad un altro gioco rotfl e vedo che ci sono anche grosse novità in arrivo! Qualche anima pia potrebbe farmi un rapido riassunto della situazione?

Strappa18

Strappa18 ha scritto una recensione su Horizon: Zero Dawn

Cover Horizon: Zero Dawn per PS4

Avevo grandi aspettative su Horizon: Zero Dawn, attendevo la sua uscita fin dal suo annuncio ed ho quindi deciso di acquistarlo al day one. Non posso dire di sentirmi deluso dal lavoro di Guerrilla Games dato che comunque questo titolo mi ha intrattenuto e stupito per diverse ore, ma in tutta onestà mi aspettavo qualcosina di più.
Horizon: Zero Dawn ha luogo in un ipotetico futuro in cui, in seguito ad una catastrofe causata dalle macchine, gli umani hanno ricominciato a costruire la civiltà raggruppandosi in diverse tribù primitive. Ma gli uomini non sono soli in questo nuovo mondo: la Terra è infatti popolata anche dalle Macchine, esseri biomeccanici che hanno le sembianze di animali e che, dopo anni di tranquillità, cominciano a diventare sempre più aggressive a causa di un fenomeno chiamato "squilibrio". La protagonista del gioco è Aloy, una ragazza che, cresciuta come un'emarginata dalla sua tribù (i Nora), cerca di scoprire quale sia il suo passato sostenendo la Prova dei Nora, un rito di passaggio che le permetterà di unirsi alla sua gente. Ben presto Aloy scoprirà di essere destinata ad avere un ruolo fondamentale nell'imminente guerra contro le Macchine a causa di un suo misterioso legame con i Predecessori, gli evolutissimi antenati degli attuali esseri umani.
La trama principale ha delle premesse più che ottime: Aloy è immersa in un mondo vivo, con un background strutturato e particolare, diverso per ogni tribù che popola la Terra di Horizon: Zero Dawn. Dopo un inizio pirotecnico, però, la narrazione piano piano si sgonfia e perde di intensità, facendo inevitabilmente scemare un po' l'interesse del giocatore. È vero che la trama principale si risolleva un po' verso il finale, ma anch'esso è meno epico di quanto ci si aspettasse e non rende giustizia ad un paio di rivelazioni piazzate nella seconda metà del gioco che, nonostante siano un po' telefonate, costituiscono comunque svolte interessanti nella storia narrata. A non funzionare granché bene da questo punto di vista sono però soprattutto le missioni secondarie, poco coinvolgenti e spesso piuttosto banali.
Probabilmente, però, questo giudizio non positivo sulla trama è dovuto principalmente ad una carenza di gameplay. Nella narrazione è infatti quasi del tutto assente l'aspetto ruolistico: le (rare) scelte compiute da Aloy sono praticamente ininfluenti sullo svolgimento della trama, è totalmente assente un qualsiasi sistema di reputazione, si è molto lontani dai livelli stabiliti da altri GDR simili come i vari Mass Effect o The Witcher. D'altra parte, però, il combat system funziona piuttosto bene: le armi sono varie e permettono diversi approcci, mentre le Macchine hanno tutte caratteristiche differenti e ucciderle richiede inevitabilmente una conoscenza dei loro punti deboli peculiari. A smontare un po' un'impostazione di gameplay tutto sommato funzionante e divertente è però uno sviluppo delle abilità e dell'equipaggiamento di Aloy un po' sbilanciato che fa diventare ben presto la nostra eroina quasi invincibile.
Se c'è un aspetto su cui non si può assolutamente dire nulla a Guerrilla Games, quello è il comparto tecnico. A voler essere pignoli qualche calo di framerate capita, specie nelle sezioni a cavallo, ma nulla di ingestibile o che duri più di un secondo. Il mondo di Horizon: Zero Dawn lascia senza fiato per i dettagli, i colori, le animazioni di personaggi, Macchine e animali (a parte le volpi che hanno la coda di legno asd), i movimenti della vegetazione. È tutto creato ad opera d'arte ed è probabilmente il miglior risultato dal punto di vista tecnico che la mia console abbia mai visto, una gioia per gli occhi.
Purtroppo Horizon: Zero Dawn non è il capolavoro che ci si aspettava. Resta un bellissimo titolo, con un gameplay divertente, una grafica spaccamascella ed una trama originale. Ma no, non è un capolavoro.

8.3

Voto assegnato da Strappa18
Media utenti: 9 · Recensioni della critica: 9

Strappa18

Non ci sono interventi da mostrare.