Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Suzy_ichimi condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Suzy_ichimi, aggiungila agli amici adesso.

Suzy_ichimi

Suzy_ichimi ha scritto una recensione su Outlast 2

Cover Outlast 2 per PS4

Outlast parte seconda

È da molto che non scrivo recensioni.. cercherò di essere il più dettagliata possibile nel descrivere cosa ho provato giocando il secondo Outlast. Cominciamo con l'impatto principale: fin dai primi minuti ci rendiamo conto che non è un gioco comune. Si parla di Outlast, il videogioco horror che ha fatto boom alla sua uscita in quanto diverso dagli altri a cui eravamo stati abituati... ma che purtroppo, a distanza di anni, ha spopolato ed ora nell'arco di un anno escono copie su copie di horror in prima persona nello stesso stile. Non che il primo Outlast mi abbia colpito granchè: era il periodo in cui gli indie horror andavano tanto e non era diverso da altri. Il primo mi è piaciuto discretamente, ma qua stiamo recensendo il secondo capitolo. Nessuno spoiler tranne alla fine con alert-

Ambientazione all'aperto e non più chiusi in un Manicomio. Paradossalmente si perde molta atmosfera (personalmente parlando) e non l'ho apprezzato. "Filmato" iniziale ben apprezzato, stavolta i protagonisti sono Blake e la sua donna Lynn, arrivati in zona in elicottero per indagare sullo strano omicidio di una donna... ma da allora si separano e saremo in cerca di Lynn per tutta la durata del gioco (6 capitoli, poche ore di gioco). Ho apprezzato TANTISSIMO il realismo dei personaggi: ad ogni evento strano sentiremo il protagonista spaventato e commentare ogni avvenimento. Cosa che ripeto ho apprezzato tanto, al contrario di molti horror (il più recente Resident evil 7) in cui può succedere qualsiasi cosa orribile e grottesca ma il protagonista rimane statico. Forse è questa l'unica cosa che ho apprezzato di Outlast 2. Storia inesistente, non capiremo cosa stia succedendo nel villaggio fino ad almeno metà gioco (capitolo 3) dove il gameplay ingrana nonostante, come il primo capitolo, dovremo sempre fuggire e cercare vie per scappare. Un miglioramento in quel senso non c'è. Scapperemo, fuggiremo, e cercheremo di uscire dal posto per tutto il tempo di gioco. La storia si divide tra la setta religiosa del villaggio in cui si sono persi Blake e Lynn, e i vari flashback (parecchi) dei tempi delle scuole superiori dove la loro amica Jessica si è "tolta la vita" e, a quanto pare, il protagonista sente un gran rimorso. Ma non sapremo cosa sia successo fino alla FINE. Stavolta, modelli dei nemici molto carini e non troppo ripetitivi, apprezzate 2 creature/mostri!

SPOILER Alert-
In conclusione, gioco piatto fino a metá almeno, copia del primo Outlast ma meno "spaventoso", trama spiegata a tratti, ma il gameplay è comunque godibile. Finale apprezzatissimo che vi lascerà a bocca aperta... a quanto pare erano tutte visioni di Blake, dal parto (Lynn, rimasta sotto terra e quindi non colpita dalle radiazioni brain wash che subiva il villaggio, dice che in pancia non ha nulla) alla sequenza finale (notare che il neonato non ha ombra tra le braccia di Blake). Un 7 se lo merita perchè è un horror valido ma un po' ripetitivo. Alla prossima ^^

7

Voto assegnato da Suzy_ichimi
Media utenti: 7.5 · Recensioni della critica: 8.2

Non ci sono interventi da mostrare.