Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Bandai Namco e prodotto da Nintendo, Pokken Tournament è un picchiaduro uscito il 18 marzo 2016 per Wii U · Pegi 7+

In questo gioco, i Pokémon sfoderano tutta la loro energia e lottano in un modo mai visto prima, controllati con assoluta precisione in ogni loro movimento dal giocatore. I comandi intuitivi rendono questo gioco di combattimento accessibile a giocatori di qualsiasi livello, mentre la splendida grafica valorizza l'aspetto di ciascun Pokémon in ogni dettaglio e ne esalta la potenza.

7.8

Recensioni

4 utenti

Fighting World

Fighting World ha pubblicato un video riguardante Pokken Tournament per Wii U

『ポッ拳 POKKÉN TOURNAMENT』 エンペルト紹介動画

【公式HPはこちら】 http://pokkentournament.jp/?utm_source=youtube&utm_medium=direct&utm_campaign=direct 【チャンネル登録はこちら】 http://bnent.jp/youtube/ ゲームセンター版『ポッ拳 POKKÉN TOURNAMENT』 エンペルト紹介動画

LIGHT ARKANGEL

LIGHT ARKANGEL ha pubblicato un'immagine nell'album My game for WiiU riguardante Pokken Tournament

anche la lega ferro è conclusa ✓, si passa al prossimo titolo :)

Nigomonster

Nigomonster ha scritto una recensione su Pokken Tournament

Cover Pokken Tournament per Wii U

Pokken Tournament è il primo vero tentativo da parte della serie di Pokemon di creare un titolo del genere picchiaduro sfruttando le famose creature di Nintendo.

Sviluppato da Namco Bandai e, più in particolare, dal team di Tekken e Soul Calibur, all'inizio il titolo doveva essere un semplice copia e incolla del gameplay di Tekken, ma gli sviluppatori hanno poi trovato una formula più congeniale che mischia le regole di un Arena Fighter, con quelle di un Picchiaduro su due dimensioni.

Graficamente il gioco è leggermente inferiore alla versione arcade e la cosa appare di più soprattutto per la staticità dei personaggi negli sfondi e per le ombre in bassa risoluzione. Nonostante questo il gioco fa un buon uso dei colori e i modelli 3D dei personaggi giocabili emettono la personalità del Pokemon tramite delle animazioni davvero ben riuscite e spettacolari, degne del team di sviluppo da cui questo gioco è stato creato, andando ad ovviare, almeno in parte ad un numero di personaggi giocabili limitato rispetto agli standard odierni.

Così che potremo giocare nel ruolo di un Pikachu adorabile, ma dall'atteggiamento determinato e cazzuto, una Braixen che si comporta e si muove come una cantante sul palco, un Garchomp selvaggio ed agguerrito e così via. Per fortuna sembra che comunque il gioco verrà aggiornato con nuovi personaggi, come confermato dal reveal di Darkrai solo un mese fa.

Il gameplay, come detto prima, mischia il genere degli arena fighter e dei picchiaduro bidimensionali, dividendo le lotte in due fasi distinte. La fase da arena metterà la telecamera alle spalle del giocatore e si concentrerà soprattutto su attacchi a lunga gittata e sulla gestione dello spazio intorno a se, mentre la fase bidimensionale è molto più simile ad un picchiaduro tradizionale, concentrandosi su combo più o meno complesse e battaglie ravvicinate. Il gioco si alternerà continuamente tra le due fasi, incoraggiando i giocatori a ripensare continuamente la propria strategia.

Inoltre gli sviluppatori sono riusciti ad implementare il buon vecchio concetto "carta, sasso e forbice", la vera e propria base delle debolezze e dei vantaggi dei diversi tipi di Pokemon nei giochi principali. Ma invece di legarlo ai tipi dei diversi lottatori, si è deciso di rendere certe mosse deboli ad altre, dividendole in attacchi semplici (dal colore rosso), contrattacchi (dal colore blu) e prese (dal colore verde). Ognuno di questi è debole contro uno e forte contro l'altro, ad esempio la presa può fermare un contrattacco ma verrà annullata da un attacco semplice.

Questo, insieme ai Pokemon di supporto, va ad aggiungere un pizzico di strategia in più alle battaglie, che diventano una vera e propria sfida, non solo di riflessi, ma anche di intuito e di conoscenza del proprio avversario. Le battaglie sono frenetiche, rapide e spettacolari, complici anche i magnifici attacchi finali di ogni Pokemon.

Inoltre il gioco offre la possibilità di personalizzare il proprio lottatore preferito, vista la possibilità di ottenere esperienza dopo ogni battaglia e di distribuire punti abilità su attacco, difesa e altri valori specifici, un pò come i punti EV nei giochi principali.

La modalità storia non è niente di spettacolare, essendo una classica serie di tornei da affrontare con una trama semplice come sfondo...Anche se c'è da dire che la battaglia finale ha dato le sue soddisfazioni, spingendomi a dare il massimo possibile...Storia blanda, ma boss finale degno di questo nome insomma!

Speravo che la colonna sonora facesse uso di qualche remix dalla serie principale, ma ha deciso invece di andare per una serie di brani originali che però...Non sono per niente male! Si sente molto lo stile musicale di Tekken, ma più adattato al mondo più melodico di Pokemon.

Pokken Tournament è un picchiaduro con un gameplay appagante che trova un buon equilibrio tra l'essere un gioco da competizione e un gioco più casuale, offrendo un gameplay dalle regole e dalle mosse semplici da eseguire, ma che richiederanno un certo impegno per essere concatenate. L'unico vero limite è dato dal roster di personaggi davvero limitato, speriamo quindi in aggiornamenti futuri o un seguito più polposo a livello di contenuti.

Di sicuro, se siete fan di Pokemon, dovete almeno provarlo una volta :)

----------------------------------

Pokken Tournament is the first ever attempt of the Pokemon series to create a fighting genre title using the famous Nintendo creatures.

Developed by Namco Bandai and, more specificly, by the team of the Tekken and Soul Calibur series, at first the title was gonna be a simple Pokemon-version of Tekken, but the devs successively opted for a more fitting formula, that mixes the rules of an arena fighter with a more traditional 2d fighter gameplay.

Graphically, the game is slightly inferior to the arcade version and it's visible especially for the static characters in the background as well as the low resolution shadow of the fighters. Despite this the game makes a good use out of the colours and of the 3d models of the playable characters, which show off their personality through the use of fantastic and well-crafted animations, worth of the developement team that worked on the game, to make up, in part, for the low number of characters compared to modern standards.

So that we can play in the role of an adorable but determined and badass Pikachu, a Braixen who behaves and moves like a singer on the stage, a savage and ruthless Garchomp and so on. Luckily it looks like the game will be updated with new characters in the future, as confirmed by the reveal of Darkrai just one month ago.

As I said before, the gameplay mixes the arena fighter genre with the 2d fighter genre, splitting the battles in two phases. The arena phase will put the camera behind the player and will focus mainly on long-range attacks and the control of the area around the player's character, while the bidimensional phase is much more similar to a normal fighting game, focusing on more or less complex combos and close-quarter combat. The game will alternate the two phases continuously, encouraging players to constantly rethink their strategy.

The developers also implemented the good old "rock, paper, scissors" concept, the basic rule of weaknesses and strenghts of the pokemon types in the main games. But instead of tying them to the Pokemon type of the different characters, it was decided to make some moves weak to others, splitting them in simple attacks (red colour), counters (blue colour) and grapples (green colour). Each of those types is strong against one and weak against the other. For example the grapple can stop a counter, but it'll be nullified by a simple attack.

This, along with support Pokemon, goes to add a bit more of strategy to the battles that will become real challenges, not only of dexterity, but also of instinct and knowledge of the foe. The battles are fast, frenetic and spectacular, also thanks to the marvelous final attacks of each Pokemon.

Beside that, the game offers the chance to customize your own fave fighter, by earning exp in battles and distribute the ability points on attack, defense and other values, kind of like EV points in the main games.

The story mode isn't anything of special, as it's a quite regular list of tourneys to face one after another, with a simple plot as background...Even if I have to say that the final battle is quite satisfying, having pushed me to give my best...So yeah, bland story, but awesome final boss!

I hoped the soundtrack would use some remix of the main series, but they instead went for fully original tunes, which...are not bad at all! You can feel Tekken's style in it, but it's made a little more melodic to go after the style of the Pokemon world.

Pokken Tournament è un picchiaduro con un gameplay appagante che trova un buon equilibrio tra l'essere un gioco da competizione e un gioco più casuale, offrendo un gameplay dalle regole e dalle mosse semplici da eseguire, ma che richiederanno un certo impegno per essere concatenate. L'unico vero limite è dato dal roster di personaggi davvero limitato, speriamo quindi in aggiornamenti futuri o un seguito più polposo a livello di contenuti.

Pokken Tournament is a fighter with a satisfying gameplay, that strikes a good balance between a competition game and a more casual game, offering a gameplay with simple rules and moves, but also a certain kind of depth when it comes to put the latter in a combo. The only real limit is the very small roster, hoping future updates can fix that...Either that or a more filled sequel!

If you are Pokemon fans you have to try it at least once :)

8

Voto assegnato da Nigomonster
Media utenti: 7.8 · Recensioni della critica: 7.9

Nintendo Hall

Nintendo Hall ha pubblicato un'immagine nell'album Nintendo Hall riguardante Pokken Tournament

Nintendo Wii U: Scizor, Darkrai ed Empoleon presto in arrivo su Pokken Tournament? http://nintendohall.altervista.org/2016/ ..

Non ci sono interventi da mostrare.