Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Splinter Cell: Blacklist

Sviluppato da Ubisoft e prodotto da Ubisoft, Splinter Cell: Blacklist è un gioco d'azione e avventura uscito il 22 agosto 2013 per Wii U · Pegi 18+

·

"Splinter Cell: Blacklist è un continuo crescendo. Quando credevamo che il gioco sarebbe stato l'ennesima svolta action, gli sviluppatori ci hanno sorpresi con un titolo che fa l'occhiolino al passato, e che offre alcuni scorci di gioco interpretabili con un approccio d'altri tempi. La campagna principale potrebbe risultare breve se affrontata di petto, ma qualora il vostro stile di gioco incarni quello dei primi Splinter Cell, saprà darvi grosse soddisfazioni anche in termini di durata. Il bello di Splinter Cell: Blacklist è che non vi dice come giocare, vi lascia la possibilità di farlo come meglio credete." da Spaziogames.it

8.6

Recensioni

8 utenti

Multiplayer.it · RSS
[Rumor] Ubisoft è al lavoro su un nuovo capitolo di Splinter Cell?

[Rumor] Ubisoft è al lavoro su un nuovo capitolo di Splinter Cell?

Michael Ironside dovrebbe fare il proprio ritorno come doppiatore di Sam Fisher. Secondo alcune indiscrezioni provenienti dal popolare forum NeoGaf, Ubisoft avrebbe iniziato lo sviluppo di un nuovo ca .. · Leggi tutto l'articolo

Gamesvillage.it · RSS
Splinter Cell disponibile gratuitamente su Uplay

Splinter Cell disponibile gratuitamente su Uplay

Splinter Cell, il classico titolo stealth targato Ubisoft, è ora disponibile gratis per tutti gli utenti PC, per festeggiare i trent'anni della società. Il gioco è scaricabile direttamente a questo in .. · Leggi tutto l'articolo

Dark Master

Dark Master ha scritto una recensione su Splinter Cell: Blacklist

Cover Splinter Cell: Blacklist per Wii U

Dopo circa 30 ore di gioco sono giunto ai titoli di coda. La mole di tempo che mi ci è voluta per finire Blacklist mi ha sorpreso, ma questa longevità ha avuto come complici la difficoltà (da me settata al terzo dei quattro livelli disponibili), il completamento di tutte le missioni secondarie e la mia lentezza in questo tipo di giochi - tendo infatti a prendermi tempo per pianificare le azioni prima di eseguirle.

La mia opinione su questo titolo è decisamente positiva. Temevo che Ubisoft avesse continuato sulla falsa riga di Conviction, dato anche il sistema di controllo pressoché identico. Fortunatamente così non è stato, Ubisoft ha infatti capito che il problema principale di Conviction era sostanzialmente il level design, mentre in Blacklist si è rimediato a ciò.

I livelli si differenziano discretamente tra loro ed offrono ben più di un paio di approcci alla missione. L'approccio stealth più puro viene premiato più degli altri, com'è giusto che sia, ma il giocatore è libero di inventarsi quel che vuole.
In altri titoli (coff-coff.. Hitman Absolution.. coff) venire scoperti si rivela perlopiù frustrante e ci porta spesso a riavviare la sezione di gioco. Blacklist invece, specialmente grazie ad un design dei livelli spesso ottimo, diverte anche quando qualcosa non va secondo i nostri piani. In realtà, improvvisare le proprie azioni sul momento è dannatamente divertente in Blacklist.

L'intelligenza artificiale dei nemici si comporta in modo discreto. Niente di rivoluzionario, sia chiaro, ma i soldati si accorgono di rumori, luci spente, porte aperte, e persino di compagni mancanti. Nel caso si decida di atterrare od eliminare un soldato, i suoi compagni si accorgeranno infatti della sua assenza ed inizieranno a cercarlo.

Continuando sul discorso “nemici”, si può notare come sia stata introdotta un po’ di varietà anche in questo frangente. Sam Fisher stavolta deve vedersela con soldati corazzati di vario tipo: alcuni non andranno giù con un solo headshot, altri non potranno essere atterrati con tecniche corpo a corpo, altri ancora saranno dotati di maschere antigas che li proteggono dalle granate a gas. Oltre a questi, ci saranno soldati dotati di visori termici che possono vedere Sam anche al buio, cecchini, droni di sorveglianza e cani addestrati che potranno fiutare l’odore della nostra spia anche da molto lontano. Tutto ciò si traduce ovviamente in una varietà di meccaniche diverse che contribuiscono a mantenere alta l’attenzione del giocatore, ed a rendere le situazioni di gioco quanto più varie e divertenti.

Un piccolo difetto del gameplay è, almeno per me, il sistema di coperture ancora “troppo rigido”. Spesso e volentieri rimanere in copertura equivale a non essere visti, a volte anche quando si è praticamente visibili, e questo fattore uccide un po’ la tensione. Le coperture forniscono troppa sicurezza, e mi sarebbe piaciuto che i nemici “avessero aperto un po’ più gli occhi” in questi casi.

Da buona spia, Sam Fisher dispone di una vasta gamma di gadget sui quali fare affidamento. Si spazia dalla classica micro-camera al modernissimo tri-rotore (un drone volante comandato a distanza), passando per granate di vario tipo e armi stordenti non-letali. È stato inoltre introdotto un sistema di “shop”: durante le nostre missioni guadagneremo denaro con il quale acquistare nuovi gadget, armi o tute.

Le ambientazioni che vengono presentate al giocatore sono discretamente varie, con spazi vasti che si contrappongono ad altri decisamente più claustrofobici, tutti caratterizzati in modo appropriato. Un altro plauso va ad un sound design superiore alla media, che ci permette di sentire tanti piccoli rumori che danno indizi su quello che ci circonda, ed un buon doppiaggio italiano. Peccato per alcune sviste del doppiaggio in fase di gameplay – delle volte si può incappare in dialoghi delle guardie che non sono stati tradotti, mentre altri sì, e questa incoerenza infastidisce un po’.

Il comparto grafico svolge il suo compito in modo discreto, senza particolari meriti. La buona direzione artistica facilita molto il lavoro del motore grafico, che riesce ad offrire alcuni scorci molto buoni anche se un po’ datato. Per quanto riguarda la trama, Blacklist costruisce su ciò che era stato fondato Conviction e riesce ad avere una narrazione che non spicca per originalità ma riesce a fare il suo lavoro.

Piccolo appunto finale sulla versione Wii U: il Gamepad viene sfruttato egregiamente per gestire inventario e controllare le microcamere ed i droni. Niente di incredibile, ma l'integrazione è apprezzabile. Inoltre il gioco può essere giocato completamente sul pad.

A conti fatti, considero Blacklist un ottimo gioco ed un ritorno sul binario giusto per la serie Splinter Cell. Non lo preferisco al classico Chaos Theory, ma rimane uno stealth dannatamente divertente ed appagante. Ero indeciso tra l'8 e l'8.5, ma alla fine ho optato per il secondo perché la serie di Splinter Cell mi è sempre piaciuta. In ogni caso consiglio vivamente a tutti di giocarlo.

8.5

Voto assegnato da Dark Master
Media utenti: 8.6 · Recensioni della critica: 8.7

Non ci sono interventi da mostrare.