Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Rockstar Vancouver e prodotto da Rockstar Games, Bully: Scholarship Edition è un gioco d'azione e avventura uscito il 7 marzo 2008 per Wii · Pegi 16+

·

"Questo rifacimento da parte di Rockstar dimostra la fiducia della compagnia per un franchise che immerge il giocatore in un'atmosfera scanzonata e volutamente ironica, come già accaduto altre volte nella tradizione dell'azienda Canadese. Lo stupore nel ritrovare il giovane Jimmy così in forma nonostante la poca cura deputata alla parte grafica è grande, complice soprattutto un sistema di controllo duttile, intuitivo e coinvolgente. Se la sua uscita fosse stata accompagnata da un prezzo budget l'acquisto sarebbe stato consigliato a tutti, ma così com'è quelli che potranno godere appieno del titolo sono quelli che non hanno ancora vestito i panni del giovane ribelle. Se siete tra questi e dentro di voi avete ancora un piccolo Jimmy, comprategli questo titolo e vi sarà sicuramente grato." da spaziogames.it

8

Recensioni

4 utenti

Gamesvillage.it · RSS

Bully: Anniversary Edition disponibile su mobile

Rockstar Games e War Drum Studios hanno pubblicato Bully: Anniversary Edition per smartphone e telefonia mobile. Il titolo celebra il decimo anniversario dall'uscita originale del gioco ed è disponibi .. · Leggi tutto l'articolo

Nigomonster
Cover Bully: Scholarship Edition per Wii

Prendere la libertà di un gioco Rockstar, autore di GTA, e focalizzarlo su un setting specifico sembrerebbe già di per se un'idea dal grande potenziale. Se poi diciamo che il setting di cui parliamo è basato su un ragazzino problematico lasciato in una scuola privata di alta classe con la puzza sotto il naso, se avete una vaga idea dello stile satirico di Rockstar Games, allora capirete come questo gioco possa attirare l'attenzione!

Il titolo si concentra su Jimmy Hopkins, un ragzzetto di 15 anni, figlio di una madre con molti matrimoni alle spalle, che viene scaricato alla Bullworth Academy mentre lei se ne va in un'ennesima Luna di miele lunga un anno. Il ragazzino si trova subito alle prese con gli spocchiosi docenti e i compagni di scuola che toccano diversi stereotipi del casi. Ragazzi sociopatici bramosi di potere, bulli enormi tutto muscoli e niente cervello, o nerd piagnoni e perversi. Insomma, Rockstar Games ha palesemente preso ogni singolo stereotipo negativo che si poteva trovare a scuola e lo hanno spinto al massimo, risultando in una specie di parodia del mondo scolastico americano.

A livello grafico il gioco mostra la sua età, dopotutto si sa che i giochi con un comparto visivo realistico sono quelli che invecchiano più in fretta, senza contare che questa versione del gioco è un singolo port della generazione antecedente, quindi nonostante il Wii possa fare molto di più, questo non viene sfruttato. Il port scorre in maniera abbastanza fluida, a parte qualche occasionale rallentamento che però risulta un raro evento. La composizione degli ambienti è molto buona, ma ciò che mi ha colpito è il character design palesemente brutto. Tutti i personaggi sono caricature di se stessi quindi, anche se non in maniera esagerata, tanto da non risultare cartoonesco, i personaggi hanno certi dettagli del loro aspetto più pronunciato, rendendoli in qualche modo grotteschi e in linea con l'atmosfera del gioco.

Il gameplay, come potete immaginare da molta libertà al giocatore, soprattutto una volta aperti i cancelli della scuola e poter avere accesso all'intera cittadina di Bullworth, un mondo aperto che, seppur non immenso, risulta molto piacevole da esplorare e con tanti piccoli pertugi segreti da scoprire. Come GTA il gioco si basa sulla risoluzione di diverse missioni che porteranno avanti la storia pezzo per pezzo e richiederanno al giocatore diversi compiti come infiltrarsi dentro la scuola di notte per riprendere un diario confiscato, affrontare gare di bici, rompere le vetrate di un compagno spocchioso, affrontare risse e pian piano conquistare tutte le bande della scuola.

C'è anche la possibilità di assistere alle lezioni a diversi orari della giornata, che metteranno il giocatore contro diversi minigiochi che, se completati, daranno diverse ricompense. Vestiario, nuove mosse di combattimento, la possibilità di fabbricare i propri petardi, migliorare la propria mira con la fionda e così via.

Il combattimento nel gioco è tutto dedicato ai motion control e, mentre la cosa potrebbe far storcere il naso a molti, io l'ho trovato funzionale dopo un pò di pratica, si tratta solo di trovare il proprio ritmo :) la quantità di mosse da sbloccare è molto varia e comprende combo di pugni, prese, mosse di wrestling e sgambetti. Insomma, ci sarà da divertirsi! In più il gioco offre un arsenale di armi non indifferente. Fionde, lancia-petardi, polvere pruriginosa, uova marce e altro. A volte il gioco risulta essere abbastanza legnoso per le sue meccaniche ambiziose, ma è qualcosa su cui sono passato sopra vista la creatività del gioco in se.

La storia sembra prendere la buona vecchia filosofia di Rockstar: il personaggio principale è un bastardo, ma tutti gli altri personaggi del gioco lo sono ancora di più, quindi perché sentirsi in colpa ? Andando avanti però si scopre che, nonostante i modi rudi e sarcastici, Jimmy non è un ragazzo del tutto marcio e non esiterà ad aiutare chi è più debole di lui. Il tutto con quella nota di cinismo e sarcasmo che ha sempre contraddistinto gli sviluppatori. L'unica nota veramente negativa è che nell'ultima parte di gioco la storia sembra leggermente corsa, con alcune relazioni che non si spiegano o non vengono concluse in modo soddisfacente, ma la trama in generale risulta comunque interessante.

Il lavoro fatto sulla colonna sonora è particolare e devo dire di essere rimasto sorpreso dalla varietà di brani e dal loro stile così particolare che ha tratti sembra richiamare l'innocenza del ragazzino, il che stona intenzionalmente con il tono rude del gioco. Molto bella l'idea di dare ai diversi gruppi della scuola dei brani musicali di battaglia dallo stile diverso, con uno stile "alla Grease" per i Greasers o un tono che richiama i rumori del computer per i nerd, per esempio. In più ho notato che alcuni brani in generale sono dei piccoli riferimenti a canzoni realmente esistite per chi potrà notarlo ;)

Insomma, Bully mostra un pò di acciacchi dovuti all'eta, ma rimane comunque un buon titolo, divertente e unico nel suo concept. Sicuramente se siete fan dei Rockstar Games vi consiglio di provarlo, ma anche se in generale vi piacciono i free-roaming con un pò di sostanza :)

8.3

Voto assegnato da Nigomonster
Media utenti: 8 · Recensioni della critica: 7.4

Non ci sono interventi da mostrare.