Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da Rainbow Studios e prodotto da THQ, Deadly Creatures è un gioco d'azione uscito il 19 febbraio 2009 per Wii · Pegi 12+

"Un gioco d'azione piuttosto originale per quanto riguarda lo scenario e l'ambientazione che ha nell'atmosfera “da brividi” il suo punto di forza. Se avete voglia di vivere un'avventura “diversa”, Deadly Creatures è assolutamente consigliato." da gamesvillage.it

7.8

Recensioni

3 utenti

LorenzoIntercept

LorenzoIntercept ha creato un sondaggio nel Forum: Online il prox game riguardante Deadly Creatures

Online il prox game?
3
Online si anke con il Multiplayer
1
No offline e senza multiplayer come il primo

come ho scritto nella mia recensione perkè insieme a tutti i players del mondo gli diciamo alla marca ke ha prodoto questo stu.........mer............fantastico Epico ehmmm un altra parola????a ekko Stupendatamente Universalmente Miglior Game dei Ragni di creare il prox game di Deadly Creatures online,io scelgo Online invece voi ke ne pensate?

Vai alla discussione
LorenzoIntercept

LorenzoIntercept ha scritto una recensione su Deadly Creatures

Cover Deadly Creatures per Wii

io sono The Lord of Spiders=Il Signore Dei Ragni,quando ho comprato la WII ho scelto 2 videogames e quando ho visto la Tarantola perkè è il mio Ragno Preferito sulla copertina,non ho esitato a comprarlo,il gameplay è caruccio molto letalissimo ma cè una mossa della Tarantola UNL ke è quella di lanciare la Ragnatela sui nemici,ci mankerebbe proprio il multiplayer online e la sarebbe il Miglior game della Storia dei Ragni
qui LorenzoIntercept kiudo

7.8

Voto assegnato da LorenzoIntercept
Media utenti: 7.8 · Recensioni della critica: 7.5

Kacaronte

Kacaronte ha scritto una recensione su Deadly Creatures

Cover Deadly Creatures per Wii

Soffrite di aracnofobia? Allora vi sconsiglio caldamente questo titolo, peccato però dato che a mio parere merita molto...
In questo gioco impersoniamo 2 personaggi insoliti: una tarantola e uno scorpione, e dovremmo farci strada tra nidi di altri insetti, i cugini aracnidi che ci vorranno ammazzare e serpenti... si, serpenti fermosi
In effetti un ragno/scorpione che ne da di santa ragione ad un serpente non è una cosa che si vede tutti i giorni... ma fottesega.
La difficoltà è... leggermente superiore alla norma di adesso, ma niente di così strabiliante, però lo consiglio a tutti coloro che vogliono giocare ad un gioco diverso dal solito sisi

LucaLink

LucaLink ha scritto una recensione su Deadly Creatures

Cover Deadly Creatures per Wii

Questo gioco è un insospettabile. Vedi il nome, vedi la copertina, e pensi, ma cos'è sta puttanata? Sarà sicuramente un giocaccio.
Basta provarlo una o due ore per capire che invece è un prodotto di discreta qualità, e pure con un concept davvero originale.

Nelle zampette di una tarantola e uno scorpione (a volte uno, a volte l'altro) dobbiamo esplorare i cunicoli pieni di insetti che si dipanano intorno ad un piccolo insediamento umano nelle zone aride americane. Si cacciano le prede, si combatte con gli altri predatori della nostra stazza, e si affrontano come boss serpenti e lucertoloni. Interessante vedere la prospettiva cambiare in continuazione: da buoni insetti quali siamo possiamo camminare su pareti e soffitti senza neanche sentire la differenza, e il concetto di "alto" e "basso" che governano in genere la nostra vita umana vanno presto a scomparire.

I nostri schifosi eroi hanno una bella schiera di mosse e combo, unita a tutta una serie di "finisher" composti da quick time event per strapazzare i nostri avversari. I bossoni invece sono inammazzabili (un ragno che uccide un serpente? sarebbe assurdo), ma schivando e attaccando i punti giusti diamo vita a eventi interattivi che vanno a loro scapito, e che alla fine ci permetteranno di fuggire. In generale i combattimenti non sono mai tediosi, ma anche divertenti.

Che trama può avere un gioco del genere? La trama, come si vede già dall'intro, si basa sull'insediamento umano dentro il quale zampettiamo. Spesso attraverso le fessure riusciamo ad ascoltare i discorsi di quelli che lo abitano, e c'è tutta una storia di soldi e gente pericolosa che non so ancora come si andrà a evolvere.

In poche parole, è uno di quei prodotti che, non avendo un appeal universale e non essendo simile a nessun titolo conosciuto, è sempre stato destinato ad una vita di oblio, sin dalla nascita. E sfortunatamente, perché è davvero un'esperienza da provare.

Non ci sono interventi da mostrare.