Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Cover Dishonored: Death of the Outsider

Sviluppato da Arkane Studios e prodotto da Bethesda Softworks, Dishonored: Death of the Outsider è un gioco d'azione e avventura uscito il 12 giugno 2017 per Xbox One.

·

Vestite i panni di Billie Lurk, un tempo uno dei sicari più famigerati di Dunwall. Riunitevi al vostro vecchio mentore, il leggendario assassino Daud, per portare a termine il più grande omicidio mai concepito: uccidere l'Esterno, una figura divina che Daud ritiene responsabile dei momenti più bui dell'impero. Avventuratevi negli angoli peggiori di Karnaca per svelare il mistero dell'Esterno e delle sue origini. Affrontate avversari letali, antichi poteri e difficili decisioni che cambieranno per sempre il mondo che vi circonda.

Dishonored: La morte dell'Esterno è un gioco d'azione in soggettiva presenta tutti gli elementi caratteristici della serie, tra cui un sistema di combattimento brutale, un'impostazione dei livelli unica e una storia coinvolgente che cambia a seconda delle vostre scelte. Personaggi intriganti e azione frenetica caratterizzano La morte dell'Esterno, il punto di partenza ideale per chi si avvicina alla serie, ma anche un'importante espansione delle dinamiche e del mondo di gioco che i fan di lunga data hanno imparato ad amare.

8.3

Recensioni

2 utenti

Everyeye.it · RSS

Dishonored La Morte dell'Esterno: Video Recensione del nuovo gioco di Bethesda e Arkane Studios

Un altro centro per Arkane Studio. La Morte dell'Esterno è un'avventura autonoma e piacevole: dalle splendide Key Art al gameplay capace di valorizzare colpo d'occhio, arguzia e inventiva, tutto è al .. · Leggi tutto l'articolo

nuggets619
Cover Dishonored: Death of the Outsider per Xbox One

The dark side of the saga

La mia recensione completa: http://www.coplanet.it/all-review-list/r ..

Non so se finirò mai di elogiare Bethesda per quello che sta facendo negli ultimi anni per le avventure single player, anzi, spero proprio che non me lo permettano, perchè non è solo numericamente che il publisher statunitense mostra i muscoli, ma è nella caratterizzazione di ogni videogioco che riesce sempre a colpire nel segno. Wolfenstein, Fallout, The Elder Scrolls, The Evil Within, Doom, Dishonored e infine Prey, tutti, ma davvero tutti, in grado di diversificarsi in qualche modo, di avere una personalità propria. Una personalità che i team di sviluppo riescono anche a capovolgere, vedi Wolfenstein: The Old Blood, così familiare e allo stesso tempo così fresco, oppure ad approfondire, vedi Dishonored: La morte dell’Esterno. Entrambe espansioni, sì, espansioni, non semplici DLC camuffati tali. Perchè anche in questo caso Bethesda è tra le prime della classe, e non è facile non cadere nel riciclo di ciò che hanno già espresso i videogiochi da cui queste espansioni vengono tratte. La morte dell’Esterno è un vero e proprio Dishonored in miniatura (neanche tanto), un’espansione stand alone che parte promette di indagare ancora più a fondo nel malato mondo creato dagli Arkane Studios.

Chiariamo, non stiamo parlando di una storia scoppiettante, La morte dell’Esterno è un’operazione di approfondimento, un tassello del puzzle che mancava alla saga di Dishonored e che gli Arkane Studios sono riusciti ad incastonare alla perfezione, con un lavoro incredibile di scrittura e caratterizzazione. L’impressione è che, sempre tenendo a mente che stiamo parlando di un’espansione, si siano raggiunti nuovi standard per i dettagli narrativi che il team ha sapientemente seminato durante questa avventura extra. Al di là della storia raccontata dalle classiche cut scenes, sono le pillole di trama, i documenti e i dialoghi degli NPC ad essere tutt’altro che standard per un lavoro di queste dimensioni. Logico che poi possa sorgere l’inevitabile dubbio: ma allora ha davvero senso che La morte dell’Esterno sia stand alone? Si e no. Onestamente viene difficile consigliarla a chi non ha familiarità con la saga, perchè pur potendo essere un ottimo punto di inizio per conoscerla grazie a meccaniche più snelle rispetto ai capitoli principali, la trama è nettamente più godibile e soprattutto interessante per i giocatori già avviati. Le vicende di Billie Lurk, la protagonista, faranno luce sull’Esterno e sul Vuoto, sul ruolo che hanno avuto in passato e sul mondo attuale, ed è quindi qualcosa di molto più comprensibile per chi ha giocato i due capitoli principali...

8

Voto assegnato da nuggets619
Media utenti: 8.3 · Recensioni della critica: 8.1

Non ci sono interventi da mostrare.