Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Sviluppato da 343 Industries e prodotto da Microsoft, Halo 5: Guardians è uno sparatutto in 1a persona uscito il 27 ottobre 2015 per Xbox One · Pegi 16+

8.8

Recensioni

22 utenti

Recensioni

8.8

Media dei voti
22 recensioni degli utenti

roskio

roskio ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Personalmente il capitolo mi è piaciuto.
L'introduzione della nuova storia mi è davvero piaciuta e anche tutto quello che riguarda il multiplayer è semplicemente enorme.

Dennis The Wolf

Dennis The Wolf ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Non so come giudicarlo, seriamente.
Se devo giudicare il gioco senza che ci sia la scritta Halo, basandomi su gameplay, gunplay, colonna sonora e multigiocatore, gli do un 10 senza pensarci due secondi e lo reputerei il miglior FPS per console come esclusiva, specialmente per il multigiocatore, i dettagli grafici e il level desing.
Se devo considerarlo come un gioco che fa parte della serie Halo, gli dare un 5, e mi dispiace tanto perché Halo é un gioco che amo, che non ho mai dato meno di 9 poiché lo reputo perfetto.
Giá Halo 4 é stata una bastonata, ma c'era la cosa di cortana alla fine che mi ha emozionato e mi aspettavo da Halo 5 vedere come se la buttava Master Chief dopo ció ch'é accaduto, se si era isolato o ribellato che cazzo ne so..
Invece mi ritrovo che escono 4 scemi dal nulla alla caccia di Master Chief per boh, cosi alla random che non c'entra un cazzo con il capitolo precedente, mi ritrovo che uso Chief 3 volte in croce e Cortana che dal nulla esce e fa la stronza di turno.
E il finale ALLA CAZZO cosi.

Mi ha fatto male, tanto.
Pero il multigiocatore é una madonna, seriamente.

7

Voto assegnato da Dennis The Wolf
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 8.9

CGcarmineCG

CGcarmineCG ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Capitolo intermedio della nuova trilogia, halo 5 riesce a svolgere il compito di transizione da halo 4 al finale della trilogia dei precursori, anche se la campagna marketing lasciava presupporre tutt' altra storia, che avrei preferito.
Tecnicamente quasi ineccepibile, grafica molto buona, con qualche piccola sbavatura ogni tanto, con textures di bassa qualità. Non un calo di frame, ambientazioni molto belle e molti nemici a schermo, oltre che ai 3 compagni, che si tratti del team blue o del team osiris. Si, perché a differenza di halo 2, dove si era già vista una campagna con doppio protagonista, qui avremo anche degli spartan di supporto, ai quali potremo dare ordini, del tipo attacca x, posizionati li, aiuta y. Cosa molto ben riuscita, anche se c'è da segnalare un problema di bilanciamento, perché si, a difficoltà facile/normale/eroica l' aiuto degli spartan semplifica troppo le cose, a leggendario sono sempre morti e ti lasciano da solo, complicando oltre modo le cose, impedendo al giocatore di sfruttare il buon level design.
Campagna che è composta da 15 missioni, ma il numero maggiore delle missioni non vuol dire longevità maggiore, perché alcune missioni consistono solo nel parlare a due soggetti e poi si passa alla prossima. In quanto a longevità infatti ci assestiamo sulle 5/6 ore a difficoltà normale, che naturalmente salgono ad eroico e leggendario.
Una delle cose che più mi aveva fatto prendere bene del gioco, era il guardiano eterno, molto figo come boss, ma con l' andare del gioco, battilo una volta, battilo due volte, battilo tre volte....... infine battine 3 insieme. Eh cavolo basta.
Come precedentemente citato, il level design è ottimo, e permette di agire in diversi modi, andando incontro a tutti i tipi di giocatori. Gameplay che ha visto l' introduzione di un mini jetpack che ci permetterà di effettuare brevi scatti (anche in aria), per schivare attacchi o raggiungere sporgenze. Peccato abbiano tolto gli accessori prometici presenti nel 4 per esempio quello che creava l' ologramma del personaggio, o quello che creava un' unità di supporto ecc... In quanto al gunplay, direi che è rimasto quasi invariato, forse un pochino peggio, personalmente ho trovato un po' meno feedback con tutte le armi ed un pò meno di pesantezza nei colpi, il che è strano, dato il nuovo controller, con le vibrazioni anche nei grilletti che dovrebbero restituire in minimo di sensazione.
Presenti anche dei collezionabili, che andranno ad integrare la storia con svariate informazioni.
Doppiaggio in italiano mediamente buono, con cali di qualità davvero infimi, soprattutto per quanto riguarda un certo personaggio che si sentiva davvero male anche in Halo 4.
Dispiace che non abbiano diversificato un po' il gameplay tra Chief e Locke, dato il passato di quest' ultimo, si poteva osare un pochettino, ma tutto sommato è un dettaglio.
Finale aperto praticamente a 1.000 ipotesi, anche se il finale extra a leggendario mostra 5 secondi dopo i titoli di coda, che potrebbero già far venire in mente qualche idea.
E' come minimo consigliato aver giocato tutti i precedenti halo per capire al meglio il tutto, tra personaggi che fanno di nuovo la loro comparsa e citazioni varie.

Qualche parola anche sul multiplayer. Modalità warzone davvero interessante, grandi mappe con un mix tra utenti ed IA abbastanza riuscito, anche se personalmente avrei preferito qualche attacco IA in più, per rendere tutta la mappa sempre abbastanza pericolosa e vivace.

Per riassumere una breve lista di pro e contro

PRO:
Tecnicamente il miglior gioco su one...
Trama molto buona...
Ottimo level design
Guardiano eterno...
Nuove meccaniche di gameplay
Migliori paesaggi della saga, su tutti Sanghelios e Genesys
Collezionabili utili
Doppiaggio completamente in italiano...
La nuova modalità multiplayer warzone

CONTRO:
… nonostante qualche piccola sbavatura
… ma che non corrisponde a quanto volevano far credere
… guardiano eterno
... con qualche calo per alcuni personaggi
Niente più accessori prometici
Niente co-op split screen
IA dei compagni di squadra
Manca un po' di feedback delle armi

Per concludere, sicuramente un buon capitolo della saga, ma che non si avvicina minimamente ad Halo 2, Reach e 3, anche se è un buon passo avanti per 343i dopo Halo 4.

Voto 8.0

8

Voto assegnato da CGcarmineCG
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 8.9

Flavio Rausa

Flavio Rausa ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Non nascondo di essere un grande fan di Halo. Nella mia recensione di Halo: the master chief collection (http://www.ludomedia.it/Flavio-Rausa-20213?v=2296008) ho sorvolato sui problemi tecnici per dare un giudizio che secondo me appropriato per una saga che ritengo semplicemente sterminata. E' quindi naturale aver provato estrema gioia e tanto entusiasmo nel giocare ad Halo 5. Questo capitolo è il primo next gen ma il mio consiglio personale è quello di non giocarci assolutamente senza aver fatto quelli precedenti, altrimenti si perde davvero tantissimo: i riferimenti e gli elementi fan service sono davvero parecchi ed estremamente ben fatti. Gran parte dell'atmosfera della campagna è di fatto composta da ritorni di vecchie conoscenze e ed evoluzioni davvero inaspettate che portano ad un finale che lascia intendere il fatto che gli eventi del futuro halo 6 saranno importanti.
Il gameplay è ormai perfetto: per la prima volta possiamo dare ordini ai compagni di squadra e sono state apportate tutta una serie di piccoli miglioramenti che rendono la campagna la migliore esperienza in singolo della saga o comunque almeno ai livelli di Halo 2 (considerato da molti il migliore da questo punto di vista).
Il multiplayer mischia l'esperienza online tradizionale con l' IA che conosciamo in singolo, creando divertimento costante e continua voglia di andare avanti, grazie al nuovo sistema delle "requisizioni", molto simile a quello che abbiamo visto in Titanfall. Delle carte che guadagneremo giocando saranno infatti spendibili per ottenere armi e veicoli extra da utilizzare in Warzone, nuova modalità che forse è anche la parte più riuscita di Halo 5: unendo l'arena e la vecchia modalità sparatoria, ogni squadra dovrà accumulare più punti possibile non solo uccidendosi tra di loro ma anche conquistando basi e uccidendo i nemici dell' IA presenti nella vasta mappa. Quest'ultimi formano infatti delle sotto-quest che danno ricompense e punti.
Vedendo il pacchetto complessivo la sensazione che ho avuto è sempre stato quello di avere l'halo che senz'altro è il più completo ma forse anche il più bello di tutta la saga. A parte un IA amica che fa fatica a gestire le situazioni complesse, lanciando attacchi suicidi di massa solo nel tentativo di curare un compagno di squadra, il titolo è eccellente sotto tutti i punti di vista. Halo è tornato.

PRO
-Warzone è la più grande novità nella storia del multiplayer della saga.
-Le requisizioni.
-Campagna longeva e piena di nuovi spunti interessanti.
-Easter eggs, easter eggs ovunque.
-1080p e 60 frame perfetti.
-Supporto costante grazie alle playlist settimanali e map pack gratuiti.
-Ottimo doppiaggio, con voci coerenti anche rispetto ai precedenti capitoli.

CONTRO
-IA dei compagni non perfetta.

NOTA BENE: il modellino nella limited edition necessita di capacità pari ad un ingegnerie nucleare o superiori per essere montato.

9.8

Voto assegnato da Flavio Rausa
Media utenti: 8.8 · Recensioni della critica: 8.9

FedeChief

FedeChief ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Dopo qualche anno di attesa dal suo annuncio ci troviamo davanti al secondo capitolo interamente sviluppato da 343 Industries e anche capitolo centrale della nuova trilogia.

Halo 5 ha avuto una pesante campagna marketing che spingeva sulla rivalità delle due squadre di Spartan di cui avremo intrapreso le gesta durante la storia, rivalità che durante il racconto reale della campagna è sentita, ma fino ad un certo punto.
Tutto gira intorno ad un concetto differente e le vicende tra gli Spartan passano in secondo piano, la minaccia reale è un'altra.
I nuovi Spartan non sono caratterizzati al meglio, però la maggior parte ha una funzione all'interno del gioco ed anche se sono stati incontrati già in altri media le vicende connesse alla storia verranno spiegate durante la campagna.
Per quanto il singolo non sia lunghissimo, sulle 6 ore circa, la narrazione di alcune vicende è veramente ottima e lascia anche spazio a situazioni visive più che gradevoli.
Sicuramente non è l'Halo più ricco di eventi, ma gioca la sua parte, anche se il finale aperto, molto simile a come successe in Halo 2, lascia diverse domande la cui risposta la troveremo nel prossimo capitolo.
Il level design è uno dei migliori dell'intera serie, ogni livello ha diversi luoghi nascosti raggiungibili con le abilità spartan per trovare passaggi secondari o luoghi con collezionabili e armi speciali.
Finalmente si è deciso di dare un senso pratico anche alle armi dei prometeici, con funzioni diverse rispetto alle controparti umane/covenant, stessa cosa per i nemici che avranno anche loro nuovi modi per essere abbattuti.
Ci saranno anche diverse sezioni a bordo di veicoli, non sempre forzate, ma mi sarebbe piaciuto se fossero state spinte un po' di più.
La varietà delle ambientazioni è notevole, grazie anche al fatto che il gioco si svolgerà spesso in luoghi differenti, molto suggestivi.
Infatti per quanto il comparto grafico nel dettaglio non sia uno dei migliori, l'impatto generale è sempre ottimo aiutato dall'ottima cura e design riposti.

La colonna sonora è sui livelli del capitolo precedente, azzeccata, ma si sente ancora un po' la mancanza di O'Donnell e di quel “clima” che davano le sue colonne sonore nei vecchi capitoli.

Il multigiocatore si distacca da quello che 343 aveva imposto precedentemente e ritorna a dare le sensazioni classiche, ma tutto svecchiato con un aumento della velocità in gioco.
La corsa dello Spartan e il pacchetto propulsori sempre presente danno una dinamicità alle situazioni ottima e mentre lo si gioca viene da chiedersi come mai non l'avessero fatto prima.
Anche i colpi speciali come la carica Spartan (una sorta di evoluzione dell'assassinio più rapida, ma più rischiosa) e il colpo aereo, danno nuovi modi di approccio, anche se online saranno usati solo in situazioni particolari.
Il problema maggiore, ma rattoppabile e ci sono già i segni che qualcosa si sta muovendo, sono le poche modalità di base e un numero di mappe contenuto.
Fino a Giugno 2016 il gioco continuerà ad avere aggiornamenti con l'aggiunta di modalità e mappe e già dopo poco il lancio abbiamo la prova che sarà così.

Oltre al multiplayer online classico siamo abituati da diversi anni a trovare anche una seconda modalità separata multigiocatore, che in passato si è manifestata come “Sparatoria” e poi come “Spartan Ops”, quest'anno è il turno di Warzone.
Warzone si differenzia per molte cose rispetto ad una classica partita multiplayer, dalle tipologie di nemici, agli obiettivi, al punteggio.
Le mappe saranno più grandi del solito e avranno (oltre gli spawn iniziali) 3 basi da conquistare, conquistarle significa avere punti migliori di rinascita, stazioni per le armi e per i veicoli più vicine.
Una volta conquistate tutte e 3 le postazioni si potrà sfondare lo spawn nemico, una volta fatto basterà distruggere il nucleo centrale per portare a termine la partita.
Questo è il primo modo di vittoria, il secondo e quello solitamente più gettonato funziona a punteggio, una volta raggiunti i 1000 punti la squadra ha vinto.
Un uccisione spartan giocatore darà pochissimi punti, quindi per vincere nella mappa spawneranno nemici della cpu, ognuno con barra della vita differente e la loro eliminazione comporterà il guadagno di punti per la squadra.
Le partite spesso sono longeve e all'inizio si tende a fare confusione, ma in compagnia diventano molto divertenti.

Una novità sono i punti REQ che avranno due funzioni: la prima da unlock classico, una volta raggiunti i punti necessari si potrà aprire un pacchetto di varia natura e trovare pezzi di armatura e skin arma.
L'altra funzione invece è relativa solo al Warzone, si sbloccheranno armi speciali e veicoli utilizzabili in partita solo se si avrà a disposizione la carta necessaria.
Unico punto debole è che alcuni pacchetti potranno essere acquistati anche con denaro reale e non solo punti multiplayer, ma rimangono sempre e comunque ornamenti.

La modalità fucina non è ancora presente, per questo il voto dopo il suo rilascio potrà cambiare, non mi posso sbilanciare, ma sembra che i miglioramenti ci saranno e saranno anche palpabili.

Per concludere: il gioco zoppica ancora su difetti ereditari, ma introduce anche novità interessanti di cui si sentiva il bisogno.
Multiplayer ottimo, con contenuti in continuo aggiornamento.

CurceN7

CurceN7 ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Ecco qui la mia opinione su Halo 5: Guardians! ^^

Parto subito nel dire cosa NON mi è piaciuto:
Tutta l'intera campagna pubblicitaria di Halo 5 girava attorno al presunto tradimento di Master Chief. E la cosa mi aveva hyppato davvero tanto, passando da semplice simpatizzante della serie a "Non vedo l'ora che esca!" perché appunto la trama sembrava evolversi e diventare molto più accattivante della solita guerra "umani-alieni" (per i miei gusti, ovviamente).
Purtroppo però la questione del tradimento non viene sfruttata a dovere: personalmente mi aspettavo un confronto (tra Chief e Locke) più combattuto, più "all'ultimo Spartan" proprio come sembrava in TUTTI i trailer usciti. Ogni volta pensavo e formulavo ipotesi su cosa avesse combinato Chief di così tanto grave da essere ritenuto un traditore... ma ....
...evito di proseguire per non spoilerare, chi ci giocherà capirà cosa intendo.

Comunque non preoccupatevi, escludendo questa mia critica, la campagna è stata molto gradevole! ^^
Con il finale di Halo 5, il prossimo capitolo (conclusivo della seconda trilogia), si prospetta interessantissimo!
Non sono un purista della serie, di conseguenza ho apprezzato molto la novità di collaborare con una propria squadra di Spartan e di non essere più un lupo solitario. Se poi consideriamo che le zone dove avvengono i combattimenti sono decisamente più spaziose e i nemici sono molto più numerosi rispetto ai precedenti Halo, la difficoltà non è così sbilanciata.

A difficoltà normale, senza trovare tutti gli indizi nascosti nelle missioni, ho completato la storia in 7 ore e 38 minuti.

Tecnicamente è molto valido, soprattutto il sonoro. Certi brani della soundtrack sono davvero belli (ed è un elemento che prendo in considerazione sempre di più). Mentre per il comparto grafico c'è da dire che soffre di qualche difettuccio, ma del tutto trascurabile. Non godendo di una grafica "spacca mascella", Halo 5 ti garantisce un'ottima fluidità nel gameplay con 60 fps fissi.

Il multuplayer lo ritengo perfetto ed è diviso in due categorie:
- Arena, contiene le più famose modalità degli scorsi Halo (ne mancano alcune come Infezione/Flood/Zombie, ma verranno aggiunte in futuro), sono classificate e più competitive rispetto alla seconda categoria.
- Warzone, novità di Halo 5, è la modalità in cui sono presenti due squadre di Spartan che, insieme a bot alleati e nemici, devono contendersi 3 basi situate nella mappa di gioco. Una volta controllate tutte e tre le basi, è possibile attaccare il quartier generale avversario. In questa modalità è possibile utilizzare le ricompense guadagnate dai REQ Pack (comprabili con i crediti del gioco). In questi pacchetti è possibile trovare potenziamenti di varia natura, armi speciali, veicoli ed altro equipaggiamento per personalizzare il proprio Spartan.

Credo di aver scritto tutto quello che volevo.
Anche se ho un po' di amaro in bocca per la questione del tradimento, mi ritengo soddisfatto e prevedo di passare molte ore sul multiplayer :D
(Anche se tra poco arriva Fallout 4, aiuto :( )

palkia34

palkia34 ha scritto una recensione su Halo 5: Guardians

Cover Halo 5: Guardians per Xbox One

Sono stato costretto a finirlo a pezzi da amici (ringrazio O'Connor che con la sua uscita mi ha fatto avere paura di scambiare la mia PS4 con Xbox one), ma cacchio se ne è valsa la pena!

Pro:
-Warden Eternal
-La next gen inizia adesso per gli FPS
-Il gameplay migliore che si possa desiderare da un Halo....
-...grazie al level design da urlo, migliore di quello di Reach, ...
-...ad un'IA e ad una quantità di nemici mai vista, ...
-...ad un livello difficoltà perverso quasi quanto Halo 2...
-...e ad una freneticità senza pari garantita dalle introduzioni banali ma gestite da Dio e dai 60fps
-Sonoro da Dio (i covenant parlano di nuovo e stavolta anche i jackal)
-Ambientazioni da Dio (ODDIO GENESIS E SANGHELIOS!)
-Online da Dio
-Lore e trama sono ormai un tutt'uno
-Rigiocabilità garantita
-Trama che ci prepara ad un finale che si prospetta epico...
-Dopo 11 anni di nuovo 2 personaggi...
-IA amica meno ritardata del solito...

Contro:
-...però rimane un capitolo di transizione e si vede chiaramente
-...ma il bilanciamento che c'era in Halo 2 è assente
-...ma ancora non potete affidargli la guida dei veicoli senza rischiare la vita
-I compromessi per i 1080p e 60fps e allo stesso potenziare il gameplay a volte si fanno evidenti, sebbene graficamente sia tutt'altro che Halo 4.5
-Artisticamente non ha l'impatto di Halo 4
-Doppiaggio Italiano di Warden RIVOLTANTE!

Non ci sono interventi da mostrare.