Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Akar condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Akar, aggiungilo agli amici adesso.

Akar

ha scritto una recensione su Kingdom Hearts III

Cover Kingdom Hearts III per PS4

Cos...?

Premessone: non ho giocato ai primi KH.
Ho giocato a questo solo per curiosità.

Dunque, non posso dirmi soddisfatto. Per niente.
In prinicipio per il fatto che ci sono una marea di scene prese dalla Disney, sembra più un film interattivo che un gioco serio.
Secondariamente abbiamo il fatto che i personaggi non crescono. Ne senso, non maturano. Inoltre, sembra che si dia per scontato che il giocatore abbia già giocato agli altri KH, ergo nessuna spiegazione sulla storia o altro. Quindi, slegato dal resto della saga, il giocatore viene arricchito di nozioni che non gli dicono nulla. NULLA!
La parte peggiore però é un altra.
Porca di quella miseria, ma veramente volete farmi credere che questo film (perché non lo posso considerare un videogioco vista la pantagruelica quantità di filmati, cutscene, spezzoni di film e altro) sia il giocone che tutti quanti i fan aspettavano?
Cioé, io capisco cosa voglia dire essere fan, appassionarsi di qualcosa e bramare intensamente che quel qualcosa cresca e ci accompagni nella nostra crescita (oltre al divenire nostalgici quando ciò non avviene), ma, se a vent'anni suonati questa cosa vi esalta, allora mi sa che siete pesantemente infantili dentro.
Ma non é questo il punto: ho letto di recensioni bellissime, roba che descriveva questo gioco come fosse il titolo del secolo. Un KH III da giocare assolutissimamente. Roba fenomenale.

Fenomenale, sì. Ma nel darmi solo altri motivi per sostenere quanto ho già detto. Non é un gioco, é un film interattivo. Punto e basta.
Io ammetto che magari mi mancano i primi capitoli, lo riconosco. Ma se devo giudicare questo singolo gioco in base alla mia esperienza, il mio parere resta questo.
Le uniche cose per cui questo gioco spicca sono la grafica ed eventualmente certe colonne sonore ma é troppo poco, gente.

Ora potete seppellirmi, se vi va.

Akar

Più che una festa per gli innamorati (che festeggiano la loro unione ogni santo giorno, a ben guardare) ne servirebbe una di altro tipo. Una per i rifiutati, per i disadattati. Per quelli che per quanto cerchino di elemosinare un sorriso, vengono sempre schifati e snobbati.

Akar

Gente, Il corriere, film recentemente uscito con Clint Eastwood merita?

Non ci sono interventi da mostrare.