Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Altar condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Altar, aggiungilo agli amici adesso.

Altar

ha scritto una recensione su The Last Story

Cover The Last Story per Wii

Dal Quadrato alla Nebbia

Si sa: dalla mente di Hironobu Sakaguchi sono stati partoriti personaggi ed universi che hanno fatto sognare milioni di giocatori, e anche questa volta il maestro firmatario di Final Fantasy non manca il colpo, seppur con tutt'altro team alle spalle.

The Last Story è un action game fantasy di tutto rispetto, sapientemente mascherato da Rpg e con delle caratteristiche strategiche di tutto rispetto; insomma: un bel calderone di idee, coese in maniera tale che viene difficile collocarlo sotto un genere ben definito.
Tecnicamente si rivela essere uno dei picchi più alti toccati dal Wii di Nintendo, con una grafica dettagliata e pulita, un buon sonoro d'atmosfera (Nobuo Uematsu..... scusate se è poco) ed un battle system frenetico, ma molto più profondo e impegnativo di quanto non possa sembrare a prima vista, che incalza tra battaglie al fulmicotone in cui dovremo ponderare bene il nostro comportamento e i metodi di attacco del nostro protagonista, Zael, e del nostro gruppo di alleati. Altrimenti inciampare nella classica schermata "Game Over" non sarà troppo difficile.

Non mancano certo i difetti: il titolo fa molta leva proprio sulla trama e sui vari risvolti, alcuni capitoli saranno addirittura facoltativi (ma non meno importanti), il problema è che in diverse occasioni si avrà quella sensazione di "già visto" e di cliché, cosa che purtroppo stona con le firme che il gioco porta, se poi aggiungiamo che il lavoro compositivo di Uematsu è di ottima fattura ma non così memorabile come ci ha abituato in passato, e che il sistema di controllo andrà metabolizzato in tempi rapidi.... basterà tirare le somme per notare che probabilmente si poteva fare di più.

Personalmente consiglio di giocarlo spolpandolo fino al midollo, anche con il New Game Plus, dato che non dura troppo ed è molto coinvolgente.