Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Arcangelo Variele condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Arcangelo Variele, aggiungilo agli amici adesso.

Arcangelo Variele

ha scritto una recensione su The Messenger

Cover The Messenger per PC

Ninja Gaiden dopo Ninja Gaiden anche meglio di Ninja Gaiden

La prima impressione che si ha giocando a The Messenger, indie platform di Sabotage Studios è quella di un accorato e amorevole omaggio a Ninja Gaiden e ai platform degli anni '80.

Dal design del protagonista allo stile dei livelli e degli intermezzi a 8 bit tutto sembra richiamare l'immortale videogame targato Tecmo del 1988. Ma proseguendo nel gioco, si scoprirà che The Messenger è molto di più che una trentennale celebrazione della nota pietra miliare videoludica; è qualcosa che va molto, molto oltre.

La genialità del team di sviluppo traspare da alcune, precise e miratissime scelte di design che definiscono il gioco, facendogli attraversare il tempo ed i generi e trasformandolo in un'esperienza in cui le sorprese non mancano mai. Non accennerò ad alcuna di queste sorprese perché costituirebbero un intollerabile spoiler, ma basti dire che The Messenger è in grado di sorprendere l'ignaro videogiocatore che pensi di avere davanti un "semplice" platform lineare a scorrimento virtualmente fino alla fine.

A tutto questo bisogna aggiungere una colonna sonora doppiamente eccezionale, capace non solo di movimentare degnamente tutte le sezioni di gioco, ma di rimanere impressa nella mente del giocatore come un ineludibile solco sonoro, inducendo a riascoltare le tracce a ripetizione, come una droga. Una "trama" che non fa una piega e che si manifesta piena di rivelazioni e di colpi di scena. Ed uno stile ironico-parodistico che, oltre a "smontare" la seriosità con cui era narrata la vicenda nei "vecchi" Ninja Gaiden, lascia sempre il dubbio su cosa debba essere preso sul serio e cosa no.

Da ultimo, la longevità è assicurata ben oltre quello che una semplice "difficoltà dei livelli" o la ricerca di ben 45 collezionabili, nascosti e difficili da prendere, può garantire. Anche qui, provare per credere, non aggiungo altro.

Rivelazione dell'anno, una perla di design e realizzazione come poche se ne trovano al giorno d'oggi, nel panorama indie e non. Assolutamente da non perdere.

9.5

Voto assegnato da Arcangelo Variele
Media utenti: 8.5 · Recensioni della critica: 8.3