Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Su braska

"Sono il migliore in quello che faccio, ma quello che faccio non è bello." cit.

braska condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere braska, aggiungilo agli amici adesso.

braska

ha scritto una recensione su Tales of Xillia

Cover Tales of Xillia per PS3

Brve recensione:
Dopo aver giocato e finito quel capolavoro di Tales of Symphonia, e aver fatto passare un pò di tempo (troppi jrpg insieme possono causare "indigestione" asd ) ho iniziato questo Xillia che avevo già comprato diverso tempo fa avendolo trovato ad una buona offerta, stessa cosa per il suo seguito Xillia 2.
Non appena iniziato ho notato subito lo stile dei disegni pieno di dettagli il che ha risvegliato in me ricordi sopiti di JRPG lontani che difficilmente credevo di rivedere (qualcuno ha parlato della saga FF? Quella vecchia, non quelle robe moderne).
Allora andiamo per punti:
-PERSONAGGI E STORIA-
Allora qua c'è da fare un appunto. Come nei precedenti capitoli, il gioco presenta una moltitudine di subquest. Portandole a termine si scopriranno molti aspetti nascosti e interessanti che andranno ad ampliare le psicologie e le motivazioni dei nostri protagonisti ed aspetti più nascosti della trama. Quindi a priva vista i personaggi potrebbero sembrare "poveri" (almeno per quelli di "contorno"), ma poi approfondendone le storie vi ritroverete ad apprezzarne la profondità. La storia può essere portata a termine con i 2 protagonisti, Jude e Milla, la cui scelta verrà effettuata ad inizio gioco e ne ripercorrerà la trama secondo il punto di vista di ognuno. Milla prima, Jude poi, percorreranno un viaggio, il cui scopo sarà quello di eliminare una nuova arma che potrebbe mettere a rischio l'intera umanità. Scrivo poco perchè lascio a voi il gusto di continuare, ma vi assicuro che ci saranno colpi di scena e personaggi che difficilmente dimenticherete.
-LONGEVITA'-
Il gioco è enorme. Le mappe di gioco sono varie (deserti, foreste, paludi) ma sono leggermente ripetitive. Ciò comunque non influisce in modo consistente sull'esperienza di gioco. Le subquest, come già anticipato, sono davvero tante, si passa da semplici approfondimenti del mondo di gioco, a rivelazioni importanti sui pg, tutte comunque restituiscono oggetti collezionabili che faranno la gioia dei più treasure hunter!
-GIOCABILITA'-
Un action-rpg che non ha nulla da temere, combattimenti fluidi e divertenti, tecniche e arti spettacolari visivamente parlando, tante interessanti funzioni che arricchiranno notevolmente l'esperienza di gioco. I combattimenti che si affrontaranno saranno gestiti come sempre in automatico, lasciando al giocatore solo il controllo di un personaggio a scelta, stavolta intercambiabile in tempo reale. Ovviamente tutto ciò è customizzabile a piacimento, impostando strategie e tecniche completamente in modo accurato e preciso.
-PARTE TECNICA-
Qui c'è una nota dolente. Durante i combattimenti spesso si notavano dei cali di framerate, soprattutto quando i nemici su schermo sono tanti, e questo purtroppo rovina l'esperienza di gioco :( . Graficamente parlando, qualcuno potrebbe considerarlo LEGGERMENTE datato, ma personalmente non ho trovato difetti, le animazioni stile manga le ho apprezzate davvero molto sisi . Le città sono molto carine, ben caratterizzate e piene di particolari, NPC con cui interagire ma leggermente piccole. Il livello di sfida non è molto elevato, mi risulta semplice rispetto ad un Symphonia, ma il mio potrebbe essere un giudizio affrettato in quanto sono un tipo che grinda sempre tanto asd .

Non credo che ci sia rimasto molto altro da dire in quanto preferisco che scopriate voi da soli le bellezze che questo gioco ha da offrire. Come commento ultimo posso dire solo una cosa: credevo che dopo Final Fantasy X non avrei più potuto mettere mani ad un JRPG d'altri tempi, e questo mi rammaricava molto essendo amante del genere. Bè mi sbagliavo :)

braska

ha scritto una recensione su Resident Evil 0

Cover Resident Evil 0 per GameCube

"Devi poter sopravvivere per raccontare quest'incubo"

Dopo 6 anni dall'uscita del primo glorioso capitolo, nel 2002 vide la luce Resident Evil 0, uno stupendo prequel che segue le vicende della Bravo Team, la squadra che in Resident Evil 1 andremo a cercare alla Villa Spencer.
Ciò che rende questo capitolo speciale (oltre che lo sbarco su una console Nintendo, e per di più in esclusiva) è l'innovativo sistema di controllo a 2 personaggi, switchabili in qualsiasi momento e a volte necessari per risolvere alcuni enigmi. La storia è affascinante, soprattutto per chi è appassionato della saga, rivedere vecchi volti e capire alcuni risvolti nascosti vi farà apprezzare meglio la trama anche dei capitoli successivi. Il sistema di controllo è ottimo, anche se attualmente i 13 anni passati si sentono in quanto si nota una leggera lentezza dei movimenti. Ci sono novità molto interessanti come la possibilità di scambiarsi oggetti con il partner tramite l'apposito menù o di lasciarli a terra (ritrovandoli comunque negli stessi posti dove sono stati lasciati) per recuperarli in un secondo momento. Nonostante ci siano molti nodi nella trama che vengono dipanati con il proseguimento del gioco, non ho notato approfondimenti particolari sui personaggi, ad eccezione di Billy (uno dei due pg controllabili) e personaggi che non sto a dire per evitare spoiler. Nota di merito va agli scenari, bellissimi tutt'oggi e eccezionali per l'epoca, tutti interamente in 3D e rifiniti in ogni minimo dettaglio, si va da un treno in movimento, ad una villa decisamente tenebrosa fino a fabbriche abbandonate, il tutte accompagnate da un'atmosfera in degrado e molto evocativa. Infatti ciò che rende questo gioco degno di portare il proprio nome è proprio l'atmosfera che dopo 13 anni ancora si impone, quel senso di paura che accompagna il giocatore durante l'apertura di ogni porta, e l'esplorazione e l'interazione con gli scenari circostanti. Atmosfera data anche dalle musiche, che come consuetudine della serie, giocano un ruolo fondamentale. Giocare con questo senso di tensione costante è quello che dovrebbe lasciare ogni survival horror degno di essere chiamato tale, ma purtroppo capitoli simili non ne vedremo più, non ci resta che recuperare vecchie perle e rigiocarle ancora e ancora, perchè è ciò che meritano.
Se avete un GameCube e non l'avete ancora giocato siete delle brutte persone.

PRO:
- Scenari eccezionali, molto differenti fra loro e tutti stupendi, allora ed oggi.
- Sistema di controllo a 2 personaggi che apre possibilità interessanti sia a livello di trama che di gameplay.
- Musiche, come sempre nella serie, molto evocative.
- Longevità considerevole, alcuni enigmi prendono un pò di tempo per comprenderli a fondo.

CONTRO:
- Poca caratterizzazione dei personaggi, a parte alcune eccezioni
- Leggera lentezza nei movimenti anche se trascurabile.
- Boss non memorabili.

9

Voto assegnato da braska
Media utenti: 8.6

braska

ha scritto una recensione su Diablo III

Cover Diablo III per PS3

Un ottimo rpg che regala ore di sano divertimento. La varietà di equipaggiamento lo rende interessante in quanto c'è sempre da migliorare, anche se avrebbero potuto caratterizzare meglio l'aspetto del giocatore, le armature/armi si somigliano quasi tutte. Il design dei nemici e dei boss è degno di nota, cosa che però non si può dire delle mappe, spesso ripetitive e poco varie. Il meglio però lo da nel multiplayer sia online che in locale fino a 4 giocatori; ho giocato in 3 per tutta la storia e mi ritrovavo a litigare con i miei amici per chi dovesse utilizzare una certa armatura o arma asd

braska

ha scritto una recensione su Batman: Arkham Asylum

Cover Batman: Arkham Asylum per PS3

E' stato il gioco che mi ha tirato fuori da un periodo di "blocco del giocatore" ed è tutto un dire. L'ho divorato in roba tipo una settimana! Uno degli action più riusciti di questa generazione, un must per chi ha un debole per il supereroe della DC, un titolo valido e consigliatissimo per tutti gli altri. Merita sisi

Non ci sono interventi da mostrare.