Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

ChrisMuccio condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere ChrisMuccio, aggiungilo agli amici adesso.

ChrisMuccio
Cover Resident Evil: Deadly Silence per DS

L'idea di convertire il primo Resident Evil su un sistema portatile aveva colpito Capcom già nel 1999: all'epoca si tentò l'incredibile impresa di realizzare una versione dello storico Survival Horror per Game Boy Color, ma il progetto venne infine accantonato a causa delle limitazioni hardware della console Nintendo, troppo limitate per un titolo della portata di Resident Evil.
Bisognerà attendere l'inizio del 2006 per vedere concretizzata questa idea, quando il colosso nipponico rilascia Resident Evil: Deadly Silence su Nintendo DS.
Deadly Silence è una fedele conversione del capostipite su DS, dal quale riprende integralmente i contenuti, le meccaniche e la veste grafica (con i filmati in FMV compressi per girare al meglio sul sistema). La colonna sonora, anch'essa ripresa dal titolo originale, risulta lievemente riadattata per andare incontro alle capacità tecniche della console.
Il titolo è lo stesso Resident Evil già conosciuto ed amato nel 1996, che nella sua modalità Classica ripropone la stessa, identica avventura senza nessuna modifica, tolta la possibilità di saltare gli intermezzi delle porte che si aprono. Più interessante è la modalità Rebirth, che offre sempre la stessa avventura, ma aggiungendo nuove meccaniche volte a sfruttare le caratteristiche del touch screen del DS: largo dunque a nuovi enigmi pensati per essere risolti attraverso il pennino, così come scontri in prima persona dove dovremo utilizzare il nostro coltello, controllabile sempre con il pennino, per respingere l'assalto delle mostruosità che infestano Villa Spencer.
Peccato però che gli unici elementi originali di questa conversione siano anche i meno riusciti: rompicapi banali e scontri in fondo ripetitivi e facili da superare fanno quasi propendere a giocare l'avventura in maniera classica, senza nessun rimpianto.
Altra novità è rappresentato da un Multiplayer, sia cooperativo che competitivo fino a 4 giocatori, che tuttavia perde velocemente attrattiva dopo poche partite.
Insomma, siamo sempre davanti al grandissimo Classico amato su PlayStation, e l'idea di poterlo giocare in miniatura ha il suo indubbio fascino. Tuttavia, questa edizione non aggiunge nulla a quanto già visto in passato, e le poche novità non sono ben implementate. Per chi non ha mai avuto modo di giocare il titolo originale, comunque, Deadly Silence resta ugualmente una scelta caldamente consigliata.

LA RECENSIONE COMPLETA QUI: https://rysegames.forumfree.it/?t=735349 …

7.5

Voto assegnato da ChrisMuccio
Media utenti: 8.6 · Recensioni della critica: 7.5