Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Il videogioco deve piacere di più al giocatore o allo sviluppatore?

Ovviamente qui si parla di Indie.
Vorrei aprire un dibattito sull'argomento per vedere come si pensa su questo sito

Devi accedere per votare.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Sono sempre dell'idea che il videogioco sia come un'opera d'arte, un'opera letteraria, una creazione nella quale lo sviluppatore vuole inserire il suo genio, le sue idee, la sua storia, infine raccontarla agli altri.
Quindi la mia risposta sarebbe: in primis a chi sviluppa, che deve essere fiero della sua creazione, e poi al giocatore, che si gode il tutto.
Ovviamente la mia è una visione molto positiva della cosa, quindi non rappresenta proprio la realtà.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Al giocatore, altrimenti le vendite del gioco sarebbero piuttosto misere, quindi anche il guadagno non sarebbe abbastanza sufficiente per avere un ritorno economico. Un'ottima chiave vincente per lo sviluppatore è di mettersi nei panni del giocatore medio e giocare alla propria creazione per capire se può andare bene.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Dipende dallo sviluppatore e i suoi obiettivi, è una domanda che ha troppe casistiche. Se uno sviluppatore vuol vivere del suo operato, deve fare un gioco che piaccia innanzitutto agli altri. Deve comunque fare un gioco in cui crede, o rischia di trovarsi con un lavoro fotocopia, fatto solo per seguire il trend - e un modello del genere funziona solo una volta su mille, guardasi i mille cloni fallimentari di Minecraft in giro per gli store. Se invece lo sviluppatore ha intenzione di raccontare qualcosa, deve fare un gioco che piaccia prima a lui.

Dipende dallo sviluppatore: vuole fare della merce, o fare artigianato?

 

@Cricchio secondo me non c'è una risposta corretta, come ho detto dipende da quello che vuole fare lo sviluppatore. Se io sviluppassi un gioco, nell'alcova della mia cameretta, probabilmente vorrei un gioco che prima piace a me. Innanzitutto perché sarebbe un progetto amatoriale, in secondo luogo perché non darei in mano ad altri qualcosa che non piaccia a me innanzitutto. Ma io non ci devo vivere; se lo facessi per lavoro probabilmente sarei più morbido con i miei criteri di valutazione, e cercherei di fare un gioco che ok, mi piaccia, ma che sia appetibile ad un pubblico vasto, altrimenti la pagnotta a casa non la porto.

Il videogioco deve piacere di più al giocatore o allo sviluppatore?