Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Intolleranza videoludica

Non so se anche per voi è così.. Ma ultimamente giocando gli ultimi titoli di saghe che ho amato (per esempio mgs v, o meno blasonate come south park scontri di retti), li inizio e già dopo poche ore o minuti, vengo preso da un senso di noia, vedendo che alla fine sono sempre tutti uguali, non hanno nulla di nuovo oppure copiano di più altri titoli, ma comunque non mi danno quel senso di volervi stare attaccato tutto il giorno che ho provato con pochi titoli quest'anno , e quindi deluso me ne torno a giocare a bd3 o ai soliti titoli che ho installato su ps4... Sembra che ormai tranne poche sorprese o titoli che già capisco che facciano al caso mio, il mercato videoludico non riesca più a sorprendermi, per voi è lo stesso?

Risposta scelta dall'autore della domanda
7 Utilità

Penso che l'età influisca su questo aspetto: sicuramente crescendo si diventa giocatori più "smaliziati" ed è più difficile provare forti emozioni, considerando tutta l'esperienza accumulata, l'effetto novità va un po' a smorzarsi, è inevitabile. Inoltre sono convinto che anche questa continua esposizione sul web a video gameplay, dirette streaming e trailer vari tolga un po' di "magia", nel senso che tutto viene spiattellato ed esaminato in un attimo, rivelando più del dovuto. Per esempio io, da ragazzino, potevo solamente attingere alle riviste specializzate del settore e mi facevo delle idee su un eventuale gioco di mio interesse esclusivamente attraverso le parole scritte negli articoli o nelle recensioni e dalle poche immagini correlate, nient'altro... Questo bastava ad alimentare mille congetture per capire come potesse essere il gioco in questione, tanto che il solo fatto di pensarle consentiva di accrescere il desiderio e il momento dell'attesa era vissuto in una maniera talmente intensa che poi si finiva per godere appieno di quel gioco, una volta ottenuto, a prescindere che fosse un capolavoro o meno. Non so se mi sono spiegato... Ora è diverso, siamo abituati a vedere tutto ancor prima di averlo, quasi come spettatori passivi. Il senso della scoperta è andato un po' a perdersi e secondo me è un peccato, perché fa parte dell'essere giocatori...

 

Già, proprio per questo quando so che un gioco mi interessa veramente mi piace più prenderlo al lancio e giocarlo direttamente ormai, senza seguire troppo quello che viene mostrato da recensori o influencer

Risposta scelta dall'autore della domanda
3 Utilità

Penso tu abbia una mezza "crisi spirituale", anche io ne ho avuto una qualche anno fa, non riuscivo ad aprezzare niente, mi faceva schifo tutto anche Rayman origins, RAYMAN ORIGINS il remake del mio platform preferito, una bestemmia.
Per fortuna poi mi è passata e ora ho 3 versioni di Rayman origins(pc,psvita,ps3 collector annessa).
Non so se il tempo sia l'unica soluzione per farla passare, per quanto mi riguarda mi ero accorto che non apprezzavo più niente, perchè pensavo più ai trofei che al gioco, quindi ho deciso di ripartire dalle origini, ovvero il divertimento.
Sono partito dal primo Tomb Raider per poi passare a giochi che non mi impegnavano a livello narrativo(solo puro gameplay semplice e funzionale), così mi sono ritrovato.
Prova a fare anche tu lo stesso, prova a farti una analisi interiore, per scoprire la causa del tuo blocco.
Sono del parere che almeno una volta nella vita questo capita a tutti

 

@Siegfried I giochi di South Park se ti piace la serie te li consiglio, a me ha fatto pisciare dal ridere il primo... Il secondo forse per effetto deja vu non mi ha sorpreso più di tanto ma credo che lo finirò

 

@RedWolf si li ho giocati, chiedevo appunto perchè trovavo strano che il primo ti fosse piaciuto e il secondo ti avesse dato noia.
Trovo il primo più riuscito a livello di gag, forse perchè nel secondo Cartman è meno presente.
Il secondo invece a livello di gameplay è molto meglio con quello schema a scacchiera.
Vedrai che il secondo a 3/4 del gioco ti farà scompisciare dalle risate

Risposta scelta dall'autore della domanda
3 Utilità

Oddvar ha ragione, ormai i giochi vengono "sviscerati" ancor prima di uscire e non c'è più gusto a scoprire cosa c'è di bello o no. Vi ricordate quando su Minecraft bisognava intuire da soli come craftare gli oggetti, oppure nei GdR quando scopri delle zone o dei mostri che pensavi non esistessero, o ancora quando compravi un gioco quasi ad occhi chiusi e ti si apriva un mondo bellissimo.
Mettici poi anche il fatto che oggi la maggior parte dei giochi si limitano all'accesso anticipato e faticano a divenire completi, altri promettono mille cose ma poi ne mantengono solo una, altri ancora hanno bisogno di una miriade di patch e aggiornamenti per risolvere problemi che si portano per mesi nello sviluppo.
Il fatto di cominciare a diventare asettico e intollerante, sopratuttto per quelli più grandicelli, è totalmente comprensibile e giustificato.

 

Già, motivo per cui preferisco guardare poco di ogni gioco che mi interessa, es death stranding, ho visto solo il primo trailer, per poi smettere di guardarlo totalmente fino a vedere la diretta di kojima, ovviamente non tutta ma ripresa in differita vedendo solo alcune novità, tanto per capire come procede per poi estraniarmi di nuovo dal titolo.

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

Semplicemente è perché hai voglia di giocare a bd3 e agli altri soliti giochi. Se inizi una saga (nonostante pensi che sia un capolavoro) senza effettivamente aver voglia di giocarla ti prende all’inizio e dopo un po’ va a scemare. Gioca sempre quello a cui hai voglia di giocare e quando te la senti di giocare i titoloni inizi anche quelli

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

A me capita quando prendo un gioco che mi piace molto ,tipo rdr2 di avere poi un vuoto e non riuscire a farmi piacere nulla nei mesi successivi. Ma poi passa.

 

Ovviamente se no non esisterebbero i capolavori ma non si può giocare sempre e solo ad un titolo, almeno io non ci riuscirei

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

E' la fregatura di diventare adulti: ti emozioni molto di meno per le cose. La poetica de "il fanciullino" del Pascoli parlava più o meno di questo, di saper mantenere la capacità di emozionarsi vincendo il cinismo dell'età adulta. Inoltre, concordo pienamente con Oddvar88, prima di internet, l'attesa del piacere era essa stessa il piacere. Ricordo Art of Fighting 2 per Neo Geo: passarono due anni da quando vidi la recensione prima che riuscissi a mettere da parte paghette, regali, soldi della merenda per comprarlo... e ogni giorno ci fantasticavo sopra. Quando l'ho preso, l'ho spolpato tipo per tutti i giorni di due settimane, poi ho chiamato i miei amici per rispolparlo insieme in partite uno contro uno. Oggi basta un longplay su Youtube e la magia è rovinata per sempre.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Ci sono le sorprese e non sono poche basta cercarle ahsisi, in generale i tripla a mainstream, non le esclusive Sony, Microsoft o Nintendo che sono super mainstream lo so ma di solito puntano a qualcosa di ambizioso e interessante, diciamo tripla a alla AC, sono poco interessanti secondo me, ho giocato sia origins che Odyssey quest'anno e mi hanno lasciato poco, se la noia generale arriva basta aspettare il titolo giusto, per me è successo con God of War che mi ha sconvolto, veramente un gioco della madonna con una storia poi, incredibile, adesso ho giocato greedfall, titolo appena uscito che si stanno cagando in pochi ma mi è piaciuto molto, ora aspetto death stranding, vediamo se sarà una rivoluzione, un gioco ok oppure una cagata, le mie aspettative sono altissime, io mi aspetto il gioco della vita non so come, kojima deve dimostrarmi come.
Insomma capita anche a me di annoiarmi con alcuni titoli, però poi arriva quel gioco che non esce tutti i giorni che ti fa rimanere a bocca aperta, oppure quel titolo che ti devi cercare, ho giocato Undertale qualche tempo fa e l'ho amato alla follia ho pianto come un bambino ma avevo 21 anni. Ci stanno i giochi belli, ci stanno.
Comunque ok è gusto personale ma mgsv noioso? Mmmmhhhh, è stato il videogioco che più mi ha divertito di questa generazione, ho amato alla follia il gameplay, ho amato tutte le meccaniche e gli elementi di gioco, per come la vedo io mi fa strano definirlo noioso, cioè solo gli spostamenti in elicottero interrompono un po' il gameplay e quindi annoiano, per il resto è un orgasmo infinito Phantom pain

 

A me la cosa che annoia di più nel nuovo mgs è l'open world..non ha senso, si trasforma in una specie di far cry( lo dico per i posti di blocco che sono ovunque poi ci sono le ovvie differenziazioni, non voglio assolutamente paragonarli) in cui devi essere forzatamente stealth e non fare troppe uccisioni per arrivare a un rank alto(com'è da sempre nella saga, ma che a me dopo 5 capitoli + quelli psp ha stancato).
Oltretutto le novità sono carine, però il gameplay prende molte cose dai capitoli su psp e la gestione della base è così confusionaria oltre che noiosa.

 

@RedWolf diciamo che i titoli che lasciano la finta libertà d'azione a me non sono mai piaciuti.
Per finta libertà intendo il darti un sacco di approcci e mezzi divertenti da utilizzare, ma poi per arrivare a un risultato concreto devi per forza giocare in una maniera prevista(es i dishonored, puoi fare qualsiasi cosa con quei poteri, però devi per forza agire in modo estremamente buono o cattivo, a seconda del finale che vuoi... Io l'ho trovata stupidissima come cosa).

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

A me personalmente l'effetto sorpresa non c'è più da moltissimi anni, Sarà perché sono diventato più grande non mi stupisco più di niente. Comunque so bene quello che compro perciò non mi stupisco. Anzi personalmente mi succede il contrario mi faccio piacere di più i giochi che non se lo meriterebbero

 

@RedWolf me li faccio piacere dipende. Se sono delle schifezze tipo goat Simulator allora no, Ma se è una roba tipo The Order 1886 Allora su alcuni difetti posso chiudere un occhio e farmelo piacere ed apprezzare in maniera sufficiente e personale.

 

@Bux92 beh ma quello credo tutti, vedi è una questione di gusti anche per te alla fine... Da come lo dicevi prima sembrava che giocassi anche alla cacca pur di giocare 😂

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Anche a me è successa la stessa cosa con MGS 5, l’ho iniziato e dopo un po’ l’ho abbandonato, non che sia un brutto titolo x carità ma non mi ha preso come i capitoli precedenti, io personalmente gioco pochi titoli all’anno, le ultime saghe che mi hanno appassionato di più sono i vari souls compreso Bloodborne, devo dire che quelli riescono a tenermi incollato al gioco per diverse settimane

 

@RedWolf vallo a spiegare ai fanboy / girls che ti massacrano peggio di un'orda di zombi su Dead Rising se affermi sta cosa.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Ci stupiamo di meno perché giocando da una vita abbiamo già "vissuto tutto" e quindi è difficile sorprenderci. Mi ricordo che quando ero piccolo giocavo allo stesso gioco o allo stesso livello per mesi e non sto scherzando😂😂 Poi c'è anche da dire che con l'arrivo di internet e dei social è cambiato un pò tutto perché se prima non si sapeva nulla del gioco che doveva uscire ora siamo bombardati da immagini e video di gameplay prima ancora dell'uscita del gioco rovinando un pò tutta la sorpresa. I periodi di stanca capitano a tutti o perché non si ha la voglia mentalmente di giocare perché crescendo si è molto meno spensierati oppure perché non escono giochi di nostro interesse ma poi capita quel periodo in qui esce quel tale gioco e la passione si accende più di prima. Io gioco un'ora o due al giorno se escono giochi che mi piacciono oppure se ho giochi da finire mentre posso restare anche per molto tempo senza videogiocare se non escono titoli di mio gradimento.

 

Ma io ho ancora quella parte che mi fa rigiocare I titoli continuamente piuttosto che smettere, certo quando rigioco ai titoli gioco poco durante la settimana rispetto a quando ho un titolo nuovo.. Ovviamente tempo permettendo

Intolleranza videoludica