Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Drako condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Drako, aggiungilo agli amici adesso.

Drako

ha scritto una recensione su Hollow Knight

Cover Hollow Knight per PS4

*umph* BAPANADA

Hollow Knight è semplicemente un miracolo di indie se si fa conto delle poche persone che formano Team Cherry. La qualità del titolo è fin troppo elevata, cioè puttana galera è così bello che ti fa incazzare per essere un indie, cioè dai come fai? Ma vaffanculo.
E' un mix di sensazioni troppo bello quando lo si gioca la prima volta, il carinissimo art style si sposa perfettamente con le ambientazioni, che han a loro volta delle musiche azzeccatissime, una delle mie location preferite è sicuramente Greenpath. Poi vabbeh io adoro gli insetti e tutto ciò che fa parte del loro mondo quindi sono un po' di parte per quanto riguarda questo gioco, ma comunque credo che ogni giocatore dovrebbe almeno dargli una possibilità. Comprendo che il genere metroidvania possa spaventare, ma io pure ho giocato a veramente poco e lo ho trovato molto accessibile, la difficoltà è crescente ma molto ben bilanciata, e ogni nemico/boss son veramente uno spettacolo da vedere e imparare (tranne i Watcher Knights, loro purtroppo porteranno gli sviluppatori all'inferno).
E' un gioco molto longevo ma allo stesso tempo con una grande rigiocabilità, c'è parecchio backtracking che potrebbe dar fastidio ma io personalmente non l'ho trovato ostacolante per il ritmo di gioco.
Devo ancora finire l'ultimo DLC comunque, e ho più di 40h di gioco.
Un gioiello che tutti dovrebbero giocare e apprezzare, una gigantesca lode al videogioco

Drako

ha scritto una recensione su Zone of the Enders HD Collection

Cover Zone of the Enders HD Collection per PS3

Non si capisce un cazzo quando combatti ma almeno è figo

ZoE1: Protagonista odioso, la sua tipa non muore neanche ed è ripetitivo da matti, con un doppiaggio pessimo, Un gigantesco prologo di 4 ore per il secondo capitolo.

ZoE2:AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
(però i pg parlano troppo durante le battaglie)

Drako

ha scritto una recensione su Hellblade: Senua's Sacrifice

Cover Hellblade: Senua's Sacrifice per PS4

In your sword still beats a heart

Una storia d'amore tragica ma così attuale per quanto riguarda la difficoltà del superare una perdita. Il tutto con la difficoltà della protagonista nell'affrontare la sua malattia mentale e i fantasmi del passato. Ninja Theory con questo gioco ha veramente dato il massimo e ha dimostrato che se vuole ci sa fare di brutto. Fin da subito abbiamo un combat system completo che non muterà nel corso della storia, ed è talmente immersivo e bello da vedere che non vedrete l'ora di un nuovo scontro ogni volta.
Scontri che si alternano ad enigmi ambientali non troppo ovvi e non troppo "tirati" o ostici, se non per un paio di eccezioni.
Doppiaggio e recitazione di livello altissimo, Senua è di un' espressività incredibile.
Se poi avete delle buone cuffie, usatele assolutamente perché il gioco utilizza l'audio binaurale, e avrete sicuramente un'esperienza ancora più assurda.
Le bossfight sono poche ma cristo ce ne fosse una che non meriti, sono così ben differenziate e spettacolari. Si sente tantissimo il peso delle mazzate che tirano i nemici e i boss, e pure il peso dei fendenti di Senua si sente di brutto, il tutto senza risultare lento o macchinoso, ma funzionando perfettamente. Unica nota dolente è forse la telecamera, dato che qua abbiamo il classico posizionamento "over the shoulder" con il nostro personaggio a sinistra, quindi con tanti nemici può risultare fastidioso, ma niente di estremamente dannoso all'esperienza.
Hellblade riesce davvero a catturare il disagio della protagonista e farlo capire al giocatore, il gioco riesce davvero a farvi venire un'angoscia sorprendente e un senso di pena immenso per la povera Senua.
Alla fine non è un titolo longevo e forse in certi momenti può anche sembrare che la storia venga tirata per le lunghe, ma se volete farvi un favore giocatelo, costa pure poco e merita di essere giocato ed apprezzato, è in giochi come questo che si nota davvero l'amore che uno sviluppatore mette in un progetto.

"Una vita senza perdite è una vita senza amore"

Drako

ha scritto una recensione su Darksiders III

Cover Darksiders III per PS4

Mi piacciono le donne che frustano

Darksiders 3 non è sicuramente eccellente ed è vittima della paura di THQ post Darksiders 2 e del poco budget utilizzato per svilupparlo. Il gioco questa volta prende un grosso spunto dal SoulsLike per quanto riguarda le meccaniche sulla morte e sulla valuta usata anche come exp. graficamente si nota che manca il tocco di Joe Mad, ma nonostante ciò trovo che abbia comunque un forte impatto visivo, certe zone (soprattutto i livelli subacquei) sono veramente uno spettacolo da guardare, con dei colori veramente bellissimi.
Gran complimenti anche al level design, davvero un grande passo avanti, la mappa dimostra di non essere per niente necessarie e si riesce benissimo a farsi un disegno preciso nella testa, davvero complimenti.
Dite anche addio alla miriade di puzzle ambientali di Darksiders 2 che andavano solamente a rallentare il ritmo di gioco. Tra l'altro erano enigmi lunghissimi ma di facile comprensione, qua invece sono sì semplici ma bisogna osservare bene l'ambiente circostante.. e puf, si risolvono subito. Decisamente più soddisfacente.
Nota dolente invece per la fluidità del gioco, i cali di frame anche se brevi certe volte son davvero frequenti, e in un gioco che richiede schivate precise non fa molto piacere.
Il combat system è decisamente il migliore della saga, appagante e frenetiche al punto giusto, la frusta di Furia è molto versatile e le armi che andremo piano piano ad acquisire riescono molto ad adattarsi a diversi stili di gioco.
E' incredibile come Darksiders 3 sia davvero uno dei migliori souls like sul mercato comunque.
A livello di trama gli eventi si svolgono durante l'esilio di Guerra trattato in Darksiders 1. Gli eventi non sono troppo significativi a dire il vero, si scopre giusto qualcosa in più su chi starebbe dirigendo tutto 'sto macello dell'apocalisse, ma ciò che davvero è riuscito a livello di narrazione è lo sviluppo della protagonista, Furia, che si rivela essere davvero la più umana tra i cavalieri, sono riuscito davvero ad apprezzarla molto (bellissimo tra l'altro il discorso molto anti-biblico che c'è ad un certo punto del gioco.)
Quindi a me va di prendere Darksiders 3 come una sorta di antipasto, perché è molto imperfetto, ma riesce davvero a far capire una cosa, ovvero che gli sviluppatori hanno ancora un sacco voglia di continuare questa saga e che sono molto appassionati al riguardo. Spero che le cose rimangano così, e gli auguro buona fortuna per tutto, perché io ci spero veramente un sacco che questa saga possa un giorno concludersi, ha ancora molto da raccontare

Non ci sono interventi da mostrare.