Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Gene92 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Gene92, aggiungilo agli amici adesso.

Gene92
Cover Bloodstained: Curse of the Moon per PC

Il gruppo spalla di Ritual Of The Night

Chi, come me, ha partecipato quasi dal principio alla campagna kickstarter di Ritual of the night ha semplicemente la bava alla bocca quando si nomina il titolo (più o meno come un cane quando gli mostri un pezzo di carne).
Dunque Curse of the Moon è stato un piacevolissimo antipasto, ma al di la di chi l'ha ricevuto gratis in quanto backer, consiglierei questo titolo a prezzo pieno (9,99€)? Assolutamente si.
Il gioco si ti porta indietro di molti anni, ma allo stesso tempo presenta un divertimento moderno, creando un mix fantastico. Per i giocatori più giovani, o per chi non se la sentisse di affrontare una sfida a vite limitate, è stata inserita una apposita difficoltà "casual" dove le vite saranno infinite e in caso di morte ripartirete da un checkpoint (abbastanza generosi).
Comincerete la vostra avventura con Zangetsu, uno spadaccino cacciatore di demoni; durante il vostro viaggio troverete altri alleati, che potrete decidere di unire al vostro gruppo, lasciarli perdere o addirittura ucciderli sbloccando un'abilità unica per il vostro protagonista. Tra questi alleati c'è anche Miriam, la protagonista di Ritual of The Night (Curse of the Moon è infatti un prequel del gioco principale).
Queste scelte non cambieranno solo il modo di giocare una run, ma addirittura potrete ottenere vari finali alternativi (tra cui uno che sbloccherà una run con un finale tutto suo). E questo ovviamente giova fortemente alla rigiocabilità del titolo.
Gli alleati avranno movimenti e abilità uniche, e in alcuni punti per accedere a premi secondari sarà fondamentale avere uno di loro nel party.
La durata di una singola run è abbastanza scarsa, parliamo di 2/3 ore. Ma considerando il basso prezzo, e il fattore rigiocabilità, ci può stare.
A mio avviso un must have per gli amanti dei Castlevania classici e un buono spunto per chi volesse provare un'esperienza videoludica molto lontana dai tripla A moderni.