Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Gene92 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Gene92, aggiungilo agli amici adesso.

Gene92

ha scritto una recensione su Code Vein

Cover Code Vein per PS4

L'anime dei Souls

Dopo tanti rinvii eccoci finalmente di fronte a questo nuovo Souls-like in salsa anime.
Ad inizio partita veniamo accolti da un editor gigantesco, probabilmente il migliore che abbia mai visto.
Passiamo subito a menar le mani. Il combat-system funziona bene e la trovata dei codici di sangue l'ho trovata veramente ben gestita, e qui mi soffermerò un po' in quanto è la vera novità che il titolo apporta al genere.
In pratica potrete cambiare classe al personaggio in qualsiasi momento; non tutte saranno sbloccate andando semplicemente avanti con la storia. Ogni classe offre una serie di abilità passive ed attive, ma solo in rari casi sarete vincolati ad utilizzare una determinata classe per sfruttare una determinata abilità.
Esempio: classe X ha un'abilità che vi permette di lanciare un dardo di ghiaccio, ma voi volete utilizzare quell'abilità mentre equipaggiate la classe Y. Avete due possibilità: 1)Pagate con la moneta di gioco (foschia). 2)Combattete con la classe X finché il vostro personaggio non la apprenderà definitivamente (tendenzialmente vengono apprese abbastanza velocemente).
In tutto potrete equipaggiare 4 passive e 8 attive (volendo sono switchabili anche durante il combattimento, ma mentre sarete nel menu il gioco non andrà in pausa).
Seppur la sfida sia tutt'altro che assente, il titolo è più accessibile rispetto ai giochi From. Anche perché potrete giocarlo interamente con un alleato (ho letto in alcune recensioni che avanzando con il gioco diventa inutile, non sono d'accordo). Volendo potrete anche giocare in co-op con un amico.
Oltre alle classi, ci sono anche molte armi e tipologie, spesso con move-set diversi. Nonostante tutte queste scelte ruolistiche, curiosamente durante il level-up non potremo selezionare cosa aumentare: il gioco automaticamente aumenterà qualcosa tra vita, forza d'attacco e vigore.
La trama è piuttosto articolata e perdersi sarà piuttosto facile, nonostante per la maggior parte non sia emergente come nei souls.
Difficilmente sentirete la mancanza di fanservice <3
La longevità si appresta attorno alle 25/30 ore, per completare tutto andrete sicuramente oltre le 40. A parer mio finisce quando deve finire, senza allungare troppo il brodo.
La struttura dei livelli offre degli shortcut "fighi" solo in rare occasioni, per il resto si limita al compitino dei corridoi biforcati. Tranne in alcune sezioni dove diventa esageratamente labirintica.
Deludenti sono assolutamente i dungeon opzionali: due strade da intraprendere per raccogliere due chiavi, apri la porta, boss, ripeti. Oltre alla struttura, rispetto ai livelli normali non sono neanche particolarmente ispirati.
Concludendo, è un prodotto che a parer mio è stato eccessivamente punito dalla critica (70 su metacritic proprio non ci sta); in quanto ci troviamo di fronte ad un titolo molto divertente e che, nonostante non osi a livello di originalità, si percepisce quanto sia stato ragionato per poter dare al proprio target la miglior esperienza possibile.

Gene92

ha scritto una recensione su A Way Out

Cover A Way Out per PS4

Ne facessimo di più di giochi co-op?

E' incredibile che un gioco concettualmente così semplice risulti una ventata d'aria fresca nel panorama videoludico.
Il titolo è indirizzato a quella fetta di pubblico che cerca solo un "relax" con un amico, perché di sezioni veramente impegnative ce ne sono poche/non ce ne sono. Penso che erroneamente questo sia ritenuto un difetto da molti, in quanto le cose da fare sono intuitive ma non al punto di far sentire stupido il giocatore.
La trama è molto gradevole, non troppo pesante da annoiare (cosa molto facile da fare in un gioco co-op).
Sono presenti anche molti mini-giochi.
La longevità è piuttosto bassa (circa 6 ore). A tratti ho trovato il gioco molto curato (molti dialoghi per azioni extra) in altri frangenti meno: ad esempio le fasi di shooting non hanno certo il feeling di un tripla A.
Il risultato è un'esperienza molto positiva, un titolo che non posso non consigliare a chi cerca questo genere di gioco con un amico.

Gene92
Cover The Liar Princess and the Blind Prince per PS4

Per i vostri momenti kawaii

Trattasi di un puzzle-game molto semplice sviluppato da Nippon Ichi Software (Disgaea).
Quel che ha fatto avvicinare molti giocatori al titolo è il comparto grafico, decisamente gradevole... anche se molte animazioni potevano esser realizzate decisamente meglio (ad esempio quando salta il lupo).
La storia è molto carina e pucciosa, vi terrà incuriositi per tutta la breve durata del titolo (circa 5 ore).
Lato game-design si poteva fare decisamente di più. In primis gli enigmi fin da subito non sono proprio geniali. Mi ha dato fastidio la facilità nel morire saltando in una zona dislivellata (saltando da fermo su un ascensore in discesa sono morto).
Complessivamente è un titolo che consiglio di provare se vi piacciono le cose molto kawaii.

Gene92

ha scritto una recensione su Silent Hill 2

Cover Silent Hill 2 per PS2

Il fascino del terrore

SH2 è uno dei titoli più elogiati dell'era PS2 da chi lo provò all'epoca, meritato o effetto nostalgia? Dal mio punto di vista più che meritato.
Questo titolo eccelle in quasi tutti i suoi aspetti, però voglio partire parlando del suo unico vero "limite", così da togliermi il pensiero: il gameplay è troppo ancorato alla scorsa generazione. Praticamente ci troviamo di fronte ad una versione perfezionata del primo SH, per questo apprezzo maggiormente nel complesso un titolo come RE4.
Detto questo però c'è da dire che quello specifico concept di gameplay qua è sfruttato veramente bene, in particolare gli enigmi con la difficoltà personalizzabile (non so quanti titoli utilizzassero questo feature all'epoca, mi viene in mente solo MGS2). Originalità a parte, forse l'unico altro aspetto di gameplay leggermente migliorabile è la facilità con cui si evitano i nemici e a volte la gestione della telecamera.

Dal mio punto di vista i "difetti" terminano qua. La grafica è pazzesca per l'epoca, ad un solo anno dall'uscita di PS2 già si riescono a riconoscere le espressioni facciali. Il sonoro fu per l'epoca un bel salto qualitativo. La OST è favolosa.
Dimentichiamo qualcosa? Beh, gli elogi su trama e personaggi qua si sprecano. Probabilmente è l'aspetto per cui il gioco è rimasto più impresso ai fan.
In particolare però è apprezzabilissimo come ogni nemico ed ogni location abbiano un significato ed una ragion d'essere veramente affascinanti. Questo ha contribuito a far speculare i fan per anni e anni.
Alcuni filmati sono semplicemente indimenticabili, come la scena dello specchio o il confronto con Maria nella seconda parte di gioco.

Apprezzo infine che, nonostante si tratti di un gioco che fa della tensione tutto, siano stati inseriti momenti dove il gioco stesso non si prende sul serio. Rischioso ma ben riuscito.

Per quanto riguarda i finali, è stato detto dagli sviluppatori che non esiste un finale canonico, ma dal mio punto di vista ricordando bene ogni dialogo solo uno coincide con tutto (ovvero "leave").

Non ci sono interventi da mostrare.