Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Su Gilly

Qui c'é un equivoco signori della corte, resuscito se la mia sorte é una condanna a morte: fortemente volli farmi i calli tra i folli per capire che non ero tra quelli, ma tra i ribelli.

Gilly condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Gilly, aggiungila agli amici adesso.

Asmodeus

Asmodeus ha pubblicato un'immagine nell'album Lal

Gilly

Gilly ha scritto una recensione su 7 years from now

Cover 7 years from now per Android

Le parole che non ho dimenticato le restituisco a te

Una frase tratta dal gioco per introdurre a "7 years from now", nome in italiano "ti aspetto tra sette anni". Il titolo offre un'esperienza da avventura grafica "moderna" il cui gameplay è molto essenziale e abbastanza guidato, ciò che lo farà da padrone saranno i dialoghi che riveleranno una trama sempre più intricata e profonda andando avanti. C'è molto da approfondire per tutta la storia, il cui arco narrativo, tra principale (che potrebbe già avere un senso come finale) ed epilogo (che in realtà a mio parere migliorano ancora la storia e vale la pena fare, e mi sa che è anche una sorta di true ending) spezzato in alcuni capitoli, copre quasi 10 ore. Ciò che sorprende è una grafica pixellosa ma in "alta definizione", pulita e senza sbavature per i personaggi e gli ambienti. Quest'ultimi sono pochi ma ognuno si divide in più sezioni, elemento complice insieme soprattutto alla storia, di non annoiare mai. A dire il vero, in quanto a storia lo definirei il "to the moon per Android" e dei poveri. Infatti il gioco è interamente GRATUITO per tutta la storia e gli epiloghi, escludendo le side stories a pagamento (che sono davvero molto opzionali, qualcuna è gratis e l'ho trovata noiosa). Una cosa è certa, in questo gioco quando avrai una novità succosa, si succederà un plot twist o un'altra informazione ancora più interessante ad arricchire l'esperienza. Il tema, è quello della malattia, dell'amore, dell'amicizia e... elementi fantascientifici (che sono tra i più grandi misteri dell'uomo, come ad esempio universi paralleli... e altro ma niente di impossibile o assurdo) che si uniranno ad altri più concreti ad occhio umano, dando corposità e maggior senso, intersecandosi perfettamente alla trama. Infatti, la trama non verrà mai sviata o resa meno solida da qualche (leggero) elemento fantascientifico che tra l'altro vuole essere spiegato dalla scienza e dal progresso in una realtà verosimile. Un piccolo input se proprio volete sapere è che in tutti i temi generali, si avvicina davvero a to the moon pur avendo storie totalmente diverse.
Dategli una chance se vi piace il genere di gioco e apprezzate giochi che hanno forte fondamenta nella propria storia. Tuttavia, essendo gratuito i punti deboli sono una traduzione italiana molto amatoriale o tradotta letteralmente nella lingua italiana che però può essere corretta in modo veloce mentalmente così da comprendere ogni aspetto del gioco; un altro appunto è forse l'essere abbastanza guidato anche quando non ci sono dialoghi ma non è il punto del gioco, e pochi ambienti. Tuttavia, come dicevo prima l'ambiente generale è diviso in più parti di solito e tutte sufficienti per narrare molto bene la storia. Voglio dire, probabilmente aggiungendo qualcosa in più si sarebbe perso l'elemento centrale e non sarebbe stato utile per la storia, con il rischio di aggiungere dialoghi noiosi. Ci sono anche delle pubblicità tra un capitolo ad un altro ma sono molto brevi (soprattutto nella storia principale dove si saltano appena compaiono o di 5 secondi, nell'epilogo leggermente di più) e poco invasive (infatti questa cosa l'ho aggiunta dopo alla ""recensione"" perché non sono state frustranti né un problema, e a parità di offerta del gioco me ne ero dimenticata). Dunque a mio parere l'unico problema rimane la traduzione che però non rende il gioco incomprensibile o ingiocabile. Ah ho già detto che è interamente gratis? Ora sapete cosa fare e diffondete il verbo.

9

Voto assegnato da Gilly
Media utenti: 9

Gilly

Gilly ha scritto in Serie TV

Final Space: avendolo "finito" (dovrebbe proseguire), posso dire di non aver mai visto una serie animata americana in cui tutto è reso intenso nella giusta misura: dal dramma, alla crudezza, ad elementi più da contorno che non la rendono pesante come istanti di leggerezza e puri combattimenti spaziali. Ma, l'intensità si fa massima nei momenti più da suspense, nei plot twist e nel "dramma"; senza contare che è fatto benissimo, dalla storia alle animazioni.
Ancora è solo alla prima stagione, ma posso dirmi soddisfatta finora.

Non ci sono interventi da mostrare.