Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Git condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Git, aggiungilo agli amici adesso.

Git

ha scritto una recensione su Killzone

Cover Killzone per PS2

Pierced from Within

Il marketing può elevare o affossare del tutto un gioco, il primo Killzone per PS2 ne è la prova.
Sony e Guerrilla, desiderosi di avere una IP che potesse rivaleggiare con Halo (nel 2004 sarebbe uscito anche Halo 2), pubblicizzarono Killzone come "Halo Killer" e questo si rivelò essere un azzardo pagato a caro prezzo tanto che, ancora oggi, la saga è spesso vittima di pregiudizi legati a quella campagna marketing.

Io all'epoca non avevo Internet e non leggevo riviste di settore, ricordo fosse passato qualche volta lo spot in televisione ed ero rimasto in qualche maniera colpito per cui lo comprai letteralmente alla cieca.
Parliamoci chiaramente, i due Halo erano su un altro pianeta ma il gioco Guerrilla ha saputo coinvolgermi fin da subito: merito di una atmosfera ottimamente resa, un nemico (gli Helghast) che ha sempre saputo colpire il mio immaginario fin dalla prima iterazione della saga, quattro personaggi giocabili, buon gunplay e una Campagna ben realizzata a livello di stage; persino il multiplayer con i bot fu per me una grande fonte di divertimento, pare che all'epoca Killzone online sia stato un pilastro del multiplayer PS2 ma non ebbi alcuna possibilità di provarlo.
Non è tutto oro quello che luccica: l'IA dei nemici è spesso rivedibile, il comparto tecnico soffre di diversi cali di framerate e si poteva fare un lavoro ancora migliore sui controlli.

Da lì in poi la saga ha continuato a salire di colpi divenendo a tutti gli effetti una delle mie saghe sparacchine preferite e una delle mie IP Sony preferite in generale, il primo Killzone è stato poi il gioco che mi ha convinto a dare una chance a questo genere per cui non posso che esserci molto legato <3
Purtroppo, come detto in apertura, Sony e Guerrilla hanno caricato eccessivamente di aspettative la loro creature e questo ha continuato a riflettersi negativamente sui capitoli successivi. E' sconfortante leggere che, per la fanbase di Horizon, Killzone non sia altro che un peso morto da abbandonare...

8

Voto assegnato da Git
Media utenti: 7.4

Git

ha scritto una recensione su Anarchy Reigns

Cover Anarchy Reigns per PS3

Max Anarchy

Nel momento in cui, allo scorso E3, Ninja Theory presentò Bleeding Edge la mia sensazione fu quella di trovarsi dinanzi ad un sequel spirituale di Anarchy Reigns.

Nonostante Platinum Games negli anni sia sempre stata sulla cresta dell'onda trovo che Anarchy Reigns non abbia mai ricevuto la giusta considerazione; l'uscita tardiva in Europa rispetto alla release giapponese e il marketing prossimo allo zero non hanno aiutato e il risultato è che il gioco Platinum in Occidente sia sostanzialmente passato inosservato.
E' un peccato poichè si tratta di un ottimo beat'em up a scorrimento in cui, come nei classici del genere, dovremo sconfiggere orde di nemici e relativi boss procedendo di stage in stage; sbloccheremo man mano nuovi personaggi ognuno con la propria caratterizzazione e il proprio moveset, alcuni di questi provengono da MadWorld per Wii e tramite apposito codice era possibile sbloccare anche Bayonetta sisi
Nei piani di Platinum Games ciò che avrebbe dovuto innalzare il valore del gioco sarebbe dovuto essere il multiplayer e posso dire che Anarchy Reigns, un po' come successo con MAG, sia il gioco giusto uscito nella generazione sbagliata: tra le modalità online di AR compare difatti la Battle Royale (fino a 16 giocatori) e, dato il roster variegato a livello di abilità, potremmo considerarlo un tentativo concreto di multiplayer hero-based... A vedere i video della versione giapponese possiamo notare le potenzialità dell'opera ma qui in Europa, per i motivi sopracitati, l'online non ha mai decollato e io stesso sono riuscito poche volte a giocare :(.

In conclusione, nonostante non si possa annoverare tra i capolavori di Platinum Games, Anarchy Reigns avrebbe meritato ben altra sorte essendo un solidissimo beat'em up a scorrimento e visto il lavoro svolto dalla software house sul multiplayer ma, a conti fatti, tanto il pessimo marketing quanto l'essere uscito nel momento sbagliato sono stati la pietra tombale. Oggi si trova in qualsiasi Gamestop a nemmeno 4 Euro, se ne trovate una copia non esitate :) !

Git

ha scritto una recensione su Mirror's Edge

Cover Mirror's Edge per PS3

Still Alive

Il Mirror's Edge originale è, senza mezzi termini, uno dei miei giochi preferiti della scorsa generazione.

Il titolo DICE all'epoca fu una ventata d'aria fresca non indifferente, i suoi meriti non furono unicamente quelli di trasporre nella miglior maniera possibile il parkour ma di costruirci attorno un level design capace di sfruttare al meglio le abilità di Faith e di premiare l'inventiva dell'utente nel creare da se nuovi percorsi (previa disattivazione della traccia rossa che indichi dove andare); è l'unico titolo di cui mi piace guardare i video relativi a speedrun e tempi migliori, certi giocatori sono capaci di fare dei veri e propri miracoli!
Le modalità Time Trials e Speedrun sarebbero state bene in una qualsiasi sala giochi vista la forte natura arcade e competitiva grazie alla continua ricerca del tempo migliore e alla possibilità di studiare i fantasmi dei migliori giocatori per perfezionare le proprie abilità.
L'unica scelta davvero evitabile e poi corretta in Catalyst (il quale, per quanto un buon gioco, non vale tuttavia un millesimo del capolavoro originale) è l'uso delle armi, le useremo in pochissime fasi ma la parte sparacchina lascia veramente a desiderare; anche il doppiaggio di Asia Argento, come quello del padre Dario nel primo Dead Space, è più fonte di comicità che di altro.

E che dire della parte tecnica? Ancora oggi, specie in versione One X Enhancements, Mirror's Edge non ha minimamente perso una briciola di carisma e non è unicamente l'uso dei colori a valorizzare la parte artistica ma osservate la resa realistica dei materiali delle strutture, la pulizia grafica generale, i giochi di luce... E lo stesso dicasi per la parte sonora, "Still Alive" è uno dei brani di accompagnamento più belli di un videogioco.

Nonostante siano passati 11 anni dall'uscita il primo Mirror's Edge resta uno degli esempi più brillanti di come un grande level design e un grande gameplay sappiano rendere immortale un'opera, considerato che questo titolo ormai si trova a due lire è un delitto, a mio avviso, non dargli una chance (per i possessori di One la versione 360 è retrocompatibile).

Git

ha scritto una recensione su Rocket League

Cover Rocket League per PS4

Behind the Wheel

A livello di giochi multiplayer questa generazione, per i miei gusti, è stata piuttosto avara non essendo amante di battle royale, MOBA, Hero Shooter e compagnia; Rocket League è uno dei pochi multiplayer a cui mi sono dedicato con passione assieme a CTR, Titanfall 2 e pochissimo altro.

Avevo giocato all'epoca a Supersonic Acrobatic Rocket-Powered Battle Cars e già allora il concept di base sembrava essere davvero efficace e con grandi potenzialità.
Rocket League prende quella formula limandola e perfezionandola, se uniamo questo all'uscita al D1 per gli abbonati al Plus il risultato è la nascita di uno dei fenomeni videoludici più importanti degli ultimi anni.
Ciò in cui eccelle il titolo Psyonix è nell'essere la pura espressione dell'Easy to Learn Hard to Master, siamo tutti bravi a colpire una palla e cercare di segnare ma ci sono tantissime variabili nel mezzo tra cui fisica, conformazione dell'arena, turbo, hitbox... Ogni giocatore ha i medesimi strumenti a disposizione e la differenza sta tutta nel saperli sfruttare al meglio. Il tutto senza dimenticare che fare i solisti non porta a nulla e specialmente in ranked bisogna saper giocare di squadra... Tante volte trovo più gratificante vincere smazzando assist e facendomi il culo in difesa che vincere da scorer primario sisi.

Concludo dicendo che, in previsione dell'acquisto di una Nintendo Switch, sono convinto di comprarlo anche in quella versione per poterne godere anche in formato portatile asd.

Non ci sono interventi da mostrare.