Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Immagine di sfondo Premi sull'immagine e trascinala per spostarla

Su Il Bivacco degli Scrittori (Comunità)

Benvenuti alla stanza ufficiale de "Il Bivacco degli Scrittori" . Vi piace leggere e/o scrivere, allora qui siete i benvenuti!

Gilly

Finendo la lettura di "Musica" di Yukio Mishima, parlando solo dell'autore, non posso che constatare di essere entrata nel vortice di un autore con cui mi ritrovo profondamente, come quando non sai di amare qualcosa e qualcuno te lo fa scoprire tramite delle parole che trasportano tutto te stesso, anche la parte più profonda e nascosta, altrove (ho letto ancora solo due opere sue, ma questa e quanto segue è la mia impressione per tutte le loro pagine). Amo la sua percezione drammatica che si staglia in un involucro di sogno in cui l'uomo si ritrova ad essere tale, imperfetto, solo con la sua limitatezza. È uno scontro e incontro sempre con la dura e cruda realtà, contornata da tutti quei fattori accessori - così profondamente dettagliati nelle loro descrizioni - che animano la vita, il desiderio materiale e la percezione delle cose di ognuno: esse vengono riportate lì, così fluide come una poesia d'amore, ma questo cantico per il mondo non può essere che così infimo di fronte agli eventi in cui l'uomo è intrappolato, vorrebbe scappare ma lui stesso né è in parte o del tutto coinvolto. È questo desiderio, di Mishima, che mi permetto di assodare dal suo stile, di continuo contrasto tra tutti questi elementi, nonostante tematiche così lontane tra loro (senza contare la sua grande cultura), di trasformare ogni lettore attento un po' alla volta, aggiungendo quanto meno un minimo di consapevolezza.