Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

JOHNTUNF condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere JOHNTUNF, aggiungilo agli amici adesso.

JOHNTUNF

ha scritto una recensione su Red Dead Redemption 2

Cover Red Dead Redemption 2 per PS4

Facoltativo

La nostalgia spesso infatua, distorce soprattutto e porta a conclusioni indefinite il giudizio su alcuni prodotti del passato, i quali menzionati come risposta a chi domanda quale sia tra i prodotti il preferito, e spesso meno vetusta la risposta più sale il dubbio sulla inesperienza del destinatario, e nasce una sorta di repulsione, ma a volte la risposta può essere riguardo un prodotto il quale tempo non è e mai sarà sotto la sua ala, anche se di prematura nascita, e vivrà di giovinezza e saggezza dal futuro dal primo acchito, arricchendo il più povero degli inesperti.

JOHNTUNF

ha scritto una recensione su Army of Two: The 40th Day

Cover Army of Two: The 40th Day per PS3

Azione 10 sostanza 0

L'armata del duo e i suoi 40 giorni, di cosa? Il gioco non lo spiega molto bene, in 1 giorno lo finisci e dopo nemmeno 3 te lo sei già dimenticato, quindi gli altri 36 non credo saranno rilevanti. Questo tps presenta i 2 classici cazzoni americani fronteggiare una guerra buttata a caso sullo scenario di Shangai, questioni politiche bla bla, non frega nulla nemmeno al gioco stesso, l'importante è creare un contesto per questa più che buona esperienza co op, sia online che split screen, di cui tempo fa ho avuto testimonianza, uno dei pochi ultimi veri giochi cooperativi del genere che si possono reperire, le meccaniche sono ben pensate e rendono, anche l'intelligenza artificiale del vostro compagno è pari ai mestoli che avete in cucina, ma giustamente il gioco vuole che lo giochiate con un altro giocatore, il gameplay diverte, la longevità è bassa come brunetta, buona la fisica dell'impatto offensivo nei scontri a fuoco, arsenale e accessori molto vari e tante esplosioni, ma uno dei piatti forti sono i bivi morali, di cui avrete le conseguenze una volta fatta la vostra scelta, interessantissimo e ben reso ma che non inficeranno o modificheranno il percorso narrativo, ma che serviranno a farvi sentire stronzi o magnanimi, antagonista anonimo a capo, di come già detto, una causa senza senso e appena abbozzata, ma l'importante e fare piovere più proiettili possibili.
Appena sufficiente se il giudizio vuole essere imparziale, ma fosse per il sottoscritto gli darei - 0, a causa del fatto di averlo voluto rigiocare a difficoltà alta malgrado il mio poco entusiasmo all' idea ma fattibile vista la longevità pari allo schioccare le dita, non mi sblocca i trofei riguardanti difficoltà e alcune robe che e avrei dovuto conseguire all epilogo, rendendo invano tutto, sarà stato un bug o il psn che è bastardo, però fanculo l'armata delle due teste di cazzo, i 40 giorni li dovete passare al cesso con la diarrea

JOHNTUNF

ha scritto una recensione su Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX

Cover Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX per PS3

Riflusso(o reflusso)su Kingdom hearts chain of memory

È una vera mefitica, soporifera, idiosincratica, emicranica, labirintica e stantia catena montuosa dimmerda. Giocato mesi fa, dopo un tutto sommato apprezzato primo capitolo, arriva questo porting nato da un intuizione terrificante, unendo yu ghi oh e la briscola a kingdom hearts il cocktail di stronzate è servito. Fastidioso, dispersivo e ridondante sistema randomico dei livelli che personalmente odio, gameplay stravolto che diventa un gioco dei pokemon e l'orrendo combat system ignobilmente macchinoso, con quel fottuto mazzo di carte vacci al baretto. Mai finito, le mie palle non hanno retto dopo 1 ora di gameplay finendo nell'oscurità insieme a minni geppetto paperoga e clarabella. Forse quello che ho scritto non è precisamente ciò che penso dei difetti, ma ho talmente un vuoto di questo capitolo demmerda che non mi ricordo una fava, nemmeno dei motivi che me lo hanno fatto abortire, forse sono diventanto un nessuno o forse sto gioco del cazzo mi ha sedotto con una pillola dello stupro durante il poco tempo che gli ho dedicato.

JOHNTUNF

ha scritto una recensione su Sonic The Hedgehog

Cover Sonic The Hedgehog per Xbox 360

Sono bastati 40 minuti..

Per decretare questo gioco il salvator dalì della merda, il periodo marrone di picasso, un gioco sconsigliato a chi soffre di depressione, bipolarismo e disturbo dell'umore.
La mia breve ed intensa esperienza comincia con il classico "filmato iniziale anime di jrpg fantasy X del cazzo", ma cosa centra un tema alla final fantasy con sonic? Se poi l'incipit è quello di super mario? Salva la delicata e fragile principessina della mia fava dall'orco obeso tiranno.
Qualche downgrade grafico dopo, il gioco vero e proprio inizia in quella che sembra una frazione di cernobyl, una spoglia, senza dettagli e fredda cittadina sull'acqua, nociva per sonic forse per via delle radiazioni, dove vige ancora l'unione sovietica in quanto è costellato da guardie che non mi fanno andare da nessuna cazzo di parte, il ceto medio è preso in preda alle convulsioni quando sonic rivolge loro la parola, forse perché gli è strano vedere un porcospino cartoonesco con le scarpe compenetrare nei muri della città.
Nei comandi la prima cosa che si fa notare è la maledetta telecamera, ingestibile e caotica, sonic è troppo rapido in piccoli movimenti, l'analogico vomita in relazione al comando.
Sonic incontra il suo fastidiosissimo amico giallo che anch'esso decide di adoperare le usanze locali e si bugga tra le pareti, parlo causalmente con un calzolaio che mi dona delle scarpe se completo un percorso senza senso, con queste calzature sonix spicca un salto guardacaso lungo un segmento di anelli proprio verso il portale per iniziare il mio primo stage, il mio primo ed ultimo stage..
Il gameplay di questo gioco è terrificante, noioso e deprimente, l'antitesi della frenesia, ho ascoltato i pianti dei bambini del terzo mondo durante il percorso, triste , vuoto e sconcertante, sonic senza motivo salta sopra la pinna di un orca e le cose non fanno che peggiorare, si prende il comando dello stronzo giallo, ancora più ingestibile, dopo una serie di svogliati tentativi, finisco sott'acqua..anzi sotto terra..., capisco di essere incappato in un gameover, ma dietro la schermata che me lo fa intuire mi aspetta una sgradita sorpresa, il gioco pretende di dover ricominciare tutto da capo, dallo stronzissimo filmato iniziale di final fantasy. È abbastanza per me, la sofferenza ha raggiunto il culmine.
L'unica pulce che avevo era di scoprire come malamente la trama si sarebbe sviluppata attraverso un setting cosi delirante...non l'avessi mai fatto. Tutta la trama è costellata dall' espediente dei viaggi nel tempo, che diventa ridondante quando usata da sceneggiatori incapaci di non volere trovare linee logiche nella stesura di una storia, in quanto tutto ciò diventa confusionario dovendo sottostare alla logica del mondo narrativo, ma sopratutto della vomitevole, imbarazzante e furry storia d'amore tra la principessina anime e quell'imbecille di sonic, con tanto di bacio lovercraftiano a memoria.
Forse era meglio una trama bambinesca ridotta all'osso come quella di sonic generation piuttosto di ritrovarsi l'ennesimo final fantasy del cazzo con la sua imbarazzante serietà, almeno potevano salvare questo particolare dato il disastroso comparto tecnico.

0.5

Voto assegnato da JOHNTUNF
Media utenti: 3.3

Non ci sono interventi da mostrare.